doc Ignoranza medievale contemporanea
_ scritto il 12.04.2013 alle ore 14:10 _ 16662 letture
img

E' passato più di un mese dal tremendo incendio (doloso) che ha distrutto la Città della Scienza a Napoli e sull'argomento ne ho veramente lette tante di cose ai confini della realtà. Mi era però sfuggita questa perla di Camillo Langone, che al termine di un suo articolo riesce a scrivere quanto segue (giuro, c'è anche il link):


dall'articolo "Dovevano bruciarla prima " di Camillo Langone, pubblicato su Il Foglio

[...]
Quindi ho cercato di capire meglio quali fossero queste benedette attività culturali, non potevo credere che Bennato si riferisse solo ai telescopi e ai caleidoscopi. Ho scoperto che nei capannoni dell'ex Italsider si propagandava l'evoluzionismo, una superstizione ottocentesca ancora presente negli ambienti parascientifici (evidentemente anche nei residui ambienti cantautorali). Il darwinismo è una forma di nichilismo e secondo il filosofo Fabrice Hadjadj dire a un ragazzo che discende dai primati significa approfittare della sua natura fiduciosa per gettarlo nella disperazione e indurlo a comportarsi da scimmia. Dovevano bruciarla prima, la Città della Scienza.


La mole di cieca ignoranza che traspare da queste parole è talmente grande che credo sia superfluo aggiungere altro. La cosa che mi colpisce di più sono le decine di migliaia di "mi piace" raccolte da quell'articolo e da articoli simili in giro per la rete, come se l'evoluzione fosse una teoria confutabile e non qualcosa di ormai riscontrato attraverso innumerevoli prove. Forse è il caso di non dire a queste persone che in realtà non discendiamo dai primati, ma siamo primati. Non oso immaginare quali cazzate scriverebbero e quali medievali crociate sarebbero pronti a intraprendere se facessero questa scoperta.
Darsch
_ chiavi di lettura:scienza, evoluzione, superstizione, religione

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 12.04.2013 alle ore 14:14
Tra l'altro mi chiedo (e come me se lo chiedono in molti): ma nel nostro paese non esiste più una cosa chiamata "apologia di reato"?
_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 12.04.2013 alle ore 15:09
Non esiste nemmeno la cosa chiamata "reato", figurati se esiste quella chiamata "apologia di reato".
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 15.04.2013 alle ore 21:27
Incommentabile.
_ Commento di LuPoN _ profilo homepage
_ scritto il 25.04.2013 alle ore 16:53
no comments, really

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 27 ospiti
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.541.950
Post totali: 1281
Commenti totali: 6883
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0