doc Jack Finney - "Indietro nel Tempo"
_ scritto il 11.02.2015 alle ore 12:33 _ 2279 letture
img

Quando parliamo di viaggi nel tempo in genere la nostra mente viene subito invasa da un turbine fantascientifico di macchine futuristiche, automobili improbabili, wormhole al limite dell'immaginazione o portali alieni. E se invece per tornare indietro al secolo scorso non servisse nulla di tutto ciò? Se bastasse un po' di concentrazione, addestramento e la giusta attitudine mentale, perché, semplicemente, il passato in un certo senso coesiste col presente e ne permea strettamente le trame dello spazio-tempo? E' quello che succede in questo spettacolare romanzo di Jack Finney, che rielabora le riflessioni di Einstein sulla relatività e sull'accessibilità delle varie epoche, e ci costruisce intorno una storia al tempo stesso avvincente e poetica.

Avvincente perché il protagonista - un illustratore un po' insoddisfatto di nome Simon Morley al quale viene fatta una proposta da un'agenzia governativa riguardante un progetto top-secret - si troverà invischiato in una serie di accadimenti molto ben congegnati e dosati in modo praticamente perfetto. Poetica perché l'intero libro è permeato di puro, autentico amore per l'Ottocento, che trasuda da ogni descrizione e da ciascuno dei molti, bellissimi disegni di cui "Indietro nel tempo" è corredato. Un viaggio nostalgico in un'epoca di cui l'autore è palesemente innamorato e che tratta in modo minuzioso e accurato, come un collezionista farebbe mentre spolvera i suoi cimeli. A distanza di mesi dalla lettura ancora riesco a percepire l'incredibile vitalità e il realismo che Finney è riuscito a trasmettere in quelle pagine.

Un vero capolavoro, per quanto mi riguarda.

Se vi ho stuzzicato anche solo un minimo, fatevi un favore: leggetelo tutto d'un fiato, cercando di non anticiparvi nulla sulla sua trama. Poi fatemi sapere.


"Indietro nel Tempo" - Jack Finney, Marcos y Marcos, traduzione di Marco Pinna e Riccardo Valla, 2004

Le facciate delle case illuminate dalla luce a gas. Il cielo invernale. Anche questo, è vero, è un mondo imperfetto, ma, mi dissi, traendo un profondo respiro che mi gelò i polmoni, almeno l'aria è pulita. I fiumi scorrevano intatti, come avevano sempre fatto. E la prima delle guerre terribili era a decenni di distanza. Arrivai in Lexington Avenue, piegai verso sud, e, con le luci gialle di Gramercy Park che brillavano in fondo alla via, mi avviai verso il numero 19.



[Questo post è stato pubblicato su la Libreria Immaginaria, se vi interessa leggere altri commenti ecco il link]
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, fantascienza, recensioni, la libreria immaginaria

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 12.02.2015 alle ore 00:49
Fatto! Letto qualche tempo fa e confermo quanto dici, un libro davvero impressionante! Rispondo anche io con una citazione:

<<Ogni azione compiuta nel mio tempo comportava inimmaginabili conseguenze future, eppure ne compivamo in ogni momento. E adesso quel particolare futuro che era la mia epoca si sarebbe dovuto rassegnare a correre il rischio.>>
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 12.02.2015 alle ore 11:26
Allora sei tu ad avermelo consigliato!?!
Non ricordo chi l'ha fatto, ma prima o poi lo scoprirò e lo ringrazierò! >.<
_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 12.02.2015 alle ore 13:19
Sicuramente ne parlo bene in ogni occasione :D magari hai letto la recensione sul sito!

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 67 ospiti
Ultimi utenti registrati: Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.632.406
Post totali: 1285
Commenti totali: 6886
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0