doc Ultime letture: Fischer, Faletti e Vonnegut
_ scritto il 19.05.2008 alle ore 17:09 _ 2651 letture
img img img

Vi aggiorno sulle letture dell'ultimo periodo. Non sono moltissime, ma ora come ora leggo solo in metropolitana, quindi diciamo piu' o meno un'oretta e mezza al giorno o poco meno. Devo dire che non mi dispiace affatto come ritmo, perché tra una lettura e l'altra ho il tempo di assimilare e ripensare a quello che ho letto, cosa difficile da fare nel caso si venga colti da raptus divora-libri. La cosa funziona particolarmente bene per i saggi, in cui tipicamente c'è da mettere quel pizzico di ragionamento in più rispetto ai romanzi. Con mia somma felicità (non amo i mezzi pubblici) tra poco, per esigenze lavorative, mi vedrò costretto ad andare in macchina, dunque dovrò cercare metodi alternativi per ritagliarmi un po' di tempo per la lettura. Purtroppo ho notato che la mia capacità di immagazzinare e ricordare quello che leggo è inversamente proporzionale all'ora, ossia se mi metto a leggere la sera prima di andare a letto, il giorno non ho un ricordo limpido di quello che ho letto, il che non è molto simpatico! :D Quindi boh ... in qualche modo farò... a costo di leggere solo nel week-end...

Bando alle ciance, ecco brevemente le mie impressioni sui tre libri che ho letto ultimamente. Ah, tra parentesi: ve li consiglio caldamente, soprattutto il primo, il secondo e il terzo... ... ... :DDD


[1994] Tibor Fischer - "La Gang del Pensiero"

E' la seconda volta che leggo questo libro, e di nuovo non posso che fare un applauso a Tibor Fischer per aver creato un'opera davvero affascinante. La storia è quanto di più cinico e divertente abbia mai letto, e lo stile dell'autore è originalissimo, diretto e frizzante, dalla prima all'ultima pagina.
Il protagonista, Eddie Coffin, è un filosofo piuttosto incline all'alcol, un po' sfigato e fuori dalla norma. Per motivi che non vi anticipo, si ritrova a dover scappare dalla Gran Bretagna e si rifugia in Francia, dove conosce uno sfigatissimo rapinatore. Da quell'incontro nasce un'ispirazione che viene, quasi per caso, messa in pratica in modo più o meno continuativo: unire la sua professione alle rapine in banca. Tra profonde citazioni filosofico-umane e rocambolesche avventure, il libro mostra l'interessante tendenza a sfuggirti dalle mani, e in men che non si dica ci si ritrova catapultati in un mondo ruvido e affascinante al tempo stesso. Consigliatissimo, se non altro perché è Dannatamente Divertente, con entrambe le 'D' maiuscole!


[2002] Giorgio Faletti - "Io Uccido"

Tutti me ne avevano parlato in modo entusiasta, così, incuriosito fino al midollo, ho iniziato anche io a leggere il primo lavoro letterario di Faletti, e vi assicuro che ne è valsa la pena. "Io uccido" è un thriller come non ne leggevo da molto tempo. Incalzante, cupo e profondo. La caratterizzazione dei personaggi gioca un ruolo fondamentale, e la bravura di Giorgio si vede soprattutto in questo: saper dipingere la personalità e la mentalità di una persona in un modo così vivido da fartici affezionare. Inserite questi personaggi all'interno di una storia veramente ben congeniata, ricca di intrecci e colpi di scena. Condite il tutto con un'atmosfera letteralmente palbabile e con una capacità di descrivere le scene particolarmente crude con un realismo che riesce ad arrivare ad un livello molto profondo, toccando tasti che ti fanno rabbrividire.
Non l'avrei mai detto, ma devo ammetterlo: quest'uomo ha davvero talento per i thriller, e questo libro ne è la conferma. Non vedo l'ora di leggere anche gli altri!
Provatelo, c'è anche in versione economica, non ve ne pentirete.


[1959] Kurt Vonnegut - "Le Sirene di Titano"

Questo libro mi è stato caldamente consigliato (e prestato) da un amico, e devo dire che non lo ringrazierò mai abbastanza perché merita davvero di essere letto almeno una volta nella vita! Se vi piace la fantascienza e le situazioni assurde, sicuramente è il romanzo che fa per voi. Oltre ad essere divertentissimo e pieno di situazioni paradossalmente comiche, è ricco di spunti geniali e ad un livello più profondo vuole rappresentare una sorta di satira pungente e molo intelligente sull'uomo, sulla guerra e sul senso della vita in generale. Assolutamente consigliato, conto di acquistarlo e rileggerlo nell'immediato futuro.
Per farvi venire l'acquolina in bocca vi riporto una piccola anticipiazione sulla storia. Sebbene rappresenti un piccolo accenno alla trama del libro, se proprio odiate gli spoiler, anche quelli più piccoli, vi consiglio di non leggere il box seguente.


la sezione "Trama" su Wikipedia

Uno strano fenomeno, che attira numerosissimi curiosi, avviene con cadenza periodica a Newport in Rhode Island. Winston Niles Rumford ed il suo cane Kazak si "materializzano" e per poco tempo ritornano fra le mura domestiche, la sontuosa villa in marmo dove ancora vive Beatrice, la moglie di Winston.

Winston, uomo di stile e ardimento, la prima persona a possedere una nave spaziale privata, era sparito tempo addietro mentre era ai comandi della sua nave in viaggio per pianeti remoti, risucchiato in un infundibulo cronosinclastico non segnato sulle carte, a due giorni da Marte.

Difficile spiegare cosa sia un infundibolo cronosinclastico, la migliore spiegazione è quella che dà il dottor Cyril Hall nella Enciclopedia per ragazzi di meraviglie e cose da fare:
"Crono significa tempo. Sinclastico significa incurvato dalla stessa parte in tutte le direzioni, come la buccia di un'arancia. Infundibulum è il nome che gli antichi romani davano all'imbuto. Se non sai cos'è un imbuto, fattene mostrare uno dalla Mamma." L'infundibolo cronosinclastico è il luogo dove tutte le specie di verità si incastrano perfettamente fra loro, il luogo dove tempo e spazio perdono significato e dove Winston, forse, ha scoperto il significato della vita sulla Terra.

Gli uomini più importanti e dotti fanno a gara per assistere alla materializzazione e stavolta fra gli spettatori, invitato direttamente da Winston, c'è anche Malachi Constant, l'uomo più ricco degli Stati Uniti. Durante l'incontro Winston racconta a Constant tutto ciò che lo attende nel prossimo futuro, una sequenza di avvenimenti che stravolgerà il corso della sua vita e la storia della Terra, avvenimenti che potrebbero sembrare improbabili e che tuttavia devono per forza accadere.

[...]



Bene, spero di avervi fatto venire un pizzico di curiosità ... mi raccomando se avete letto o se doveste leggere uno di questi libri, non esistate a dire la vostra!

Il vostro cronosinclasticoinfundibolato Darsch di fiducia!
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, filosofia, thriller, fantascienza, fischer, vonnegut, recensioni, potpourri

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 35 ospiti
Utenti più attivi del mese: Althea (3), Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.499.181
Post totali: 1281
Commenti totali: 6876
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0