doc Discriminazione e mancanza di rispetto: il problema siamo noi!
_ scritto il 15.09.2008 alle ore 09:59 _ 2298 letture
E' inutile trovare sempre il capro espiatorio, addossare tutto al solito responsabile. "E' colpa delle istituzioni!", "E' colpa di quello!", "Ma io che c'entro?", "Dio non mi vuole bene!". La colpa è nostra, della nostra mentalità, di quella maledetta molla che scatta in molti di noi e che ci offusca uno dei valori più importanti che abbiamo: il rispetto per il prossimo, affiancato magari da un minimo di umiltà e un pizzico di comprensione.

Leggete questo post di Black Cat, tutto, per favore.

Io sono una persona molto tranquilla e pacifica, e tendo a non reagire mai con violenza fisica. Preferisco di gran lunga affrontare la situazione in maniera verbale, perché con le parole (guarda un po') si instaura un DIALOGO, e a volte (non troppo spesso) capita anche che riesci a far ragionare la gente. Il problema però è che certa gente le parole non le capisce, o è talmente limitata da non recepirle. Perché, seriamente, ad una persona che ti risponde "Ma se non è normale non lo deve portare in mezzo alla gente", ma che gli vuoi dire? Credo che anche io sarei rimasto senza parole... come sono rimasto senza parole nel leggere la nauseante vicenda che è capitata a Black Cat.

Io non pretendo certo l'impossibile, ovvero un mondo di persone comprensive, umili e rispettose del prossimo (anche se non sarebbe male... guardate l'educazione e l'indole dei cinesi e poi ne riparliamo); ma se proprio hai qualche neurone fuori posto che ti spinge, per qualche oscuro motivo, a disprezzare in quel modo un bambino, di qualsiasi colore sia la sua pelle, qualsiasi siano le capacità fisiche o intellettive che madre natura gli ha donato, quella cazzo di bocca faresti meglio a tenerla chiusa. Perché una coltellata al fegato gli avrebbe fatto sicuramente meno male. A tutti e due.


Parte del post di Black Cat

[...]
Mio figlio, che non è SCEMO, non parla ma capisce tutto, sentendosi urlare dal fotografo, da quello che digitalizzava le immagini e dalla claque che questi due individui hanno sollevato ed aizzato, si mette a piangere, deriso ancora dal fotografo che lo fa scendere dal piedistallo di fortuna che avete improvvisato davanti alla macchina, facendolo pure inciampare. A nulla valgono le imbarazzate scuse della guardia giurata,che poco prima aveva tranquillamente familiarizzato con mio figlio. L'umiliazione che è stata data dai Vostri incaricati, che avrebbero dovuto lavorare con i bambini, a un piccolo di quattro anni che ha la sfortuna di avere una sindrome che poco gli fa avere contatto visivo con il resto del mondo e non lo fa parlare, è stata una cosa lacerante. In lacrime, con il torace scosso dai singhiozzi, umiliato, deriso, leso nella propria dignità di bambino non neurotipico.
[...]



Leggendo i vari commenti al post, in cui oltre a dolcissime parole di solidarietà si leggono anche inviti a non mettere più piede in quella catena di negozi, mi viene da rifare lo stesso discorso da un altro punto di vista. Posso essere d'accordo nel non frequentare più QUEL particolare negozio, almeno finché la direzione non prenda una posizione in merito, ma boicottare un'intera catena di supermercati perché un paio di elementi in una filiale si sono comportati in maniera riprovevole, è altresì sbagliato. A mio modo di vedere rappresenta un ottimo esempio del famoso detto "il male genera male". E' continuando a ragionare così che si crea quel senso di prepotenza e malafede che permea la nostra società moderna.
Darsch
_ chiavi di lettura:discriminazione, figli, rispetto

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Roberto _
_ scritto il 15.09.2008 alle ore 12:12
ci sono persone talmente insensibili al mondo che farebbero meglio a stare zitti. sono loro che dovrebbero stare a casa, invece di andare in giro. Poi se un giorno dovesse succedere a loro di avere problemi allora forse capirebbero. La dignità di una persona è un valore assoluto che non dipende dalle sue possibilità.

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 51 ospiti
Utenti più attivi del mese: Althea (3), Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.500.882
Post totali: 1281
Commenti totali: 6876
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0