doc Obesità infantile: di chi è veramente la colpa?
_ scritto il 29.09.2008 alle ore 10:27 _ 2659 letture
Stavo leggendo di una interessante petizione promossa da Altroconsumo contro il marketing aggressivo dei prodotti non salutari destinati ai bambini. Il concetto di fondo è giusto: in effetti siamo bombardati quotidianamente da pubblicità di ogni genere, che fanno leva soprattutto su personaggi famosi, cartoni animati o soprese allegate al prodotto. Leggendo il sito mi è balenato per la testa il paragone con le pubblicità degli alcolici, che io vieterei totalmente, ma quest'associazione è forse un po' esagerata.

Perché?

L'alcolico è destinato ad un pubblico ADULTO, un pubblico cioè che prima o poi, sicuramente, becchi davanti alla televisione (perché questo genere di messaggi promozionali gira a tutte le ore, in qualsiasi fascia televisiva). Visto quindi che la televisione ha un fortissimo potere persuasivo, e la pubblicità in generale fa leva proprio su questo, non mandare in onda uno spot del genere può fare la differenza. Ne sono stra-convinto.

Per quanto riguarda i più piccoli, invece, la differenza la dovrebbe fare qualcun altro: i genitori! Le promozioni destinate a questo pubblico sono molto più incalzanti perché la fascia oraria è limitata e soprattutto perché, in teoria, non dovrebbe essere facile trovare il bambino seduto davanti alla tv. Il bambino non dovrebbe accendere la TV quando gli pare. Il bambino non può prendere carta di credito e macchina, e andarsi a comprare la merendina quando desidera. Il bambino, in sostanza, può solo chiedere. Chi dovrebbe dirgli di no è il primo VERO filtro di tutta questa catena. Se questo filtro funzionasse, probabilmente Altroconsumo oggi non avrebbe messo in piedi questa iniziativa.

Concludendo, quindi, la petizione è giustissima, ma rendetevi conto che se un'associazione di consumatori l'ha messa in piedi, il motivo è che in Italia ci sono tantissimi bambini che vengono letteralmente parcheggiati davanti alla TV, che assimilano tutto quello che viene vomitato da quella scatola, che crescono abituati ad avere tutto quello che vogliono e che, una volta adulti, non chiederanno più, ma pretenderanno.
Darsch
_ chiavi di lettura:figli, genitori, televisione, pubblicità, educazione

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 49 ospiti
Utenti più attivi del mese: Althea (3), Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.497.101
Post totali: 1281
Commenti totali: 6876
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0