doc Natale, consumismo e ipocrisia - nulla di nuovo sotto l'albero
_ scritto il 27.12.2007 alle ore 16:02 _ 2199 letture
Sono ancora troppo appesantito dai pranzi/cene natalizi per tentare anche solo di formulare un periodo degno di nota. Volevo però ugualmente stimolare un qualche tipo di riflessione.

Siamo in periodo natalizio, siamo tutti felici, ci scambiamo i regali, ci abbuffiamo con amici e parenti. E va bene così. Ma vi chiedo di fare una prova, se potete: chiedete ad un qualsiasi bambino CHE COS'E' il Natale, e PERCHE' si festeggia. Molti non lo sapranno. Altri risponderanno "E' il compleanno di Babbo Natale" o "E' quando Babbo Natale arriva e ci porta i regali se siamo stati buoni". Ma è normale, perché sono cresciuti in una società che ormai tratta il Natale come mera festa del consumismo. Persino in TV si parla solo di "albero di Natale" e di "Babbo Natale", ma MAI una sola volta di Gesù.

A me interessa relativamente, perché non sono credente. Per me è come una sorta di "compleanno globale", un'occasione per fare qualche pensierino alle persone cui voglio bene e stare un po' con i parenti che, per una cosa o per l'altra, non vediamo troppo spesso. Ma finisce lì. Non sento nessuna atmosfera particolare, non più almeno. Tutto è diventato piatto, ciclico, spento. Gente che non sa neanche cosa voglia dire la parola "fede" a Natale impazzisce e va a seguire 3 messe al giorno, si alza a tavola per dire la preghiera, va con la famiglia a fare il giro dei presepi senza neanche minimamente sapere cosa sta guardando. Ma per favore, statevene a casa sotto il vostro alberello a scartare l'ennesimo maglione, che è molto meglio...

Un po' di coerenza... prima di tutto verso noi stessi.

Vabbè, torno a digerire che è meglio... non fateci caso... ;)
Darsch
_ chiavi di lettura:consumismo, festività

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 03.01.2008 alle ore 15:08
Beato te, io ho perso un chilo, tra febbre e maledizioni annesse :D
La nostra (ma soprattutto quella di chi oggi è sulla quarantina) è stata una generazione senza valori e senza eroi, i bambini di oggi sono solo l'inevitabile risultato.

La Trinità è Dio, Gesù e la TV (la rima è anche molto apprezzata in certi casi)

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 30 ospiti
Ultimi utenti registrati: cri71, Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.728.252
Post totali: 1297
Commenti totali: 6891
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0