doc 2020: torna il nucleare
_ scritto il 03.03.2009 alle ore 10:26 _ 1937 letture
img
Pare proprio di sì: entro il 2020 in Italia dovrebbero essere costruite quattro centrali nucleari EPR di terza generazione, frutto di un accordo con la Francia firmato lo scorso 24 febbraio da Berlusconi e Sarkozy. Evito di riproporvi il solito discorso sulle energie rinnovabili, tra cui cito la geotermica e la solare termodinamica, perché potrebbero essere sfruttate veramente bene se solo lo volessimo (di quest'ultima ne avevo già parlato). Evito anche di ribadire come trovi assurdo che non si stanzino fondi adeguati per la ricerca in un ambito che potrebbe realmente stravolgere tutto (e parlo anche della fusione).

In questo post volevo solo ricordare a tutti che le centrali EPR di terza generazione che probabilmente verranno costruite, non risolvono il più grande dei problemi legati al loro esercizio: quello delle scorie. E' vero, sono molto più sicure di qualsiasi impianto di seconda generazione attualmente funzionante (ovvero la stragrande maggioranza delle centrali nucleari disseminate in giro per il globo), e in tal senso mi sentieri di dormire sonni abbastanza tranquilli (si parla di un target di sicurezza di 100.000.000 di anni senza incidenti con grave danneggiamento del nocciolo). E' vero, con 4 centrali nucleari a regime, saremmo indipendenti in quanto ad energia, con tutte le positive conseguenze del caso (tra cui un alleggerimento delle bollette).

Ma...

Il combustibile è l'ossido di uranio arricchito al 5%, o una miscela di ossido di uranio e plutonio (il famoso MOX). Quindi il problema delle scorie rimarrebbe tale e quale alle attuali centrali, anzi addirittura peggiorerebbe:



In questo ambito infatti, i cosiddetti "reattori di terza generazione" non apportano alcun sostanziale beneficio. Al contrario, il maggior "bruciamento" del combustibile in questi reattori impatta negativamente sulla produzione di radionuclidi nelle scorie e sulla emissione di calore residuo, rendendo significativamente più problematica la loro gestione; in breve, si ha un peggioramento per quanto riguarda la produzione di rifiuti radioattivi.



Visto che abbiamo ampiamente dimostrato di non essere in grado di gestire le scorie nucleari (non riusciamo neanche a gestire i rifiuti, figuriamoci...), la mia risposta in merito per il momento non cambia rispetto a 8 mesi fa:

Grazie, ma NO grazie.
Darsch
_ chiavi di lettura:nucleare, energia

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 27 ospiti
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.549.799
Post totali: 1281
Commenti totali: 6883
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0