doc Donare o non donare
_ scritto il 16.04.2009 alle ore 10:03 _ 2066 letture
Navigando in giro per la rete mi sono imbattuto in diversi articoli e post scritti da persone che non hanno donato (e non doneranno) neanche un centesimo a favore delle popolazioni terremotate d'Abruzzo. Inizialmente la mia reazione è stata di leggero sdegno, ma, come sa bene chi mi conosce a fondo, tendo a non dare troppa corda alle impressioni superficiali. Così mi sono messo a leggere, con calma e attenzione, le motivazioni per questa apparente mancanza di solidarietà.

Ne è emerso un quadro che tutto sommato conoscevo già, ma che mi ha fatto riflettere ulteriormente. Il punto principale è molto semplice: "il mio contributo io l'ho già dato pagando le tasse, che servono proprio, tra le altre cose, a far fronte a questo genere di emergenze, e che sarebbero dovute servire anche in fase di prevenzione e messa in atto della regolamentazione anti-sismica". E' vero, c'è poco da dire. Chi paga regolarmente le tasse, si sente un po' preso in giro quando la Protezione Civile ci chiede un ulteriore contributo perché tutti i soldi che abbiamo già versato sono andati a finire chissà dove. "Andatelo a chiedere agli evasori l'Euro per i terremotati". In effetti, a ben guardare, è vero anche questo: l'evasione fiscale è una delle principali piaghe di questo paese, e la cosa preoccupante è che arriva "dal basso", da persone più o meno comuni, che si credono furbetti ma che in realtà non fanno altro che incastrare ulteriormente gli ingranaggi del paese.

In sostanza molte persone quell'Euro non lo vogliono donare perché sono sfiduciate. Non si fidano più di chi avrebbe dovuto amministrare in maniera corretta i soldi versati con le proprie tasse, hanno paura che anche quella piccola moneta finisca nelle tasche sbagliate. Il sentimento è assolutamente comprensibile, e ammetto che anche io mi sono ampiamente stancato di vedere che da decenni sono sempre le stesse cose che non funzionano in Italia, come se fossimo incapaci di imparare dai nostri errori e di ricalibrare quegli ingranaggi che, ormai da troppo tempo, si sono arrugginiti.

Ma ora vi chiedo: dov'è la soglia? Quand'è che varrà davvero la pena di donarlo con speranza, quell'Euro, perché "stavolta servirà davvero a qualcosa"? Pensate alla favola "Al lupo! Al lupo!", ma al contrario: e se iniziassimo ad abituarci talmente tanto alla sfiducia da non distinguere più quei piccoli segnali di miglioramento che prima o poi tutti ci auguriamo di intravedere? Ne vale veramente la pena?

Probabilmente no. E' vero, io quell'Euro l'ho già dato, e chi di dovere lo avrebbe dovuto usare per prevenire il più possibile tutto quello che è successo, ma qui non stiamo facendo teoria, qui c'é gente che è stata tirata fuori da un cumulo di macerie e che non ha più niente. Io il mio Euro glielo do ancora volentieri, magari con una puntina di amaro in bocca e sempre sperando che venga usato nel modo giusto, perché non è questo il tempo e non è questo il luogo per le manifestazioni di sdegno contro "il sistema".
Darsch
_ chiavi di lettura:terremoto, corruzione, evasione fiscale, solidarietà

_ potrebbero interessarti


_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 16.04.2009 alle ore 12:45
Come penso avrai intuito, ho scelto di stare tra i "senza cuore". Non c'è neanche troppa auto-ironia dietro questa definizione, perchè mi son fermato a chiedermi più volte se la mia scelta non facesse altro che negare l'aiuto a chi ne avrebbe davvero bisogno. Però alla fine giungo sempre alla solita conclusione che quella della donazione dell'euro è una donazione simbolica e in qualche modo deve rappresentare un ideale di aiuto. Allora preferisco mobilitarmi per smuovere gli animi di più persone possibili, facendo capire loro che in questo modo, secondo me, non si aiuta per niente. Lo faccio rischiando d'esser catalogato come un cinico che preferisce "polemizzare" invece di aiutare chi ne ha bisogno, ma non m'importa poi troppo di chi arriva a questa conclusione con troppa facilità. Apprezzo invece (veramente tanto) il tuo tentativo di metterti nei panni di chi, come me, ha fatto questa scelta e di capire se veramente ci sono delle ragioni così "grandi" da giustificare una presa di posizione del genere.
Spero che il tuo Euro arrivi veramente a chi ne ha bisogno e se così non sarà, non starò qui a fare "te l'avevo detto", ma continuerò sempre ad informare la gente che quell'Euro è nelle tasche di qualcun'altro.

Loro non mollerranno mai. Io neppure. (cit.necessaria)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 16.04.2009 alle ore 13:09
Il problema del non fidarsi più dell'intermediario è che a volte finisce coinvolto chi non c'entra nulla. In questo caso nutro qualche dubbio sull'intermediario (come dimostra quella "puntina di amaro in bocca" a fine post), ma allo stesso tempo non ho ancora "varcato la soglia" e VOGLIO pensare che almeno il mio maledetto Euro vada speso per le armature dei pilastri che andranno a sorreggere le nuove case in Abruzzo. Mi aspetto che sul processo di ricostruzione tentino di metterci le mani in molti, sono consapevole che le mani ce le hanno messe in parecchi in passato visto quello che è successo, ma il mio Euro deve arrivare intatto. Perché altrimenti vorrebbe dire che siamo proprio arrivati completamente in fondo.

Per quanto riguarda le ragioni, le comprendo perfettamente e in larga parte le condivido, ma ... ma a questo giro ho preferito non rischiare...

> format I:

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 40 ospiti
Ultimi utenti registrati: Lucapietro, andinar, Damiano, Susi, Aftaelle
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.453.551
Post totali: 1273
Commenti totali: 6868
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0