doc [Campagna "Al di là delle Ombre"] Sessione 12
_ scritto il 16.01.2006 alle ore 21:00 _ 1702 letture
Quello che segue è tratto da diari e appunti degli altri partecipanti alla sessione gdr.


Dal diario di Ashley

ULTIMO ATTO: THE LAST HERO

Siamo ancora nella stanza con i due cilindri. John spara ripetuti colpi sul vetro e ne rompe uno. Il liquido fuoriesce insieme all'embrione che muore; Sul monitor infatti la linea delle funzioni vitali si appiattisce. Dalle informazioni sui computer capiamo che si tratta di sinterizzazione di esseri umani. Sentiamo dei passi pesanti sulle nostre teste: Ci stanno venendo a prendere. John prepara delle cariche per difenderci dall'attacco e le piazza sulla porta d'accesso al corridoio in cui ci troviamo. In fondo al corridoio c'e una porta che immette in quella che sembra essere una grande cella frigorifera. La porta e automatica e si chiude da sola. Nel frattempo arriva gente; le cariche esplodono e si sentono urla. Iniziano a sparare e lanciano lacrimogeni. John viene colpito e cade a terra. Io e il mio amico Jo andiamo a dare un' occhiata alla cella per vedere se c'e una via di fuga. Intanto Yoshi fa rinvenire John che lancia un'altra granata. Jo nella cella trova un ascensore e ci chiama. In fretta ci lanciamo dentro; fa un freddo micidiale, un termometro segna –70 e continua a scendere. Se non ci sbrighiamo rischiamo l'assideramento. Entriamo nell'ascensore e la porta si chiude. Pero con stupore scopriamo che non ci sono pulsanti da premere e non si muove niente. In preda al panico cerco di forzare la porta sul lato opposto a quello da cui siamo entrati; mi faccio dare una mano da Jo, ma non ci riusciamo. Dopo due minuti l'ascensore comincia a salire e si apre in una stanza che da su un altro corridoio. Ci sono molte porte che si aprono su questo corridoio e sembra quasi un labirinto. Cominciamo a sbirciare nelle stanze.Alcune stanze sembrano normali uffici, altre sono dei laboratori con teche contenenti scheletri di neonati e barattoli con feti. Alcuni di noi si sentono male. Da una porta nascosta nella tappezzeria accediamo ad un'altra sezione del corridoio, mentre delle scale portano al piano inferiore dove sono i militari. Continuando ad indagare troviamo gli schedari degli esperimenti riusciti. A quanto pare, dopo che i bambini sono nati li allevano in una fattoria in Argentina e poi a 14 anni li danno a chi li ha comprati per i compiti a cui li hanno destinati. Continuando nel corridoio troviamo un quadro elettrico. Proviamo a tirar giu le leve e si spengono le luci, ma senza scritte non capiamo quali sono dei laboratori e quali quelle del corridoio, cosi riaccendiamo tutto. Intanto si sente rumore di passi ed i militari tornano a farsi vedere e a sparare. Ricomincia la battaglia con colpi da una parte e dall'altra. Nonostante siamo solo in cinque teniamo la situazione stabile. Il numero dei militari pero continua ad aumentare e nella lotta Jo viene colpito a morte. Mi dispiace molto perché era una brava persona che ci ha aiutato. Ad un certo punto, quando cominciamo a perdere le speranze, arriva il biondo con i suoi uomini ed iniziano a sparare con i militari. Sembra il settimo cavalleggeri che nei film western arriva sempre al momento propizio. Ringraziamo il biondo e lasciamo i suoi uomini a combattere mentre noi scendiamo al piano inferiore. Con il plastico facciamo saltare il campo di forza. Nella stanza c'e un bancone che nasconde al suo interno un quadro comandi. Ad un certo punto sentiamo avvicinarsi dei passi. Nella stanza fanno ingresso il vecchio in carrozzella con la donna. Noi cominciamo a prenderli in giro pensando di avere la situazione in pugno. La donna invece ci fa leggere un foglio. Sembra che Sherley abbia denunciato alle autorita gli esperimenti e noi stavamo combattendo con i militari inviati dal tribunale per porre fine alla cosa. Che tragico errore! Inoltre scopriamo che il biondo sta dalla parte del vecchio e ci ha ingannato. Improvvisamente ci troviamo con le spalle al muro, ancora una volta vittime di questa faccenda. Proviamo a giocarci l'ultima carta. John minaccia di farsi esplodere con il plastico che porta addosso se non ci lasciano andare. All'improvviso pero la situazione degenera: le luci si spengono e si sentono degli spari; Joey si butta addosso al vecchio e lo immobilizza. Si accende una luce ed appare Jo agonizzante che inizia a sparare a ventaglio con un mitragliatore. Piovono pallottole da tutte le parti. Il vecchio ci resta secco; alcuni di noi vengono feriti. La donna vedendo le brutte si spara. Poi arrivano uomini delle forze speciali vestiti di nero che arrestano tutti e ci portano via con le ambulanze…

Darsch
_ chiavi di lettura:campagne gdr

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 40 ospiti
Ultimi utenti registrati: Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.581.920
Post totali: 1285
Commenti totali: 6884
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0