doc [Campagna "Spectre of Sorrows"] Sessione 1
_ scritto il 23.01.2006 alle ore 21:00 _ 1530 letture
VIA DAL PICCO DI MALYX

Quello che segue è tratto da diari e appunti degli altri partecipanti alla sessione gdr.


Dagli appunti di viaggio di Leonid


Non ci curiamo troppo di investigare su cosa stesse avvenendo nel picco, e visto che la pozza di sangue inizia a ribollire e il terreno sotto i nostri piedi a tremare, decidiamo di allontanarci in fretta.
Torniamo nel cunicolo aperto dalle formiche, recuperiamo i Kender liberati e usciamo alla luce del sole, che nel frattempo è sorto.
Lungo la strada per Kendermore, mentre Kerra continua a parlare senza fermarsi un attimo, non riesco a sentirmi soddisfatto per il compimento di una missione che non ci dice nulla riguardo il nostro destino.
Arrivati alle porte di Kendermore decidiamo di aspettare che i Kender siano pronti per il viaggio, ci riposiamo quindi nell'edificio custodito da Deuce, e mi occupo un po' di Gingle, Kudru e Trainor, i piů acciaccati del gruppo (ma anche quelli che si sono comportati in maniera piů eroica, altro che quel vigliacco di Baal!), e il pomeriggio seguente ci mettiamo in marcia verso gli Oracoli, seguiti da Eliayes e i trenta Kender in fuga dalla città. Il percorso è allietato dal solito caldo asfissiante che ci rallenta; come se non bastasse la terra continua a tremare, finché il vulcano non decide che è ora di risvegliarsi, probabilmente sollecitato dall'interruzione del rituale dell'ogre magi Grigolthan e della progenie di drago Sindra. Si balla di nuovo, stavolta per evitare lapilli e pietre scagliate a grande distanza dall'eruzione. Un paio di kender perdono la vita, e la fuliggine ci impedisce di fermarci a riposare. Continuiamo così per l'oasi degli Oracoli, che raggiungiamo a notte inoltrata.
Gli oracoli si presentano al nostro cospetto soltanto per "ritirare" l'oggetto della missione - lo scettro dell'ogre, e non hanno alcun interesse a fare luce sulla nostra missione, a meno di altri "pegni", che, vista l'utilità delle risposte, decidiamo di non concedere.
Rimaniamo nell'oasi per un giorno e mezzo, riuscendo in questo lasso di tempo a raccogliere agrumi per una razione di cibo a testa.
Si avvicina il momento della partenza, e affrontiamo la decisione relativa alla nostra prossima tappa. Le alternative sono due: Port Balifor, dove sono diretti i kender, oppure Floatsam, città meno lontana dal punto in cui ci troviamo. Non abbiamo praticamente alcun motivo che ci lasci prediligere una destinazione all'altra, così, quasi tirando a sorte, decidiamo di andare a Floatsam in cerca di nuove illuminazioni per il nostro cammino. Eliayes invece, accompagnerà i kender a Port Balifor. E' ora dei saluti quindi. L'elfa ci da' una razione di cibo a testa e tutti si incamminano per la propria strada. Durante il viaggio, delle sagome a cavallo sembrano intravedersi nella fuliggine che ancora riempie l'aria. Sembra trattarsi di cinque cavalieri oscuri...

Darsch
_ chiavi di lettura:campagne gdr

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 21 ospiti
Utenti più attivi del mese: andinar (1)
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.317.823
Post totali: 1236
Commenti totali: 6861
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0