_ chiavi di lettura:società, governo, rispetto, evasione fiscale

_ potrebbero interessarti


_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 30.08.2010 alle ore 11:14
A me pare una stupidata. La stragrande maggioranza sono segno di maleducazione della comunità. Per il resto basta vedere le generazioni di oggi per capire come sarà il domani: l'ambizione massima è andare a fare il GF, la Velina o Uomini e Donne. Di pubblicità di suonerie e cazzate simile ne abbiamo pieni i co***ni ma questo vuol dire che vanno, eccome se vanno. Ecco qua lo specchio della società, Berlusconi o no.

E poi, parliamoci chiaro? Chi c'è dall'altra parte? Gente che da 15 anni, invece di convincere gli elettori con un programma serio, cerca solo di andare contro al nemico. Di solito che inizia ad offendere lo fa perché è carente nelle argomentazioni.

La maggioranza ha dovuto farsi opposizione da sola in quanto non ne esiste altra.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 30.08.2010 alle ore 11:42
Beh, ma da dove pensi che arrivino pubblicità di suonerie, veline, Grande Fratello, Uomini e Donne, e altre cazzate simili, da dove arriva il telerimbambimento e la disinformazione di cui è vittima la maggior parte delle persone? E' vero, tutte queste cose sono lo specchio della società, ma Berlusconi e il berlusconismo hanno una grossa fetta di responsabilità in questo, gran parte delle merdate cui assistiamo oggi deriva da aspetti che lui ha introdotto nella società e che lentamente sono diventati, in molti casi, la normalità.

Per quanto riguarda l'altra parte sono perfettamente d'accordo con te, ma il punto dell'articolo non era trovare un'alternativa (al momento non ce ne sono molte), ma semplicemente analizzare il "problema-Berlusconi" da un'ottica più grandangolare.
_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 30.08.2010 alle ore 12:22
Parlare di Berlusconismo mi sembra assurdo e torno sempre li: quando vengono a mancare argomentazioni valide per "combattere" sul terreno adeguato (la politica, in questo caso) si passa allo sputtanamento. Caso strano, quando si vuole togliere qualcuno di mezzo, gli si crea uno scandalo (finto o amplificandone uno vero) intorno. Poi c'è chi regge e chi no.

Io non condanno da dove arrivano le suonerie e cazzate simili (passano in TV, ok, pagano, che ci vuoi fare?! Anche la pubblicità del Tantum Rosa passa in TV e 60 ragazze a Milano sono andate in ospedale perché l'hanno bevuto invece di usarlo per sciacquarsi... quando uno è coglione è coglione a prescindere, no?!) ma dal fatto che la gente le usi. E le usano in Italia come nel resto del mondo, non credo che Berlusconi le abbia portate la.

Ora, con questo discorso non voglio di certo difendere quel personaggio (come ben sai non voto poiché sono un branco di ladri e non vedo nessuno che mi rappresenti), ma non mi pare nemmeno giusto parlare di Berlusconismo. Poi se con Berlusconismo si intende la corrente che si contrappone al Comunismo senza nulla aggiungere ok.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 30.08.2010 alle ore 12:42
No si parla semplicemente di un certo tipo di mentalità che è diventata comune e "accettata" soprattutto grazie a lui. Se c'è gente che cerca sempre di trovare l'escamotage per evadere le tasse, o se commette un'infrazione perché "tanto poi c'è mio zio che mi leva la multa", e altre cose del genere, lo dobbiamo in gran parte al suo modo di concepire e guidare la vita politica e sociale di questo paese.

Mettiamola così: visto che già per conto suo la gente è portata a imbottirsi il cervello di stronzate, immagina che danni può fare un Primo Ministro come quello che abbiamo noi.

Non capisco cosa trovi di strano nel termine "berlusconismo". E' semplicemente, per definizione, l'insieme delle "linee guida e i valori che ispirano l'azione politica di Silvio Berlusconi e il suo modo di porsi nei confronti dell'opinione pubblica" (Wikipedia). Il suo modo di porsi nei confronti della politica e dell'opinoine pubblica influenza profondamente la mentalità dei suoi elettori. Che effetto pensi che faccia il suo continuo attacco alla magistratura e agli organi dello Stato, per dirne solo una? Che effetto fa il suo ostinato fuggire dai processi a suo carico, cercando sempre la scappatoia, la furbata, a volte fin troppo palese per non essere notata?
E' a questo tipo di mentalità che fa riferimento l'articolo che ho citato. Berlusconi non è IL male di questo paese (la mancanza di una valida opposizione, come hai fatto giustamente notare, è un altro aspetto negativo, per esempio), ma diciamo che ha contribuito parecchio.
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 30.08.2010 alle ore 13:58
@Darsch:
Chiaramente sono d'accordissimo con l'articolo e ho sostenuto quella tesi diverse volte anche sul mio blog.

@JoJo
Dici "Poi se con Berlusconismo si intende la corrente che si contrappone al Comunismo senza nulla aggiungere ok". Senza mezzi termini a me sta parecchio sul culo questo continuo bisogno di bilanciare le minchiate. Premesso che IL COMUNISMO OGGI NON ESISTE fino a prova contraria (offrimela pure), che c'entra? Una corrente e soprattutto il Berlusconismo non è qualcosa che si contrappone, ma è qualcosa che è. Inoltre ha 20 anni e per quello che mi ricordo dai libri di storia, il comunismo è qualcosa un pelo più vecchio.

A me pare giustissimo parlare di Berlusconismo, ma se ti senti a disagio chiamala "Italiosità" e ha tutti i caratteri e i "valori" che Darsch fa giustamente notare e mi pare un po' da cavalli non trovare collegamenti tra il suo modo di fare POLITICA (dato che dici che non gli vengono fatte critiche politiche) e i maggiori difetti degli italiani. Berlusconi evade le tasse, gli italiani evadono le tasse. Berlusconi prodiga tette e culi, gli italiani sono accecati da tette e culi. Berlusconi si fa un baffo delle regole, l'italiano non segue le regole. Potrei continuare per parecchio, ma penso sia abbastanza chiaro il filo diretto tra le due cose.
_ Commento di jasmines _ profilo
_ scritto il 30.08.2010 alle ore 15:59
A me pare il contrario.
Voglio dire, quello che qui si definisce Berlusconismo, non è certo "nato" quando lui è arrivato al potere per la prima volta. C'era già tutto in tempi tutt'altro che sospetti, per cui ora la punta dell'iceberg viene erroneamente confusa con la base...
Che certi atteggiamenti, certi "valori", vengano oggi ben rappresentati dalla classe dirigente è un dato di fatto, ma non ci vedo nessun lavaggio del cervello.
Tra l'altro - e non credo di essere il solo a pensarla così - credo che il Berlusconismo sia promosso dalla classe politica tutta, indipendentemente dal colore o dal nome del suo leader di governo, e a maggior ragione rappresentativo della stragrande maggioranza degli italiani.

Per quanto mi riguarda solo un atto di coraggio potrebbe essere l'unica soluzione. Non necessariamente un atto di forza, come un colpo di stato o una rivoluzione popolare. Ci sono dei metodi legali e civili, ma sono abbastanza convinto che il "sistema" stia bene agli Italiani, e che gli scontenti, seppur rumorosi, siano solo una minoranza. Inoltre penso che seppure questo malcontento aumentasse, dovrebbe farlo in maniera molto più distruttiva di quanto è percepito ora, per giustificare l'atto di coraggio di cui sopra, perché al momento, anche se fosse condiviso da una larga parte degli Italiani (quelli silenziosi, per intenderci), non lo vedrei sufficiente a farli smuovere in una direzione decisa e irreversibile.

In conclusione, vedo l'Italia ben rappresentata. In politica, e in tutte le altre "cose" che la politica oggi può gestire, informazione compresa.
_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 03.09.2010 alle ore 10:55
@albyok
Guarda, veramente io la intendevo come parola e niente più. Per me li puoi chiamare Comunisti, Moderati, Grandi Uomini, Zuzzurelloni, Pinco Pallini Qualunque o come più ti aggrada. Ci possiamo anche limitare a Destra e Sinistra, tanto per capirsi quando se ne ragiona. Tu non mi conosci e forse hai frainteso le mie parole ma io non ho né uno schieramento politico né vado a votare. Metto tutti i nostri politici solo stesso (schifoso) piano.

Per come la vedo io, in questo momento, in Italia, c'è un'opposizione tale che la maggioranza ha dovuto farsela in casa da sola. Siamo una nazione destinata al macero. E poi mi chiedono perché non vado a votare?! Praticamente è come se mi mettessero a tavola un piatto di mer*a secca e uno di mer*a appena fatta... francamente rispondo che non ho fame.

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 71 ospiti
Utenti più attivi del mese: Damiano (4)
Ultimi utenti registrati: Damiano, andre, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.266.809
Post totali: 1236
Commenti totali: 6859
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0