doc Gabriel García Márquez - "Cent'anni di solitudine"
_ scritto il 28.11.2010 alle ore 15:25 _ 6026 letture
img

Scrivere un commento ad un'opera come questa è cosa tutt'altro che semplice, perché trovo oltremodo riduttivo chiamarlo semplicemente "libro". Cent'anni di Solitudine è un piccolo mondo, una sorta di "saga generazionale", che racconta la storia di una famiglia d'altri tempi, i Buendìa, dalla nascita all'inesorabile decadimento del loro villaggio sorto in mezzo alle paludi. Macondo fu fondato su solidi valori dal capostipite della famiglia, Josè Arcadio Buendìa, e sopra le sue fondamenta si dipana il sottile e intricato filo che lega sette generazioni di persone, tutte tratteggiate in modo così intimo e profondo che si finisce irrimediabilmente per affezionarsi a ciascuno di essi, sebbene in maniera diversa.

Tutto, in questo libro, ha il ruvido sapore della realtà. Una realtà spesso unta, sporca, ma affascinante proprio perché tangibile. I gesti quotidiani, le abitudini, gli oggetti, le manie e le superstizioni, ma anche paure, desideri e pensieri di chi abita questo incredibile villaggio, contribuiscono a dipingere nella mente del lettore una tela vivida e particolareggiata. Sebbene Macondo sia un posto immaginario (sembra essere fortemente ispirato al paese natale di García Márquez), è inserito in un contesto storico e territoriale ben preciso, il che contribuisce a donare ulteriore profondità alla miriade di vicende e relazioni che si vanno susseguendo. Ed è proprio la natura circolare del tempo uno dei pilastri su cui poggia l'intera opera: con ogni generazione tornano infatti a ripetersi scelte e azioni, ma anche convinzioni e stati d'animo, come in una sorta di danza in cui scorgere schemi ben definiti. Ci si sente umili dinnanzi alla moltitudine di storie, tratti psicologici e avvenimenti che l'autore è riuscito a far coesistere. Per comprendere a fondo l'intricata ramificazione dell'albero genealogico si è spesso tentati di fare qualche salto indietro durante la lettura (su Wikipedia c'è uno schema fatto molto bene).

Avevo già apprezzato la capacità di García Márquez di descrivere in modo minuzioso, diretto e sintetico con i suoi Dodici racconti raminghi, ma con questo libro credo abbia toccato vette altissime. Il suo particolarissimo concetto di "realismo magico" rende poi sfumati i confini tra realtà e fantasia, creando un substrato fatto di simbologia, alchimia e presagi che si mischia a quello della concretezza. Ed ecco che la linea che separa i vivi e i morti, a Macondo, diventa sbiadita e qualche goccia di uno dei due mondi cade nell'altro, confondendosi e confondendo.

Potrei parlarvi di Ursula, forse l'unica vera colonna portante dell'intera famiglia, o del Colonnello Aureliano Buendìa e dei suoi pesciolini d'oro, affascinato e infine rapito dai suoi stessi ideali rivoluzionari liberali. Potrei parlarvi per ore di ogni singolo membro di questa famiglia, ma non avrebbe senso, perché Macondo un senso ce l'ha solo se vissuto attraverso l'incredibile penna dell'autore. E' quindi con la stessa umiltà provata durante la lettura che mi sento di affermare che questo è uno di quei libri che lasciano davvero il segno. Un autentico capolavoro, indiscutibilmente. Leggetelo, uno spettro di emozioni così vasto lo troverete in pochissime altre opere.



"Cent'anni di solitudine" - Gabriel García Márquez, traduzione di Enrico Cicogna, Mondadori Editore

Amaranta pensava a Rebeca, perché la solitudine le aveva selezionato i ricordi, e aveva incenerito gli intorpidenti mucchi di mondezza nostalgica che la vita aveva accumulato nel suo cuore, e aveva purificato, magnificato e eternizzato gli altri, i più amari.




"Cent'anni di solitudine" - Gabriel García Márquez, traduzione di Enrico Cicogna, Mondadori Editore

Erano le ultime cose che rimanevano di un passato il cui annichilamento non si consumava, perché continuava ad annichilarsi indefinitivamente, consumandosi dentro di sé stesso, terminandosi in ogni minuto ma senza terminare di terminarsi mai.



[Altre citazioni: nostalgia]

[Questo post è stato pubblicato su la Libreria Immaginaria, se vi interessa leggere altri commenti ecco il link]
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, amore, solitudine, tempo, magia, garcia marquez, la libreria immaginaria, recensioni

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 30.11.2010 alle ore 15:45
Conosci l'album TERRA E LIBERTA' dei MCR? Ascoltalo! ;-)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 30.11.2010 alle ore 18:38
No, non conoscevo, ma sto leggendo su Wikipedia e lo ascolterò presto! ^^

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 22 ospiti
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.412.472
Post totali: 1266
Commenti totali: 6867
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0