doc Andrea Cabassi - "Matilde danza sulla riva"
_ scritto il 09.12.2010 alle ore 18:39 _ 5078 letture
img

Devo ammettere che ho un particolare debole per le raccolte di racconti, mi piace l'idea di fare un breve tuffo in piscine diverse provenienti dalla creatività di un unico architetto. Se il libro è scritto bene il risultato è parecchio gratificante, si ha l'impressione di aver visitato molti posti, come nel corso di un viaggio, e aver fatto bagaglio di esperienze ben distinte ma accomunate da un sottilissimo filo conduttore. E quello di cui vorrei parlarvi è un libro davvero scritto bene.

Andrea Cabassi dimostra di sapersi decisamente fare e confeziona una serie di racconti che spaziano dal magico al fantastico, toccando più volte il genere sentimentale e con intense escursioni nel mondo dell'assurdo e del misterioso. Ogni racconto offre inoltre diversi spunti di riflessione e vari piani di interpretazione, che sono poi le caratteristiche principali affinché qualche ingranaggio nella nostra testa continui a girare una volta conclusa la lettura. Il primo esempio che mi viene in mente in tal senso è sicuramente "Il colpo perfetto", storia molto intrigante e intelligente che, grazie ad una struttura basata principalmente sul dialogo con una sorta di entità superiore (che, forse per deformazione cinefila, non ho potuto fare a meno di figurarmi con il volto di Morgan Freeman), riesce ad incuriosire per l'assurdità della situazione e al contempo stimolare il lettore.

E' proprio questo che mi è piaciuto di più del libro: ogni racconto lascia qualcosa e non è fine a se stesso. "Il ladro queste cose le sa" ricorda vagamente una di quelle commedie degli equivoci in cui, per non scoprire le carte in tavola, la storia prende una piega inaspettata, inducendo lo spettatore (in questo caso il lettore) a riflettere sulle intenzioni e sui punti di vista nella vita di tutti i giorni. "Sonialuce" è un delizioso esempio di come la poesia si possa trasformare in malinconia quasi senza accorgercene, mentre "Where did you sleep last night" ci riporta repentinamente coi piedi per terra, grazie ad una corsa adrenalinica verso l'ignoto, braccati dalla paura ed erosi dal sospetto. Il racconto che dà il nome all'intera raccolta è particolarmente intenso e musicale (ne trovate un assaggio al termine di questo mio commento) e ho trovato "Secondo piano Mafessoni" davvero ben scritto, perché racconta una storia interessante, con risvolti anche drammatici, da un punto di vista prettamente insolito e curioso. Uno dei racconti più riusciti è senza dubbio "Un grande stupore", storia scorrevole di amicizie e amori, il cui piatto forte è rappresentato dal finale, anzi dai molti finali, visto che ne ha ben undici. Chiude l'opera la bellissima favola "Il suicidio della ragazza dai bei capelli castani", che sottolinea ulteriormente le ottime capacità letterarie di Andrea.

Ve lo consiglio perché è un libro in cui ho intravisto molte chiavi di lettura ed è il secondo lavoro di un promettente autore che sta emergendo proprio in questo momento (qui trovate il suo sito).


"Matilde danza sulla riva" - Andrea Cabassi, Editore: www.ryo.it

I miei passi ti avvicinano dondoloni e la luce chiarisce a ogni spanna il reale valore del mio regalo; poi non riesco più ad avanzare: la folla, la folla e la folla. Mi concede solo di guardarti e io lo faccio, ti sono vicino e ti guardo, tu ti tormenti le labbra e io mi tormento guardandoti ma il tuo tormento non è mio e le tue labbra tormentano il mio sguardo.



[Questo post è stato pubblicato su la Libreria Immaginaria, se vi interessa leggere altri commenti ecco il link]
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, amore, poesia, fantasy, mistero, magia, assurdo, la libreria immaginaria, recensioni

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 10.12.2010 alle ore 08:22
SUPPPPER Grazie per le belle parole ^_____^
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 10.12.2010 alle ore 11:25
Ma ci mancherebbe, te le sei proprio meritate, il libro mi è davvero piaciuto un sacco. ^_^
_ Commento di LuPoN _ profilo homepage
_ scritto il 11.12.2010 alle ore 12:37
Stai stuzzicando il mio interesse Simo :P un racconto di racconti mi fa venire in mente Hakawati che ho letto 2 anni fa, libro che mi ha appassionato molto :D
Leggerò anche questo ^^ sta nella mia queue al momento :D
_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 18.12.2010 alle ore 12:50
Olé! La milionesima copia venduta si avvicina a passi da gigante! ;-)

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 68 ospiti
Utenti più attivi del mese: Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.495.227
Post totali: 1281
Commenti totali: 6872
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0