doc Kindle Keyboard - impressioni da un impressionato
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 13:56 _ 11591 letture
img

Come se non bastassero le diavolerie tecnologiche che già affollano gli scarsi piani orizzontali presenti in casa (che, per inciso, sono in via di estinzione), non potevo certo starmene con le mani in mano mentre la mia dolce metà era costretta a destreggiarsi tra polverosi libri di 7-800 pagine, impilati ovunque ci fosse un angolo libero, colpevole solo di essere una grande lettrice. Per Natale ho voluto porre fine a questa agonia letteraria regalandole IL lettore e-book per eccellenza: il Kindle. Mi correggo: avrei voluto regalarglielo per Natale, visto che mi sono svegliato un po' tardi e obiettivamente non ho calcolato che forse la mia idea era venuta a qualche altro milione di persone (stupida umanità...). Risultato: la suddetta dolce metà ha dovuto attendere il 17 gennaio prima di mettere le sue manine su questa fantasticheria. Ma ne è valsa la pena (vero tesoooro? ^_^).

Visto che tecnicamente il gingillo non è mio, ho potuto smanettarlo per un periodo relativamente breve, ma sufficiente a causarmi uno slogamento mascellare con conseguente desiderio irrefrenabile di acquistarne uno anche per me. Per fortuna ho una pila di libri arretrati da leggere che farebbe invidia ad un bibliotecario ultracentenario, quindi per il momento sono moralmente obbligato a restare con gli occhi sulla vera carta. Ma ancora per poco. Portafogli sei avvertito.

Di cose da dire ce ne sono parecchie, quindi procederò per punti. Oggi mi gira così. Sopportatemi.


Prezzo e versioni

Il Kindle è venduto in versione "solo Wi-Fi" e "Wi-Fi + 3G". Quest'ultima gli consente di accedere ai servizi di Amazon ovunque vi troviate tramite GSM (il tutto in modo completamente gratuito in oltre 100 paesi nel mondo, Italia compresa, ad eccezione dell'invio di documenti personali al dispositivo, che comporta dei costi aggiuntivi), e non solo ove sia presente una connessione wireless. Inoltre il lettore è disponibile in due dimensioni: con schermo da 6 o da 9,7 pollici. Io ho optato per la versione solo Wi-Fi da 6 pollici, perché l'ho trovata perfetta per le esigenze della diretta interessata. A chi obietta che lo schermo è troppo piccolo rispondo che ha più o meno le dimensioni di un libro tascabile e che è leggibilissimo e molto (davvero molto) comodo da portare in giro. Ad ogni modo, come spiegherò più avanti, le dimensioni del carattere sono completamente personalizzabili.

I prezzi e le versioni disponibili - aggiornati alla data e ai tassi di cambio in cui sto scrivendo questo post - sono i seguenti:

- Kindle Wi-Fi 6": 139 $ (102 €)
- Kindle Wi-Fi + 3G 6": 189 $ (138 €)
- Kindle 3G 9,7": 379 $ (278 €)

Sì, avete letto bene: il 9,7 pollici non ha il Wi-Fi, ma solo il 3G. Non chiedetemi perché.


Spedizione e packaging

Amazon.com fa le cose decisamente per bene. Intanto mi ha avvertito PRIMA di completare l'ordine che, a causa della grossa mole di richieste, il mio pacco non sarebbe arrivato prima di metà gennaio. Inoltre tutto il processo di tracking e pagamento è estremamente professionale.

La spedizione (dagli Stati Uniti tramite UPS) mi è costata 13,48 dollari, ai quali vanno aggiunti 30,50 dollari di tasse di importazione. Il totale per avere il Kindle a casa è di 188 dollari (138 €), un prezzo assolutamente abbordabile per quello che viene offerto. Il Kindle è arrivato 4 giorni dopo la partenza, in un pacco a prova di bomba atomica e all'interno di una confezione davvero elegante e robusta.


Dimensioni

Il Kindle è piccolo. Squisitamente piccolo. E' di una comodità estrema: lo schermo è sufficientemente grande da permette l'agevole lettura di qualsiasi cosa e in ogni caso può essere orientato anche in modalità landscape; nella parte inferiore è presente una tastiera QWERTY con alcuni pulsanti di accesso rapido al MENU, alla HOME e alle impostazioni di lettura, unitamente ad un piccolo pad direzionale per selezionare le varie opzioni; sul lato inferiore ci sono i connettori (cuffie, USB/alimentazione) e il pulsante di accensione. Semplice e funzionale. Entra agevolmente in borsa, sulla tasca laterale di un cappotto o in quella esterna di uno zaino. Lo ripeto e ve lo assicuro: non è troppo piccolo!

img

E Ink

E qui arrivano le note davvero positive. Sono rimasto abbastanza shockato: mi avevano detto che la nuova tecnologia E Ink Pearl era eccezionale, ma vi giuro che sembra di leggere una pagina fatta di carta e inchiostro, manca solo l'odore della carta. La risoluzione, poi, mi ha colpito particolarmente: non si vedono pixel, le sfumature di grigio sono perfette e il contrasto è più che buono. Se dobbiamo proprio trovare il pelo nell'uovo, quest'ultimo aspetto non è a livelli di eccellenza: il colore del "fondo della pagina", infatti, non è proprio bianco, ma più un "bianco sporco". E' vero che così l'accostamento ad un libro vero è ancora più marcato, ma secondo me la chiarezza e, appunto, il contrasto ne risentono un pochino. Niente a cui non ci si abitui dopo un paio di nanosecondi di lettura, sia chiaro. Rimane il lettore ebook migliore che abbia visto fino ad ora (e ne ho visti parecchi girando per centri e negozi di elettronica).


Funzioni e compatibilità

Una delle cose che mi preoccupava di più era la compatibilità, ma mi sono dovuto subito ricredere. Non solo il Kindle è perfettamente compatibile con i documenti in formato PDF (potete fare anche lo zoom), ma legge anche quelli di testo in formato aperto: TXT, DOC, RTF, e così via. Ma è la modalità di conversione e inserimento dei file nel dispositivo ad avermi affascinato di più. Una volta effettuata la registrazione sul sito di Amazon vi viene assegnato un indirizzo di posta @kindle.com che viene utilizzato per "inviare" i libri direttamente al vostro dispositivo. Basterà infatti mandare una email con allegato il/i documento/i e questi verranno sincronizzati sul Kindle, e ve li ritroverete come libri nel menu principale. Non solo: se inviate un file in formato aperto, Amazon effettuerà automaticamente la conversione per renderlo compatibile e fruibile dal lettore. La differenza sostanziale è che in un libro "adattato" è possibile modificare le caratteristiche del testo a seconda delle proprie preferenze, mentre in un file PDF le pagine sono "fisse", e la grandezza e chiarezza del carattere dipende da come è stato convertito. Nel menu delle impostazioni è inoltre possibile specificare una serie di indirizzi email di mittenti fidati che potranno inviare documenti e libri direttamente al vostro dispositivo. Chiaramente potete anche copiare e organizzare i file utilizzando il classico collegamento USB al vostro PC.

I menu del dispositivo sono molto chiari e facilmente navigabili. Tra le funzioni disponibili le più utili sono quelle relative all'organizzazione della propria libreria in varie cartelle, alla ricerca di termini e frasi all'interno dei libri, alla creazione di note personali, segnalibri ed evidenziature, e alla grande libertà di configurazione del carattere di scrittura. E' inoltre disponibile un semplice browser web e un lettore MP3 (sul retro sono presenti due altoparlanti). Quando il lettore è spento lo schermo mostra una immagine casuale tra una serie presente in memoria (sono davvero splendide), tutte con tema letterario. Ovviamente è possibile sfogliare l'intero catalogo di ebook presenti su Amazon direttamente dallo schermo del Kindle. L'acquisto è semplicissimo, in quanto al momento della registrazione vi viene richiesta una carta di credito valida. Se vi state chiedendo quanti libri in italiano ci possano mai essere su Amazon.com, date un'occhiata qui, sono circa 3000 e spero che in futuro qualcosa si smuova in questo senso anche nel nostro paese.

Una funzione che ho apprezzato molto, ma che ancora non è diffusa in Italia, è la possibilità di abbonarsi alla versione elettronica di riviste e quotidiani, che verranno recapitati direttamente sul proprio Kindle. Se non erro di nostrano per il momento è presente solo La Stampa, ma spero che l'esempio verrà seguito da altre testate.


Conclusioni

Mi è venuta ancora più voglia. Preparo i soldi.
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, tecnologia, ebook, recensioni

_ potrebbero interessarti


_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 14:20
Guarda, ormai con questa recensione non ho più nessun dubbio sulle sue qualità tecniche. Di te mi fido parecchio. L'unica cosa che ancora mi fa rimandare l'acquisto è la scarsissima disponibilità di titoli in italiano. E' vero che ho un buon inglese, però nell'ottica di un libro intero ti perdi qualcosa. Quindi finché non ci sarà un rapporto quasi di 1:1, mi sa che resterò sul classico. E non è neanche per fare i pignoli, perché di tutti i libri che possiedo non c'è una versione e-book. Un vero peccato, perché st'aggeggio mi sconfinfera non poco! Anche qua non vorrei... ma la parola conflitto d'interessi mi rimbomba in testa...

P.S.
Io aggiungerei che la SIM per il 3G è inclusa, altrimenti mi fai prendere un colpo :D
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 14:30
@albyok - PS: hai ragione, ho corretto! xD
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 14:42
No, anche perché in Italia non sono particolarmente gentili riguardo alle tariffe! Immaginiamoci se devo pagare un'ulteriore "tassa" su un prodotto completamente digitale :-)
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 14:43
Cariiiiiiissimo darsch!!
Ma che bell'articolo, poprio quello che mi serviva, abbravo!! :D
Mi fa piacere sapere che il kinder abbia anche una porta usb, tramite la quale incul(c)are direttamente i libri al dispositivo. Prima avevo qualche dubbio su questo fatto.
La versione 3G, se non sbaglio, permette la connessione diretta col catalogo Amazon - e solo con quello - e dovrebbe essere gratuita, quindi non è un 3G tradizionale, non permettendo di navigare liberamente sul web.
Ho una domanda: quanta memoria interna ha il dispositivo?
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 15:47
Mi sono dimenticato di menzionare la durata della batteria: visto che la tecnologia E Ink richiede pochissima energia (di fatto solo quando avviene il "cambio di pagina"), l'autonomia è davvero altissima. Sul sito di Amazon si parla di 1 mese senza wifi attivo, e 3 settimane utilizzando la connessione wireless. E io confermo: ce l'abbiamo da 3 settimane e la batteria è ancora carica per un terzo.

@Lyserjik - la memoria interna libera è di circa 3GB, sufficiente per memorizzare qualcosa come 3-4000 libri. ^_^
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 18:17
Bello bello.
Mi piace molto!!
Quasi quasi...
_ Commento di valefatina _ profilo homepage
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 20:33
Sono loggata? Si, sono loggata. Santocielo *devo* essere loggata perchè tu *devi* sapere che io ti odio pocopochinoperòocchei? Perchè se prima avevo qualche dubbio ora lo voglio. Ed è tutta colpa tua. Ma a questo ci siamo abituati ormai.
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 08.02.2011 alle ore 21:01
Mi hai fatto venire voglia di comprare il Kindle! xD
Magari me lo faccio come regalo di doppia Laurea ad Aprile =)

E concordo che Amazon è ultra professionale, il suo store lo trovo semplicemente fantastico ^^
_ Commento di Tim_Braid _ profilo
_ scritto il 09.02.2011 alle ore 11:55
Che figata! Lo voglio!!
Certo se ci pensi, tra il kindle e qualche tera di HD esterni, mi si svuota casa dai libri e dai dvd!! Risparmio sull'affitto prendendo una casa più piccola xD
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 09.02.2011 alle ore 19:53
Ci sto pensando da tanto e sono indeciso fra questo e il Sony, che mi entusiasma di più a livello estetico...

Certo che la comodità del Kindle... sono un cliente affezionatissimo di Amazon, e dato che ormai leggo quasi solo in inglese il problema dei pochi titoli italiani non mi tange.
Non abbandonerò MAI la carta, è l'unica soluzione decente se vuoi conservare i libri nel tempo, ma questa modalità di lettura mi attizza assai :D
_ Commento di Tim_Braid _ profilo
_ scritto il 09.02.2011 alle ore 20:21
@Il_Gobb
"Non abbandonerò MAI la carta, è l'unica soluzione decente se vuoi conservare i libri nel tempo"

E' più bella esteticamente... una libreria piena di libri è imbattibile, ma con le versioni elettroniche non ti devi preoccupare dell'usura, dello spazio, del mettere in ordine, ecc, cioè secondo me è più facile conservarli elettronicamente che su carta, o no?
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 10.02.2011 alle ore 12:57
@Lyserjik - vai vai che ne vale la pena! :P

@valefatina - muuahahah ho fatto una strage con questo post! xD

@Zandalus - direi che un ottimo regalo di doppia-laurea! :DDD

@Tim_Braid - ahahah, la teoria del risparmio perché puoi permetterti una casa più piccola è molto interessante! :D

@Il_Gobb e @Tim_Braid - sì indubbiamente la carta ha tutt'altro fascino e un feeling diverso, ma bisogna ammettere che portarsi dietro un gingillo del genere con dentro migliaia di libri è una figata pazzesca! O.o Già solo il fatto di potersi abbonare alla versione elettronica di riviste e quotidiani vale l'acquisto, secondo me. La mattina esci di casa, accendi il Kindle, una veloce sincronizzazione e ti vedi recapitato il tuo nuovo numero direttamente tra le mani. Stupendo! :D

@Il_Gobb - se ormai tu leggi praticamente in inglese, io darei un'occhiata anche a questo tipo di abbonamenti, c'è roba piuttosto valida. Guarda qui: riviste, quotidiani. Per dire: il Time costa 3 dollari al mese. :)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 10.02.2011 alle ore 13:00
Per il mercato americano ovviamente le testate sono molte di più: riviste, quotidiani. Devo capire perché io europeo non posso comunque abbonarmi, che ne so, a PC Magazine, che invece è disponibile solo per gli Stati Uniti...
_ Commento di pani _
_ scritto il 10.02.2011 alle ore 21:38
fa proprio venire voglia, se non altro per motivi di spazio, risparmio di carta, meno foreste abbattute, ecc.
Ma a me continua a dare fastidio il fatto che il prezzo di un libro elettronico sia ancora troppo alto.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 11.02.2011 alle ore 14:28
@pani - ciao benvenuto! ^_^
In effetti alcuni libri elettronici costano veramente troppo, speriamo che in futuro i prezzi si assestino un po' a quelli del mercato americano, già più accettabile...
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 11.02.2011 alle ore 20:32
@ Tim_Braid
Più facile, ma decisamente meno sicuro, soprattutto perché mi riferivo poi alla conservazione della conoscenza a tempo indefinito ^____^
Pensaci: il media elettronico dipende dall'energia elettrica. Senza quella è un pezzo di silicio senza valore, e non è una considerazione scontata in un mondo che va verso l'esaurimento dell'energia economica (anzi, ci è proprio in mezzo).

In secondo luogo il media elettronico è inevitabilmente soggetto a malfuzionamenti: hard disk che fritti, DVD che si graffiano, SD smagnetizzate, tablet pc che cadono in terra e chi più ne ha più ne metta. Il rischio che i dati vadano distrutti è decisamente superiore al rischio che i dati contenuti in un libro facciano la stessa fine.

In secondo luogo c'è il problema dei formati. Pensa alla transizione da audio-video-cassette a CD e DVD. Oggi non esiste quasi più l'hardware per leggere quei vecchi formati, ma la questione può presentarsi anche nel caso di vecchie tecnologie di codifica. Capacissimo che fra 50 anni sarà impossibile leggere un CD masterizzato nel 2010.

Invece un libro può durare, se ben conservato, diverse centinaia di anni. Se è fatto di carta di stracci anche diverse migliaia (il vaticano stampa i documenti da conservare proprio su questo tipo di carta, che è molto più resistente di quella di cellulosa e soprattutto quasi priva di acidi).
L'unico modo sensato di conservare la conoscenza è la carta: i gingilli elettronici sono fichi ma non sono certo un metodo affidabile per passare i libri ai propri figli e nipoti ^_____^
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 11.02.2011 alle ore 20:51
@Il_Gobb

Mi permetto di dissentire profondamente e premetto pure che sono veramente un grande amante dei libri. Quello che tu dici è un ragionamento un po' datato, perché oggi ci stiamo evolvendo proprio verso la direzione che lo storage negli ebook reader sta tracciando. Un ebook reader è un mezzo, non più un contenitore. E' molto più vicino ad un monitor, che ad un hard disk. Una parola: cloud computing. Tradotto, se ti si rompe il tuo ebook reader, no problem, ne compri un altro e riscarichi dal tuo account tutti i libri che avevi. Prendi l'iPhone. Lo cambi. Non perdi (quasi) niente! Tutte le applicazioni sono collegate a te, non al telefono e le puoi quindi trasportare virtualmente con te.

Se il libro prende fuoco o si rovina, si rovina. E comprarne un altro non vale. Un po' a malincuore, perché ti giuro che amo il libro classico, è impossibile dire che l'ebook è la direzione giusta. Tutto con te, dovunque e in maniera leggera. E siamo solo agli inizi!
L'unico modo sensato di conservare la conoscenza è quindi non legarla più a mezzi fisici :-)

P.S.
Un libro che dura un centinaio di anni, non è il libro che vai ad acquistare in libreria :-)
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 12.02.2011 alle ore 09:52
@ Gobb:
"il media elettronico dipende dall'energia elettrica. Senza quella è un pezzo di silicio senza valore"

guarda che lo scenario che stai dipingendo è quello di una crisi energetica senza precedenti. Se dovessimo trovarci con i dispositivi elettronici definitivamente spenti per mancanza di elettricità, recuperare la collezione di ebook non sarà la nostra proccupazione principale per un bel po' di tempo.

La carta si rovina molto facilmente, si strappa, si brucia, si bagna, si macchia, col tempo si rovina e se la magnano li sorci. I dati elettronici si conservano in archivi consolidati e sicuri, certo non si parla dell'hard disk di casa o della chiavetta usb in tasca ma di sistemi a prova di errore con matrici di dischi progettate per conservare i dati. Se ti si guasta la libreria, puoi sempre riscaricare i libri da chi te li ha venduti, con un account te li accreditano una volta sola, inoltre i database degli editori sono molto più sicuri degli hard disk casalinghi.
Se cancelli un ebook puoi scaricarlo di nuovo senza spesa, mentre se perdi un libro di carta per riaverlo devi per forza ricomprarlo.
Poi è chiaro che un libro del 300 con miniature fatte a mano vada custodito in maniera opportuna ma non abbiamo libri del genere a casa. ;)
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 12.02.2011 alle ore 09:56
Qualche domanda per darsch.

Oramai che lo stai utilizzando da un po', riscontri qualche difficoltà nella lettura e nell'immagazzinamento dei libri?

La compatibilità è buona? Legge anche gli EPUB?

Come si comporta con i DRM?
Per esempio qui
http://memorand0m.wordpress.com/2011/01/21/voglio-e-leggere/#comment-166
si dice che non puoi leggere un pdf qualsiasi senza fare i salti mortali, è vero?

Hai provato a usare qualche software tipo Calibre per archiviare e backuppare la libreria e convertire i formati?
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 12.02.2011 alle ore 13:01
Sul discorso della conservazione dei libri, io sono un accanito fan del cloud computing, e smanettando per lavoro su server e cluster di dati di una certa dimensione ed importanza, posso assicurare che sono progettati per mantenere i dati al sicuro da guasti o catastrofi varie (con le dovute proporzioni, questa sicurezza è possibile anche in ambiente domestico, basta mettere gli Hard Disk in RAID). Tuttavia nello scenario estremo di un mondo completamente privo di energia elettrica, sicuramente la carta rappresenterebbe il mezzo più accessibile e immediato alla conoscenza.


Ora passiamo alle domande di @Lyserjik:


Oramai che lo stai utilizzando da un po', riscontri qualche difficoltà nella lettura e nell'immagazzinamento dei libri?



Per quanto riguarda l'immagazzinamento dei libri, non ho trovato alcun problema: basta usare l'indirizzo email che ti dà Amazon per inviare qualsiasi file direttamente al dispositivo.
Nella lettura ho riscontrato qualche problema solo con i PDF, ma semplicemente perché alcuni di essi sono stati creati con un carattere troppo piccolo, e per leggerli sul Kindle va usato l'orientamento landscape o lo zoom (che è un pochino scomodo, in effetti). In teoria basterebbe passare i PDF in un OCR, creare un file Word (o TXT, o come ti pare) e inviare quello.


La compatibilità è buona? Legge anche gli EPUB?



Il Kindle supporta i formati di documento più diffusi (PDF, DOC, DOCX, TXT, HTML, RTF) e immagini (JPEG, GIF, PNG, BMP) con un servizio di conversione tramite il tuo indirizzo email che funziona divinamente. Inoltre supporta i formati PRC e MOBI, oltre ovviamente al suo formato proprietario AZW.
Il formato EPUB non è supportato, ma ci sono convertitori freeware che risolvono il problema, come per esempio Calibre.


Come si comporta con i DRM? [...] si dice che non puoi leggere un pdf qualsiasi senza fare i salti mortali, è vero?



Per i DRM è molto semplice: se devi convertire un file da un formato diverso da quello proprietario (AZW) tramite il servizio automatico di Amazon, puoi farlo solo con i file non protetti da DRM. Altrimenti suppongo che sia necessario ricorrere a tool di terze parti. Per quanto riguarda il formato proprietario, ovviamente essendo quello usato dal sito di Amazon per acquistare i libri, non ci sono grossi problemi se sei il detentore dei diritti. :D
Per quanto riguarda l'impossibilità di mettere un PDF qualsiasi, è falso. Basta inviarlo all'email e te lo ritrovi tale e quale sul Kindle, senza nessun problema (oppure lo copi tramite cavetto USB). Il punto invece è un altro: molto spesso non ti conviene metterlo in PDF, perché, come dicevo sopra, se hanno usato un carattere troppo piccolo, risulta difficile da leggere sul reader senza ricorrere a zoom o cambio di orientamento (perché per i file PDF non è possibile modificare la dimensione del carattere, visto che il Kindle tratta ogni pagina come un'"immagine").


Hai provato a usare qualche software tipo Calibre per archiviare e backuppare la libreria e convertire i formati?



Per il momento no, ho sempre trovato libri in formati comodi, come DOC, RTF o PDF. Ad ogni modo Calibre è un software utilizzatissimo ormai, ci sono numerosi esempi in rete, e funziona alla grande. :)
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 12.02.2011 alle ore 17:49
In effetti dicono che con Calibre si possano convertire gli epub in mobi (http://en.wikipedia.org/wiki/Mobipocket) che pare siano digeribili dal kinder.
Se ne parla qui: http://techlogg.com/2010/12/how-to-read-epub-ebooks-on-a-kindle/1899

In effetti non sono solo io a essere scontento dell'esclusione del formato epub dal kindle:
http://www.zdnet.com/blog/perlow/epub-the-final-barrier-for-kindle-adoption/13804

Un interessante ebook reader è il Sony PRS-600 ma costa quasi tre volte di più.

Sono molto molto indeciso. ^_^
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 14.02.2011 alle ore 11:01
Vedo che 'sto "mito" della cloud convince proprio tutti e vedo anche una certa miopia... magari per l'uso quotidiano e limitato ai prossimi vent'anni potrà anche andare bene, ma anche quei dati sono conservati su macchine che, pure loro, possono rompersi. E non sono manco "vostri", ma di chi mantiene i server. Inoltre sto parlando di conservare la conoscenza nel tempo, non di costruirsi una biblioteca. Una completa transizione all'elettronico sarebbe la più grossa stronzata che potremmo fare, a mio modo di vedere: troppo fragile, ridondanza o meno (una tempesta solare discreta potrebbe produrre EMPs potenti abbastanza da friggere un bel po' di server... non è ancora accaduto, ma chi ci dice che non possa?).
La carta è un metodo migliore per trasmettere la conoscenza, ne sia prova che possiamo leggere oggi libri scritti migliaia di anni fa. E nessuno ha detto niente sulle tecnologie di codifica e decodifica... secondo voi non è un problema?

Mi sembra che diate per scontate le nostre capacità tecnologiche. Ma queste sono fragili, la conoscenza che vi è legata è così specialistica che sarebbe difficile ricostruirle da zero... e voi vorreste tenerla su hard disk?
Non ritengo sia pessimista pensare a uno scenario in cui l'energia elettrica sarà necessaria per ben altro che farci leggere i nostri ebook... al limite realista. Davvero pensate che potremo andare avanti a questi livelli di produzione energetica (e di consumo) ancora a lungo? Quindi carta, o nel lungo periodo perderemo quanto sappiamo.

Oh, poi pensatela come volete, ma diamine, io penso al futuro remoto ^_____^
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 14.02.2011 alle ore 11:03
Uhm ,forse ho usato un tono brusco, non volevo offendere nessuno... ma mi pare che qui stiamo parlando di due cose molto differenti, due piani diversi: voi di quanto è comodo l'ebook reader in confronto alal carta, io di come si trasmette la conoscenza ai posteri. Due cose diverse, e nella seconda la carta si è già dimostrata più efficace ^_____^
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 14.02.2011 alle ore 12:09
@Il_gobb:

Macché toni bruschi. Per me va benissimo! :D
Beh, volendo parafrase la catastrofe che prevedi, non potrebbero prendere fuoco tutte le stamperie o le scorte di un libro? Voglio dire... a me pare che da quando si è iniziato a digitalizzare tutto, non si sia più perso niente. Prendi internet... praticamente riesci a trovare qualunque documento pubblicato anche 20 anni fa. E dato che la digitalizzazione è relativamente moderna, come puoi dire che la carta si è dimostrata più efficace?

Inoltre (sicuramente involontariamente) hai omesso un dato importantissimo. Quando prendi ad esempio l'efficacia della conservazione cartacea citando i libri che ci sono arrivati oggi, ti perdi un dato sia importante, che potenzialmente incalcolabile: tutti quelli che non ci sono arrivati. Come facciamo a sapere quanti sono?

Inoltre l'evento catastrofico che prevedi tu, mi pare davvero impossibile. C'è inoltre da dire che se non avessimo energia elettrica, non perderemmo i nostri documenti, ma li avremmo in stand-by. Se invece si vuole ipotizzare un evento tale da distruggere un sistema mondiale di cloud computing, beh, ho paura che poche cose sopravviverebbero.

P.S.
Io non ho mai perso un documento digitale. Io ho perso tanti fogli di carta. :-)
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 15.02.2011 alle ore 00:26
@ albyok
La carta è più efficace perché è una tecnologia semplice, quindi meno prona ai disastri. I contenuti sono replicabili da chiunque sappia leggere e scrivere, con mezzi elementari (per la maggior parte della storia dell'umanità, copia a mano). Un libro non ha parti in movimento, è meno soggetto a usura di un hard disk, i linguaggi umani cambiano molto più lentamente delle tecnologie e quindi i testi hanno una "vita" più lunga di un film codificato in un formato (o registrato su un supporto) che magari fra 20 anni morirà e non sapremo più come leggere. Se hai un dischetto da 5.25 e ti sei dimenticato di copiare i files che c'erano sopra, addio contenuti!
Inoltre per quanta ridondanza un sistema informatico possa offrire ricordo che si basa su tecnologie complesse, difficilmente replicabili senza una notevole infrastruttura industriale.

Altro esempio: un documento di testo creato con Writer (chi se lo ricorda? :D) se pure funziona con Word 2010, si perde per strada la formattazione, i caratteri speciali e chi più ne ha più ne metta. Lo stesso accadrà in futuro con quello che conserviamo oggi.
I supporti hanno scarsa durata fisica rispetto alla carta, l'hardware che li decodifica diventa obsoleto in poche decadi o meno. Lo stesso dicasi del software. Pensare che tanto ci sarà sempre una soluzione più avanzata è "wishful thinking", non altro ^_____^

E no, ovviamente non so quanti libri sono andati persi, ma la parte che si è salvata informa le culture alla base di tutte le civiltà attualmente esistenti al mondo. Esistono testi vecchi di 5000 anni. Un CD non dura così manco sottovuoto, e per conservare la conoscenza nel tempo tocca pensare sul lungo periodo... quindi significa NON pensare all'informatica. Troppo volatile per sua stessa natura, come spero di aver reso chiaro.

Quanto al fatto che una crisi energetica come quella che descrivo ti sembri "impossibile", il tuo ottimismo mi fa piacere e mi rincuora ma... hai presente il grafico storico della produzione mondiale di petrolio? Ci hai dato un'occhiatina ultimamente?
Sai qual è il prezzo di affito di una petroliera al giorno d'oggi?
Hai idea di cosa siano gli idrati di metano?
Io sì, e sono preoccupato... non allarmista, ma preoccupato. Potremmo trovarci in 50 anni a dover decidere cosa fare della poca, costosissima energia rimastaci, a meno di politiche radicali in tal senso.
Poi qui si apre la discussione se valga la pena impestarci ancor di più con le scorie radioattive per produrre elettricità con cui alimentare i server (e tutto il resto), ma questo è un altro discorso... semplicemente mi sembra un po' ingenuo pensare che questo stato di cose possa andare avanti indefinitamente. Pochi realizzano che l'informatica (di cui sono un grande fan e un costante utilizzatore, sia chiaro... è il mio lavoro!) è solo la cuspide di una piramide fatta di infrastrutture complesse e non scontate, che (nonostante l'ottimismo) può crollare e quasi certamente lo farà, tenendo questo passo. Guarda quanto silicio si estrae al mondo, cerc i dati storici di costo e produzione. Pensare che i nostri nipoti potranno avere accesso alle nostre conoscenze senza la carta mi sembra ingenuo, o quantomeno moooooooolto imprudente. Better safe than sorry, dicono.
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 15.02.2011 alle ore 00:44
Ma forse sono semplicemente perso in un trip sul ragionare a lunghissimo termine... ci ho scritto un posto poco tempo fa e quando penso a lungo termine intendo proprio LUNGO termine :D
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 15.02.2011 alle ore 11:57
@Il_Gobb_

Io penso ci sia un grosso errore di fondo nel tuo ragionamento. Tu parli della conservazione dei libri in digitale tirando in ballo supporti come i CD o dei normali hard disk casalinghi. Se la metti su quel piano è chiaro che il tuo discorso (quasi) torni, ma il cloud computing mica si basa su supporti del genere! Pensi che strutture come Google Books abbia dietro un paio di server con 2 hard disk da qualche TB? Sono strutture che potrebbero essere paragonate alla triplice copia di un libro fatto in kevlar e con la copertina all'uranio. Sui libri invece fai esattamente il discorso contrario, prendendo in considerazione quelli realizzati con tecniche molto particolari e non quelli che compongono il 99% della stampa. Se quindi mi prendi il peggior supporto informatico e me lo paragoni con il miglior supporto cartaceo, non hai nessun valore utile.

Riguardo alla crisi energetica... Qua ci sono un paio di cose da dire. Gli ebook reader sono un gigante passo avanti per quanto riguarda i consumi. Grazie al loro particolare modo di rappresentazione del loro schermo, sono in grado di andare avanti 1 mese con una sola ricarica! E siamo solo alle prime generazioni.

Poi... il petrolio è normale che finirà, ma ci sono tante altre fonti energetiche che oggi (in parte) sono oscurate da quel gigante e che per forza di cose verranno fuori. Invece c'è una cosa che se continuiamo così finirà davvero: gli alberi.

Quindi ti invito a guardare alla conservazione digitale non come il classico CD da casa o l'hard disk esterno dove conservi i film, ma una gigantesca struttura con infinite copie di backup, supportata da supporti con i controcaxxi. :-)
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 15.02.2011 alle ore 13:59
Ho parlato di server, e quei server hanno degli hard disk, che sono proni a casini quasi come i nostri. E poi mica TUTTO è sulla cloud, né plausibilmente ci sarà mai... anche se vedo con favore gli sforzi in questa direzione, perché la conoscenza deve essere accessibile a tutti.
La situazione migliora con gli hdd a stato solido, questo sì. E comunque ignori il discorso dei formati e delle tecnologie di codifica.
E no, non sono paragonabili a libri in triplice copia con copertina in kevlar, per quanta ridondanza possano offrire: ripeto, si basano su una piramide di conquiste tecnologiche che potremmo anche perdere. Infine non esiste niente come una "infinita" quantità di copie, sia per i libri che per i files ^____^

Il 99% della stampa di certo non è su carta di ottima qualità, vero, ma dura comunque molto più di qualsiasi hard disk (compresi quelli dei server) e data la sua facilità di produzione mi sembra un metodo molto più affidabile. Sì, perché la carta è facile da fare. So farla io coltivando due vasi di papiro, giuro! Chiunque può. E dura parecchio! Mentre non sarei capace di costruire un hard disk... come nessun altro, se è per questo, senza l'infrastruttura industriale che dai per scontata ed eterna.

Vabbé, direi che possiamo essere d'accordo sul fatto che siamo in disaccordo: il tempo dirà chi ha ragione ^______^
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 15.02.2011 alle ore 14:02
E tra parentesi 'sta cosa del cloud computing piace proprio a tutti... ma solo io e Stallman pensiamo che gli OS cloud siano una boiata pazzesca e pericolosa? :D
Diciamo che può funzionare, e lo auspico, per i documenti pubblici, ma per quelli privati... vade retro!
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 18.02.2011 alle ore 15:36
@Il_Gobb - oddio, un intero OS cloud fa un po' paura anche a me, se devo essere sincero. °_°
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 21.02.2011 alle ore 12:24
Vi confermo che le specifiche di Amazon rispondono al vero: oggi, dopo 1 mese e 4 giorni di uso continuo e anche abbastanza intenso (con WiFi attivo), il Kindle ha mostrato il messaggio di batteria scarica per la prima volta. ^_^
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 22.02.2011 alle ore 15:11
Bellino! Mi sto convincendo sempre di più...
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 22.02.2011 alle ore 18:43
Se avesse anche il supporto agli .epub mi sarei già deciso.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 22.02.2011 alle ore 20:02
Si convertono tranquillamente. ;)
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 02.03.2011 alle ore 22:30
ottima discussione. Davvero.
Devo dire che le considerazione de Il_Gobb sono in un certo senso inquietanti ma ... sostanziate. Idee del genere mi frullano in testa dai tempi della lettura dell'eccellente libro di Walter Miller "un cantico per Leibowitz".

Detto questo alcune domande. Sto per ordinare il kindle che ritirero' poi durante il mio soggiorno a Seattle ... cosa non si fa per risparmiare sul cambio, sulla spedizione e sulle tasse
:-)))

1) hp catastrofica ma reale. Mi rubano/si rompe il Kindle. Tutti i libri che ho comprato da loro sono in qualche modo riscaricabili sul mio account Kindle?
2) E' possibile fare backup del contenuto per sicurrezza? Immagino sia crittato.
3) nel caso 1) potrei ritrasferire i libri sul, ad es. Kindle4 (9" a colori) la cui uscita e' prevista il prossimo anno? Oppure i libri sono legati ad un dato Kindle.
4) Non ho capito se un libro in PDF de , x esempio, Il piccolo principe permette alle illustrazioni di essere viste sul Kindle.


Sapete quale e' l'unica cosa che mi trattiene e che non mi fara' passare del tutto all'eBook ?
Il fatto che non potro' comprare libri elettronici usati e quindi paghero' tutto di piu'. Anche limitandosi ad Amazon (us e uk) mi capita spesso di comprare libri praticamente nuovi ma usati a 0,01 cent. :_(
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 03.03.2011 alle ore 15:43
@il_Mauri - ciao benvenuto! ^_^
Rispondo immediatamente alle tue domande.

1) Gli ebook comprati da Amazon sono collegati all'account usato al momento dell'acquisto, il che vuol dire che puoi tranquillamente cancellarli dal dispositivo - per qualsiasi motivo - e riscaricarli dal tuo account, quante volte vuoi. Non solo: ad ogni account puoi associare fino a 6 Kindle diversi, e in ciascuno di essi puoi scaricare tutti gli ebook associati. L'unica eccezione a questa regola sono gli abbonamenti ai periodici, che sono utilizzabili esclusivamente dal dispositivo da cui hai effettuato l'acquisto. Pensa che se cancelli da un Kindle un libro che hai acquistato su Amazon, loro memorizzano tutte le tue eventuali annotazioni, segnalibri o evidenziature per i download futuri. A questo indirizzo trovi una guida dettagliata alla gestione del contenuto nel Kindle di ultima generazione.

2) Per quanto riguarda i libri acquistati su Amazon e soggetti a licenza, vale la regola del punto 1: sono tutti associati e archiviati nel tuo account, non c'è bisogno di fare nessun backup perché di fatto ci pensa Amazon automaticamente. Parlando invece dei file e dei documenti aggiunti da te, il Kindle può essere collegato ad un PC tramite cavo USB e viene visto dal Sistema Operativo come se fosse un qualsiasi altro dispositivo di storage, quindi vedrai le cartelle che hai creato per archiviare i documenti e i vari file in chiaro.

3) Vedi punto 1: i libri sono legati all'account, e ciascun account può avere fino a 6 Kindle associati. Su ognuno di essi puoi ri-scaricare tutti gli ebook acquistati da Amazon.

4) La compatibilità del Kindle con i file PDF è molto buona. Le immagini, se non sono troppo complicate (e.g. immagini vettoriali, fotografie a colori molto dettagliate, e cose del genere) si vedono senza nessun problema. Io ho provato a inserire il file PDF di un libro di illustrazioni, e si legge divinamente.

Spero di esserti stato d'aiuto. :)
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 03.03.2011 alle ore 17:29
grazie 1000, veramente

Ho letto ieri sera che non dovrebbero esserci grossi problemi anche con i formati dei libri acquistati altrove da Amazon. O meglio in diversi casi si possono convertire. Sarebbe interessante vedere quali, fra i venditori in lingua italiana, sono convertibili per Kindle.

Mi sono perso una cosa su PDF. Devono essere sempre convertiti da loro oppure possono essere letti come tali ?

Bene la cosa delle illustrazioni e' molto buona. Dai rumors sembra che il Kindle4 sara' una specie di iPAD ma dedicato alla lettura. In effetti su iPAD il corriere si legge mooooolto bene.

Quindi ... l'ordine e' partito !!! Alla fine di tutto ho pagato circa 108 e
:-)))

p.s.
questo sito mi piace sempre piu
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 04.03.2011 alle ore 12:46
@il_Mauri - Sì, il Kindle supporta già di per sé parecchi formati, e per tutti gli altri ci sono molti convertitori in giro.

No, i PDF puoi metterli tali e quali - anche tramite trasferimento USB - e vengono letti così come sono. L'unico problema, come dicevo nell'articolo, è che non puoi modificare la dimensione del carattere e tutte le altre caratteristiche del testo, quindi se il PDF è stato creato con un carattere troppo piccolo, per leggerlo devi fare un po' di salti mortali (leggere in modalità landscape o usare il non proprio comodo zoom). Ecco perché consiglio sempre di usare file in formato aperto (DOC, RTF, TXT) che vengono convertiti e adattati in maniera sublime.

Sì, ormai anche l'iPad è diventato un ottimo e-book reader alternativo.

Grazie, mi fa piacere che ti piaccia! ^_^
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 04.03.2011 alle ore 13:12
Sull'ipad si legge bene? Ma non stanca la vista il monitor retroilluminato?
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 04.03.2011 alle ore 13:41
@ Lyserjik
Ci sono opinioni contrastanti. Per quanto mi riguarda l'iPad non è un buon lettore di e-book... fa il lavoro, ma avendo avuto occasione di provarlo continuativamente ti posso dire che dopo un po' mi dà fastidio agli occhi. Ad altri no. Senza contare la faccenda dell'illuminazione diretta...
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 09.03.2011 alle ore 16:23
Oggi Amazon mi ha comunicato che mi rimborserà 6 Euro perché le spese di esportazione per il mio ordine di quasi 3 mesi fa si sono rivelate inferiori. Se non è serietà questa... °_°
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 09.03.2011 alle ore 19:44
Amazon è sempre all'avanguardia per quanto riguarda il customer care.
Cmq ho approfittato del ribasso dei prezzi e ho preso un ipad di prima generazione. ^^'
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 09.03.2011 alle ore 21:02
Eh ma lo sai che quasi quasi hai fatto bene? ;) 300 e passa Euro giusto? E come ti trovi? Dicci dicci... ;)
_ Commento di LuPoN _ profilo homepage
_ scritto il 29.03.2011 alle ore 14:36
Aggiungerei all'iPad anche tutti i tablet basati su Android, specialmente i nuovi con la build Honeycomb (Kindle è presente anche li), infatti un Kindle dentro casa arrivera SICURAMENTE presto, e penso inizialmente ce lo litigheremo io e mio fratello, e poi sto valutando (più per lavoro principalmente) di farmi un tablet, ovviamente con Android dato che l'iPad sinceramente m'è sempre stato un po' antipatico, nonostante il 2 mi stava solleticando l'idea, l'ho messo da parte appena ho visto i device Android con Honeycomb e base NVidia Tegra 2 :P
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 29.03.2011 alle ore 19:36
Beh quello usciti finora non ci si avvicinano proprio all'iPad (al primo, figuriamoci al 2). Vediamo un po' come vanno quelli nuovi che promettono faville... iPad 2 è obiettivamente molto tosto da battere, c'è poco da fare... :)
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 29.03.2011 alle ore 20:42
Io me lo dovrò prendere per sviluppare l'iPad 2, che brutto essere sviluppatori xD =)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 31.03.2011 alle ore 16:14
@Zandalus - eeeh che sacrificio eh?! -_-'
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 07.04.2011 alle ore 18:20
Altri 20 € rimborsati da Amazon per tasse di esportazione risultate più basse di quanto avevano calcolato nel momento in cui ho fatto l'ordine. Questa è serietà.
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 15.04.2011 alle ore 12:12
"Thanks for your order, Rocco Luigi Tartaglia!"
By Amazon.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 15.04.2011 alle ore 19:15
@Zandalus - grande! Benvenuto nel club! ;)
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 15.04.2011 alle ore 19:31
Dovrebbe arrivare tra mercoledì e venerdì prossimo!
Non vedo l'ora... :D


Sono come un bambino che vuole il suo nuovo giocattolo... =)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 15.04.2011 alle ore 21:29
Eeheh, conosco benissimo la sensazione! xD
_ Commento di Kranish _ profilo
_ scritto il 16.04.2011 alle ore 13:49
Praticamente l'abbiamo ordinato assieme, in un'unico ordine arriveranno 2 Kindle 3G e due cover rosso rubino! Wah wah wah !!!

Anche io sono felice, e adoro i miei giocattoli elettronici!!!

La cosa assurda e che in qualche centinaio di grammi si possono contenere moooolti libri! Che figata!
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 18.04.2011 alle ore 09:43
"Out for delivery - Apr 18, 2011 9:03:00 AM" :D

Peccato che verrà consegnato a Milano ed io non lo potrò vedere fino a fine settimana ç_ç
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 19.04.2011 alle ore 00:31
@Darsch

che bello alla fine mi hanno portato il Kindle.
Ho preso il solo wifi, tanto serve solo leggere e nel caso mi collego al computer.
Ho qualche problema nel connetterlo wifi al mio router, visto che non prende la pw (quella del wireless o quella dell'adsl ? Immagino quella del wireless).

Cmq
mi servivano cortesemente altre info.
1) i PDF (cosi' come i rtf, doc, mobi, ... )vanno messi in kindle/documents (insieme agli azw) ??
2) i file .lit vanno invece convertiti (calibre) oppure li legge ?
3) Se ho un file dello stesso libro come PDF, txt e doc (o altri) c'e' qualche preferenza in quale usare?
4) sono in
www.amazon.com/gp/digital/fiona/manage/
cioe' in /manage your kindle.
Tuttavia non trovo il modo per caricare i file dal mio computer ed inviarli a loro per la conversione.
In pratica il mio indirizzo xxxx@Kindle.com associato al mio account amazon lo posso gestire solo con il Kindle ?
Penso di essermi perso.
help
:-))
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 19.04.2011 alle ore 12:12
adesso che sono riuscito a connettermi wifi capisco qlcs di piu'.

4) devo inviare al mio indirizzo di posta @kindle il materiale che voglio venga trasformato, lui me lo mettera' a disposizione per download e/o via wifi direttamente sul Kindle

in effetti come diceva Darsch i pulsanti e tastiera non sono la cosa piu' comoda del mondo (il touch sarebbe utile) ma una volta fatta l'abitudine e' ok.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 19.04.2011 alle ore 19:44
@il_Mauri - wow, benvenuto anche tu nel club! :D
Rispondo alle tue domande:

1) I PDF puoi metterli direttamente nel Kindle tramite USB oppure inviarteli utilizzando il tuo indirizzo email @kindle.com, come preferisci.

2) Sì, i file .lit vanno convertiti con Calibre.

3) Ti consiglio di inviartelo in formato .doc, .rtf o .txt, perché Amazon ti fa la conversione automaticamente adattandolo perfettamente al Kindle. La visualizzazione dei PDF dipende molto da come sono stati impostati in origine (se il carattere è piccolo, sono dolori).

4) Esatto, basta che invii al tuo indirizzo il materiale e ti viene sincronizzato direttamente sul Kindle. Non solo: dalla pagina di gestione sul sito di Amazon puoi impostare un elenco di indirizzi email fidati, in modo da consentire ad amici e parenti di poterti inviare libri e documenti direttamente sul dispositivo. :)

Facci sapere le tue impressioni di lettura! ^_^
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 06.05.2011 alle ore 22:31
@Zandalus - ohi, t'è arrivato il Kindle alla fine? Allora che ci dici? ^_^
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 07.05.2011 alle ore 16:33
Ma sono completamente stordito, sai che ero convinto di aver scritto? XD

Comunque mi è arrivato e devo dire che è veramente fantastico!

Spedizione da parte di Amazon rapidissima in un packaging resistente e molto figo.

Il monitor quando l'ho acceso per la prima volta mi ha shockato, è incredibilmente definito e realistico. :O
Sembra proprio di aver a che fare con della carta, con il vantaggio della maggior portabilità e leggerezza rispetto ai libri che di solito dovrei portarmi dietro volendo leggerli quando sono in giro :P
Infatti direi che le dimensioni sono perfette per esser sempre portato con se!

Ho caricato in un attimo tutti i libri della saga che sto leggendo ed ordinato il nuovo libro che uscirà a luglio e mi verrà spedito in automatico da Amazon.
Devo inoltre dire che è molto comodo Calibre per organizzare la propria libreria.

Molto belle anche le funzioni per poter mettere degli highlight, note e bookmark.


Tra l'altro fortuna che mi è arrivato prima dell'operazione, almeno avevo qualcosa da fare in ospedale xD

Per quanto riguarda la funzione di abbonarsi ai quotidiani sarebbe figo se si diffondesse anche da noi (o almeno che lo facesse "il fatto quotidiano")
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 08.05.2011 alle ore 00:38
@Zandalus - bene bene, mi fa piacere che ti ci trovi bene! ^_^
Per quanto riguarda i quotidiani, spero davvero tanto che sia un servizio che offriranno sempre più testate, perché sarebbe veramente fantastico ricevere la copia del giornale direttamente sul Kindle!!!
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 02.06.2011 alle ore 00:20
scusate leggendo queste righe che riporto sotto mi e' venuto il dubbio che la conversione effettuata da amazon per il kindle sia a pagamento.
A voi risulta?

Fra l'altro vedo che il file .prc viene letto tranquillamente dal Kindle che ho installato sul mio Mac. Quindi magari la conversione non sarebbe necessaria ...
grazie

ho fatto copia e incolla

1
Send an email with the PRC file as an attachment to username@kindle.com, where "username" is your Kindle username. Amazon then automatically converts and uploads the file to your Kindle. Note that this does cost money, but you can use username@free.kindle.com to have a converted Kindle file sent to the email account registered with your Kindle.

2
Use conversion software that can convert your PRC file to a Kindle file. Software and programs exist both online and offline that can convert your PRC file to a file that the Kindle can read. (See "Resources" for sample programs.)....
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 02.06.2011 alle ore 00:50
@il_Mauri

Allora, la cosa è molto semplice: la conversione è sempre gratuita, qualsiasi sia il formato del file di origine. A determinare l'eventuale pagamento è il modo con cui effettui il download del file convertito sul tuo Kindle: se lo scarichi tramite WiFi, non c'è nessun costo aggiuntivo; se invece lo scarichi tramite 3G, viene applicata una tariffa di 1 dollaro a megabyte (se vivi fuori dagli Stati Uniti). Al momento della registrazione del Kindle ti vengono forniti in realtà due indirizzi email: tuonome@kindle.com e tuonome@free.kindle.com. Il primo è abilitato per entrambe le modalità di download: se il dispositivo ha accesso ad una rete WiFi, utilizzerà quella, altrimenti scaricherà in 3G a pagamento (sempre che il modello scelto lo supporti). Il secondo invece è abilitato alla sola ricezione in WiFi.

Perciò se sei possessore di un Kindle 3G + WiFi, ti conviene usare l'indirizzo free.kindle.com quando vuoi essere sicuro di non pagare per ricevere il documento. Nel mio caso, avendo un modello solo WiFi, non corro alcun rischio ad utilizzare sempre l'indirizzo @kindle.com.

Spero di esserti stato d'aiuto. Ecco le pagine ufficiali: "Sending Personal Documents to Kindle " e "Fees for Personal Document Service". :)
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 02.06.2011 alle ore 11:48
@Darsch
grazie. Grazie al cielo ho comprato il modello con solo wifi. Quindi, posso usare il mio account tranquillamente.

Due cose per inciso.
1) 3G. Mi e' difficile capire l'utilita' per un eReader. In linea generale caricare i libri sul Kindle non e' una cosa che si fa tutti i giorni. Inoltre immagino che chi lo compri abbia a casa un computer/internet attraverso cui caricare/connettersi per caricare i libri desiderati. E se abiti in una grande citta' i siti hotspot sono oramai molti. E per scaricare file la cui dimensione e' intorno a 1MB non e' che ci vuole una connessione cosi' potente. Fatico a capirlo per un iPAD, figuriamoci per un eReader.

2) Sebbene il formato PDF sia ideale e NON da convertire, per i libri con illustrazioni (ideali tal quali su iPAD) ho ancora dubbi atavici riguardo che file tenere quando ho la scelta, come spesso accade, fra MOBI, RTF, TXT, DOC, ePUB, lit, ... . Mi riferisco a libri "standard". Suggerimenti?
Convertire il tutto con Calibre in MOBI (visto che e' facilmente gestito da Kindle) ?!?
Il PDF si sa essere un formato "rigido" che anche dopo conversione (ad es. con Acrobat Pro) in un .doc a volte mostra qualche problemuccio nella gestione dei paragrafi, etc. Quindi preferisco tranne nei casi di cui sopra evitare di tenere PDF.
Certo l'iPAD2 (troppo costoso ahime) e' ideale per leggere articoli di natura scientifica con immagini e grafici. Mi si dice che il prossimo Kindle da 9" dara' queste possibilita' ma ... dovrebbe costare sopra i 400 USD...

ciao ciao
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 02.06.2011 alle ore 13:11
@il_Mauri

1) beh magari se uno è in viaggio di lavoro, deve scaricare quotidiani o altri documenti importanti, e non ha la sicurezza di avere a disposizione un PC o un WiFi, il 3G può essere utile. Ma per un uso normale quale il nostro, sono perfettamente d'accordo con te, è una cosa inutile. Per questo ho scelto anche io un modello WiFi-only. :)

2) per quella che è la mia esperienza, se hai a disposizione una versione in formato "aperto" (DOC, TXT, RTF) del documento, è sempre meglio preferire quella, perché la conversione che viene fatta da Amazon lo rende perfettamente a misura di Kindle, e le immagini vengono anche adattate e alleggerite (mentre se lasci quelle originali puoi notare qualche rallentamento nel caricare pagine particolarmente pesanti).
Anche la soluzione di convertire tutto in MOBI è buona, visto che Calibre genera delle conversioni sempre eccelse.
Sì, il PDF non è sicuramente il formato ottimale per il Kindle, perché non viene adattato e gli elementi di visualizzazione (come la grandezza del carattere, la spaziatura, l'eventuale eccesso di bordo bianco che restringe ulteriormente l'area visibile) dipendono solo da chi ha creato il file.
L'iPad 2 è fantastico come e-reader, non c'è dubbio, ma essendo retroilluminato dopo un po' stanca la vista.

Ciao! ^_^
_ Commento di il_Mauri _
_ scritto il 04.06.2011 alle ore 12:21
@Darsch
d'accordissimo sulla retroilluminazione. Sebbene chi passa molto tempo davanti ad un computer ci sia "quasi" abituato".

In effetti iPAD2 e' piu' e meno nello stesso tempo di un eReader (tascabile e con ampia durata di batteria). Sarebbero complementari... ma ho gia due Mac ... mi trasformerei in un Borg dovessi comprare altra Tech.

Per questo sono "moderatamente" curioso sul prossimo Kindle "a colori" e a 9".
:-)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 04.06.2011 alle ore 12:25
@il_Mauri - eh l'iPad è un bel ingillino, non c'è che dire... fa molta gola anche a me, sebbene sia abbastanza superfluo. :P Sì è vero, per chi è abituato a stare al PC millemila ore al giorno non è un problema... e ha il vantaggio di poter essere letto anche in scarse condizioni di luce. :)

Anche io sono piuttosto cuorioso :P
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 05.07.2011 alle ore 11:01
E condividiamo un po' di info sui lettori di eBook!
Ho recensito il Nook e presto recensirò anche il rooting del medesimo ^____^
http://www.talkinrapper.com/2011/07/nook-ereader-la-g-recensione.html
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 05.07.2011 alle ore 14:59
@Il_Gobb - interessantissima recensione! e grazie per la citazione! ^_^
In effetti ora che ho smanettato un bel po' col nuovo iPad, tornare ad un dispositivo non touch è un po' come fare la fila in posta per pagare un bollettino dopo anni di e-banking. Ma va beh, il Kindle è comunque sufficientemente versatile anche nei controlli. ^^
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 05.07.2011 alle ore 15:08
Ecco, bravo darsch: adesso che hai smanettato con l'ipad, sapresti dire quale dispositivo è meglio come legibilità dei testi? :)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 05.07.2011 alle ore 15:42
@Lyserjik - per il momento, in condizioni di sufficiente illuminazione, è sicuramente meglio il lettore e-book, molto più confortevole e rilassante. Ma io aspetterei il nuovo iPad, che suppongo monterà il retina display. ;)
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 22.07.2011 alle ore 12:24
Nook rootato e provato per qualche giorno: qui la recensione e le istruzioni ^___^

http://www.talkinrapper.com/2011/07/rooted-nook-touch-come-e-perche-e-piu.html
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 23.07.2011 alle ore 16:16
Very interesting! ^_^
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 16.12.2011 alle ore 16:25
Mi è finalmente arrivato il Kindle Touch! In attesa di un post dedicato, volevo segnalare una gradita novità nel servizio di invio e-book al proprio dispositivo tramite indirizzo email @kindle.com: è stata aggiunta la conversione anche dei file PDF! Basta inviare un file PDF e inserire nell'oggetto dell'email "convert", e verrà convertito anch'esso nel formato proprietario di Kindle! ^_^
_ Commento di Luc _
_ scritto il 04.01.2012 alle ore 17:27
Ma c'è modo di impostare il linguaggio in "Italiano" ? e se si come ?
Grazie
Luc
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 04.01.2012 alle ore 18:14
@Luc - se l'hai comprato dallo store americano o inglese, non credo la lingua si possa cambiare. Se converti l'account verso amazon.it, dovrebbe caricarti in automatico il dizionario italiano, ma la lingua di tutto il sistema non credo si possa modificare.
_ Commento di Luc _
_ scritto il 04.01.2012 alle ore 18:50
E' un regalo che mi è stato spedito da amici USA e acquistato sul sito USA. In effetti carica il dizionario italiano e punta amazon.it (dove sono registrato), ma il linguaggio dei menu è inglese, e non trovo modo di modificarlo. Questo mi sembra veramente un grandissimo limite, anche stupido tutto sommato. Io con l'inglese non ho problemi ma il regalo in realtà è per mia moglie che mastica poco l'inglese ... speriamo in un qualche rilascio di firmware o software nuovo ... ma mi sebra da quello che dici ci siano poche speranze.
Grazie cmq
Luc

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 16 ospiti
Ultimi utenti registrati: VALEGIU64, elenina75, babyzilla, antonella, La_Ele
Visite univoche ai post da dic. 2007: 2.732.898
Post totali: 1161
Commenti totali: 6753
© darsch.it [2007-2014] _ Powered by Tribe Studio.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0