doc Il Network Management di Telecom Italia
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 14:02 _ 2059 letture
img

In un comunicato ufficiale Telecom Italia fa sapere che, limitatamente alle centrali in cui si verificano fenomeni di congestione del traffico e nelle sole ore di punta, può intervenire per limitare la banda disponibile alle applicazioni che comportano maggior consumo di risorse di rete - tra parentesi vengono specificati il peer to peer, il file sharing e un enigmatico "ecc". Il che tradotto vuol dire "se la maggior parte degli utenti connessi a una centrale satura la linea con applicazioni di P2P, impedendo a quelli che vogliono navigare o fare attività diverse di usufruire di una banda adeguata, in casi di emergenza ci riserviamo la facoltà di limitare la velocità per quelle applicazioni in modo da offrire un servizio più omogeneo a tutti".

Ora, sebbene sia abbastanza lodevole lo sforzo di Telecom per sottolineare la natura emergenziale e temporanea di questo tipo di interventi, sento nascermi dentro due domande spontanee.

- La definizione "applicazioni che comportano un maggior consumo di risorse di rete" secondo me è campata in aria. Qualsiasi attività su Internet, potenzialmente, può comportare un'alta occupazione di banda. Con quale criterio un programma di file sharing si vede assegnata una priorità inferiore rispetto al tizio che naviga tutto il giorno su Facebook o su Youtube - due applicazioni che consumano enormi quantitativi di risorse di rete?

- Ma con tutti i soldi che vi diamo, perché non potenziate l'infrastruttura invece di cercare di far entrare i panni in una valigia che, per vostra stessa ammissione, non è in grado di contenerli tutti?
Darsch
_ chiavi di lettura:internet, telefonia, rete

_ potrebbero interessarti


_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 14:33
Io è da Ottobre che con la mia "adsl" viaggio in download a 10-15 kb/s. Sai quanto sono incazzoso e scassaminchia, quindi neanche ci sarebbe bisogno di dirti che ho fatto a cazzotti con il 187 per farmi rimborsare le bollette. Ho ottenuto:

- L'ammissione che la centrale è satura e stanno potenziandola entro un mese / entro due mesi / a breve / entro Febbraio / entro Marzo / ah, no, allora è come le ha detto la mia collega / boh, non so / scusi, passavo di qua / non glielo dico

- Il download di un programma dell'AG-Com che dovrebbe servirmi per certificare che la mia connessione va lenta, nonostante la Telecom l'abbia già ammesso. Programma tra i più brutti mai visti e inutilizzabile persino ad utente di alto livello (non per gasarmi eh) perché richiede un test di 24 ore con:
1) Tutte le cose in rete, a parte un computer, scollegate (per le 24 ore)
2) Sul computer non ci deve essere nessun processo (neanche in background) che usi la rete. Questo punto è IMPOSSIBILE da raggiungere, dato che qualsiasi cosa fa interrompere il test. Qualsiasi. Ho provato persino a trattenere il fiato, ma niente.

- Se per caso riesci a fare il test (pare che nessuno ci sia mai riuscito) cosa ottieni? Nessun rimborso, ma semplicemente obblighi la Telecom ad adeguare la connessione. Ma Telecom lo sta già facendo.

Loop infinito. Soldi finiti.
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 14:35
Ah, alla fine mi sono dimenticato di parlare di ciò che hai scritto! :D

Sì, anch'io penso che difficilmente possano capir bene da dove viene l'alto uso di banda. Forse (non so in che modo) potrebbero bloccare determinate porte. O forse faranno a caso. Sì, questo sarebbe più da Telecom.
_ Commento di jasmines _ profilo
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 17:01
Sapere esattamente quale protocollo/servizio/risorsa:porta sta congestionando la linea è possibilissimo, ma secondo me non giustifica il fatto che le linee siano vecchie, piene di dispersioni di vario tipo, e ormai sature visto che gli utenti aumentano esponenzialmente. Ne avrei da dirvene (non solo riguardo Telecom) da annoiarvi per mesi.
Vi basti pensare che nel 2000, ormai 11 anni fa, quando iniziarono a diffondersi le ADSL, il doppino telefonico supportava già 6 megabit di banda, ma in accordo con direttive europee la Telecom aprì i rubinetti nella maniera più "parsimoniosa" possibile, partendo dai 320 k/s, se non ricordo male, e adeguando la velocità sempre per ultima rispetto alle altre nazioni EUR.
Oggi le fantomatiche 20mega continuano a viaggiare sullo stesso doppino di 11 anni fa, e la banda nominale è sempre ferma a 6mega, anche se con qualche trucchetto si riesce ad arrivare a 10-12, spacciandoli ovviamente per 20...
Se la vostra connessione va bene, insomma, potete considerarvi dei privilegiati se non dei miracolati, fermo restando che anche i reietti lebbrosi che vanno a 10-15k pagano la stessa vostra bolletta:)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 19:27
@albyok - la storia del programma AG-Com è tremenda... °_°
Più che le porte - che si possono cambiare/personalizzare all'interno dei programmi di file sharing - credo ci sia bisogno di un minimo di analisi del traffico per capire che quei pacchetti sono effettivamente scambiati da un'applicazione p2p, anche perché ci sono diversi protocolli.

@jasmines - concordo sull'inadeguatezza delle linee nostrane.
Io mi ritengo abbastanza fortunato alla fine: ho una 20 Mbit e aggancio la portante a 10-11 Mbit (reali, fortunatamente, scarico regolarmente a 800/1200 KB/s). Certo, mi rode un po' perché almeno a 15 vorrei arrivarci (ho amici che hanno la centralina vicinissima e arrivano a 16 Mbit), però in effetti la differenza di prezzo con la 7 Mbit è di soli 5 Euro. Si può fare. :)
_ Commento di Tim_Braid _ profilo
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 20:17
Giusto per essere sicuro di non sbagliarmi: le linee sono tutte di Telecom? Poi i vari gestori pagano l'affitto per l'utilizzo di queste linee, ma noi in pratica utilizziamo sempre le stesse linee obsolete?

Per due anni ho vissuto a Milano, dove avevo la fibra ottica di Fastweb; riuscivo ad avere più programmi P2P aperti ed ognuno scaricava ad almeno un MB/s; in pratica il problema l'aveva il pc che doveva gestire tutti questi dati in entrata ^.^'

Questa parentesi per dire: al momento, in Italia, l'unico modo per navigare alla grande, è avere la fibra ottica di Fastweb?
_ Commento di jasmines _ profilo
_ scritto il 23.02.2011 alle ore 20:55
Alla grande sempre col beneficio del dubbio.
Per la connessione non in fibra, ovvero col doppino telefonico, anche fastweb sottosta alla legge dell'ultimo miglio, che è praticamente un monopolio ereditato direttamente da SIP, contro cui molte associazione cercando di battersi senza successo da anni.
Se voleste combattere, dovreste rescindere da ADSL e abbonarvi a fastweb (esclusivamente in fibra) oppure wi-max non telecom o wifi di altri operatori (tipo vodafone station), come si dice a Roma, v'AREGGE? :)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 24.02.2011 alle ore 12:56
Boh, io non ne ho sentito parlare benissimo di Fastweb sinceramente ... per il momento sto benissimo così...

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 59 ospiti
Utenti più attivi del mese: Damiano (4)
Ultimi utenti registrati: Damiano, andre, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.275.624
Post totali: 1236
Commenti totali: 6859
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0