_ chiavi di lettura:società, violenza, legge

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 08.04.2011 alle ore 15:44
A parte il fatto che l'alcool è una droga pesante e, volendo essere legislativamente coerenti, dovrebbe essere illegale come la cocaina o l'eroina (ma mettiamoci pure il tabacco), sono d'accorderrimo.

Il problema delle sostanze psicotrope a mio avviso è eminentemente economico: in Italia la vite è un'industria e non si tocca, nonostante i costi sociali che l'acool inevitabilmente ha (sanità pubblica, disordini etc). Il resto è "droga", ma solo perché non sono 2000 anni che coltiviamo oppio e marijuana (oddìo, negli anni '30 eravamo il secondo produttore di canapa al mondo, ma vabbé).
D'altronde la maria è fuori legge proprio per motivi economici ormai, tra l'altro, caduti nel dimenticatoio (http://ale1980italy.wordpress.com/2009/08/19/cannabis-stori/).
Quindi alcool sì, maria no. Mai un governo che lasci alla scienza il compito di stilare una classifica delle sostanze in base alla pericolosità degli effetti sull'organismo, oh.

Il proibizionismo non funziona, non ha mai funzionato, storicamente, ad ogni sua applicazione... e ancora insistiamo? Almeno rendendo legale la cannabis (monopolio di Stato!) avremmo parte dei soldi per ammortizzare i costi sociali dell'alcool e del tabacco (enormi) e delle altre droghe (abbastanza marginali, qui in Italia). E poi basta: o legalizzi tutto e ti prepari all'impatto con politiche sociali ed educative serie e scientificamente informate o proibisci tutto e comprimi le libertà individuali. Lo Stato, non solo su questa questione, fa il paternalista e tratta i suoi cittadini come ragazzini irresponsabili...
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 08.04.2011 alle ore 15:47
Tutto ciò senza contare gli enormi profitti che sfileremmo dalle mani delle mafie legalizzando la cannabis...
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 09.04.2011 alle ore 10:49
Bah, quando bevo una birra o un amaro dopo pranzo non mi sento come un tossico nel parco. Questa demonizzazione dell'alcool deriva da una visione molto distante dalla realtà a mio avviso.
Sono d'accordo sul fatto che invece di proibire l'alcool dopo un certo orario (tanto se lo portano da casa) sarebbe meglio presidiare le zone più calde.
Piuttosto è dovere delle famiglie educare i figli a non abusare di certe sostanze, ma che ne parliamo a fare, oggi le famiglie proteggono i figli anche contro ogni evidenza e ogni decenza.
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 12.04.2011 alle ore 11:29
Scusa Liserjik, ma pur non approvando il proibizionismo bisogna partire dai dati di fatto, e la realtà è che l'alcool è una sostanza pericolosissima: è responsabile di circa 195.000 morti ogni anno nell'UE. Provoca il 12% e il 2% di morte prematura e di disabilità. Ciò rende l'alcol il terzo fattore di rischio per la salute su 26 fattori di rischio nell'UE, davanti a soprappeso-obesità e dietro solo al tabacco e all'ipertensione.
Conta anche i 17.000 morti all'anno dovuti a incidenti stradali (1 su tre incidenti stradali mortali, 27.000 morti accidentali, 2.000 omicidi (4 su 10 omicidi), 10.000 suicidi (1 su 6 del numero totale di suicidi), 45.000 morti per cirrosi epatica, 50.000 morti di tumori, di cui 11.000 sono morti di donne per tumore al seno, e 17.000 decessi dovuti a problemi neuro-psichiatrici oltre a 200.000 casi di depressione.
I costi sanitari? Sono stimati in 17 miliardi di euro, insieme a 5 miliardi di euro spesi per il trattamento e la prevenzione del consumo problematico di alcol e l'alcoldipendenza.
Quale visione molto distante dalla realtà?

Cito solo questo studio europeo tacendo per brevità le centinaia di studi simili in tutto il mondo, tutti univoci. È la scienza, bellezze! ^____^
http://ec.europa.eu/health-eu/news_alcoholineurope_en.htm

Per confronto, tutte le altre droghe ammazzano (per overdose, non sono riuscito a trovare dati sui costi collaterali, ma sono al alvoro e ho poco tempo) 6500-9000 persone all'anno nella UE.
http://ec.europa.eu/health-eu/my_lifestyle/drugs/index_it.htm

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 35 ospiti
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.358.936
Post totali: 1237
Commenti totali: 6864
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0