doc La frustrazione di un precario qualsiasi...
_ scritto il 23.01.2008 alle ore 13:37 _ 2278 letture
Da domani sarò, per l'ennesima volta, disoccupato per il periodo necessario al rinnovo del _favoloso_ contratto a progetto da schiavo che mi ritrovo (ferie e malattie non pagate, stipendio che mi permette appena di sopravvivere, e compagnia bella). Questo post non vuole stimolare la vostra compassione, perché fortunatamente sono una persona ottimista e che si rimbocca le maniche quando serve. Volevo invece semplicemente dipingere una sorta di affresco, un tentativo di rappresentare, anche solo vagamente, la mia frustrazione.

Ho iniziato a lavorare nel 2001, e finché vivevo con i miei genitori, la situazione non è che mi pesasse più di tanto. Ma da quando vivo per conto mio e ho delle responsabilità familiari, da quando le bollette non sono più "una cosa di cui si occupano mamma e papà" ma pesano sulle mie spalle, la garanzia nel futuro, in ambito lavorativo, è diventata una necessità. Vivere costantemente con la paura, ogni anno, di non vedere il proprio contratto rinnovato e di dover ricominciare da zero mandando curriculum a destra e a manca, è una di quelle cose che ti logora lentamente.


Una condizione del genere:

- non ti permette di fare programmi a lungo termine: ho 30 anni, sono felicemente sposato e mi piacerebbe avere un figlio, ma come faccio a garantirgli la continuità e solidità economica di cui ha bisogno per almeno una ventina di anni?

- ti costringe a continui sacrifici per paura degli "imprevisti" che, altrimenti, non potresti sostenere (basta che ti si rompe la macchina ed ecco mezzo stipendio che si volatilizza);

- non puoi permetterti di stare male perché, se quel giorno rimani a casa, non vieni pagato;

- a volte non ti consente di essere completamente autonomo, perché, anche se in piccola parte, si tende ancora a dipendere dai contributi e aiuti dei propri parenti (che si rendono conto della situazione e sono, giustamente, ben felici di darti una mano).


A 30 anni vorrei avere una mia autonomia economica e vorrei poter pensare al futuro in modo sereno. Invece non so neanche cosa farò tra un mese, figuriamoci tra 3 anni. Si vive con la costante paura di non poter andare avanti, di non poter garantire alla propria famiglia una vita tranquilla. Io fortunatamente ho una casa di mia proprietà, perché i miei genitori a loro tempo hanno rinunciato a comprarsi una bella villetta al mare o in montagna e hanno invece pensato al loro figlio (e non li ringrazierò mai abbastanza). Se non l'avessimo avuta non credo che avremmo azzardato una convivenza con un mutuo o un affitto da pagare, staremmo ancora a casa con i nostri genitori (e sono tanti in questa condizione).

Nonostante tutto mi sento felice e non mi lamento più di tanto, perché fortunatamente ho una persona magnifica accanto che mi fa dimenticare qualsiasi problema. Mi piacerebbe, un giorno, poter guardare lontano senza precipitare nel buio baratro dell'instabilità...
Darsch
_ chiavi di lettura:lavoro, precariato, famiglia, paura, futuro

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 23.01.2008 alle ore 22:23
Prima di tutto per il senso di libertà e indipendenza: costano cari, sì, ma in realtà sono inestimabili

Non si è più ragazzi, ma uomini.

Se serve qualcosa ci si deve arrangiare.

Se non puoi permetterti una cosa, non la avrai.

Per i punti del tuo discorso:

1) In realtà è un bene: i figli non servono a niente.

2) Ma too 'na bèla Golf, no?! (Trad: Ma comprati una bella Golf, no? <--- è ironia allo stato puro)

altri) non me li ricordo più, ma non potevano essere così gravi ;P

Inoltre "tu siete in due" e ti assicuro che non avere un mutuo... non ha prezzo. Per tutto il resto c'è necrocard!
_ Commento di Clara _
_ scritto il 24.01.2008 alle ore 12:13
Capisco perfettamente come ci si sente, sono precaria pure io!

Ho un lavoro a progetto che di progetto non ha nulla, sono laureata e ricevo una paga oraria di 5,50 € lordi che diventano anche 4,25 netti all'aumentare del numero delle ore. Una miseria di stipendio! Sono sposata ma ancora non me la sento di mettere al mondo un figlio perchè se disgraziatamente dovesse capitarmi una maternità a rischio, so che perderei il contratto. Ho un mutuo da pagare e un contratto che scadrà fra pochi mesi...

La mia psicologa mi consiglia di cercare di crearmi un'attività ma non so proprio da dove cominciare.

Per fortuna anche io ho un marito stupendo ...

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 44 ospiti
Ultimi utenti registrati: Lucapietro, andinar, Damiano, Susi, Aftaelle
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.452.967
Post totali: 1273
Commenti totali: 6868
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0