doc Diablo III - considerazioni veloci, ché devo andare a giocare...
_ scritto il 21.05.2012 alle ore 14:04 _ 2621 letture
img

Eccoci finalmente, dopo 12 anni, a parlare della tanto attesa terza incarnazione di quella entità succhia-tempo chiamata "Diablo", in grado di ipnotizzare masse di videogiocatori incalliti, tra cui il sottoscritto si annovera orgogliosamente. Non sono uno di quelli che ha sperperato inusitate quantità di tempo sul precedente capitolo, lo ammetto, ma Diablo II rientra senza dubbio in quella poco nutrita pletora di videogiochi cui mi sono dedicato di più. Se cercate una recensione ultra-dettagliata, vi consiglio di rivolgervi a quella pubblicata da Eurogamer, che rispecchia piuttosto fedelmente anche il mio pensiero. In questa sede ho intenzione di fare solo alcune considerazioni sui temi più caldi.

Partiamo dalle note negative, così ce le togliamo subito dalle scatole.

- La famigerata connessione always-on
Diablo III richiede costantemente di essere online per poter funzionare. E i motivi sono principalmente due: come misura di protezione anti-pirateria e per garantire che la crescita del personaggio, il loot e in generale tutte le meccaniche di gioco siano esenti da imbrogli, manomissioni o trucchi di vario tipo - per via, soprattutto, dell'asta con valuta reale, di cui parlerò in seguito. In sostanza i vostri personaggi e tutti gli oggetti in loro possesso non risiedono sul vostro PC ma sui server Blizzard. Di fatto Diablo III può considerarsi una sorta di "MMO single-player con possibilità di co-op online", che detta così fa un po' senso, ma tant'è. Ad un'occhiata superficiale è tutto molto bello, ma questa scelta ha conseguenze particolarmente infauste, perché rischia di limitare la fruizione di un prodotto che offre anche una componente single-player in quei casi in cui la connessione Internet non è disponibile o ottimale. Sinceramente io avrei lasciato scegliere all'utente: se vuoi usufruire dei servizi online di battle.net (che sono indubbiamente validi, intendiamoci), devi necessariamente essere connesso, altrimenti puoi giocare la campagna in single-player offline, ma il tutto rimarrà relegato ad un contesto locale. Una possibilità del genere era già presente in Diablo II, perché non replicarla?

Purtroppo le conseguenze di questa scelta le abbiamo avute sotto gli occhi proprio in questi primi giorni.

- Problemi ai server
I lanci, si sa, sono sempre particolarmente delicati, e lo sono a maggior ragione se il videogioco in questione è online, perché la componente server è piuttosto suscettibile quando si parla di centinaia di migliaia - o milioni, nel caso per esempio di World of Warcraft - di utenti che cercano di connettersi contemporaneamente. E infatti Blizzard ha dimostrato di aver sottostimato la portata dell'evento - o probabilmente di aver preso un po' sotto gamba la questione - con il risultato che il 15 maggio è stato caratterizzato da disservizi più o meno continui. Impossibilità di effettuare il login, disconnessioni improvvise, problemi di ogni tipo e addirittura sparizione di personaggi, hanno funestato senza sosta la giornata che molti appassionati aspettavano da un decennio, e lo dimostrano i forum ufficiali, stracarichi di commenti e segnalazioni.
Un'altra conseguenza della necessità di essere sempre connessi è la latenza. Essendo il gioco quasi interamente controllato da server, se la connessione è instabile o lenta per un qualsiasi motivo, ci si può ritrovare nell'assurda situazione di avere lag durante una partita in single-player.

Se devo essere sincero, a me è andata piuttosto di lusso. A parte la prima ora dopo il lancio (quindi da mezzanotte all'una del 15 maggio), in cui era impossibile effettuare il login, ho avuto qualche piccolo problema sporadico solo la sera dello stesso giorno e la domenica successiva (che è il giorno in cui sto scrivendo questo post, che probabilmente voi starete leggendo, come sempre, il giorno dopo).

- Appiattimento delle meccaniche di gioco
Molte persone si sono lamentate del fatto che Blizzard sembra aver optato per una semplificazione generale delle meccaniche, per rendere il gioco appetibile ad un pubblico più vasto (un po' come è successo per alcuni aspetti di World of Warcraft). Io credo invece che, in generale, sia stato fatto un buon lavoro. Non mi aspettavo certo un RPG complesso travestito da Diablo. Mi aspettavo Diablo, né più né meno, ovvero un hack'n'slash frenetico e immediato, con una forte componente di casualità, esplorazione e - soprattutto - un vasto sistema di loot e oggettistica. Non so a quale tipo di gioco abbiano giocato le persone che si lamentano di un ipotetico "impoverimento" del gameplay, ma a me sembra che quello uscito 5 giorni fa sia fortissimamente Diablo.

- L'asta con valuta reale
La versione ufficiale della Blizzard sull'inserimento di un'asta con soldi veri è quella dell'aver voluto contrastare il fenomeno molto diffuso della compra-vendita "illegale" (nel senso che va contro il regolamento del gioco che tutti abbiamo accettato) di oggetti e oro. La realtà, secondo la mia modesta opionione, è che con un'asta del genere faranno una valanga di soldi, visto che per ogni transazione una percentuale finisce nelle loro tasche. E temo che a) questo creerà dei veri e proprio mostri di farming, gente che passerà intere giornate in cerca del drop ultra-raro da poter vendere al più alto offerente e b) chi avrà più disponibilità finanziaria si troverà avvantaggiato nella modalità PvP di futura implementazione.
La mia paura è che, mentre prima tenere in piedi un mercato del genere era rischioso e complesso, da adesso chiunque sarà tentato da quello che alla fine è una sorta di gioco d'azzardo (perché gli oggetti da vendere vanno necessariamente droppati). Mi si obietterà che ognuno è liberissimo di spendere i propri soldi come meglio credere, e sono ovviamente d'accordo con questo, tuttavia, sebbene da un lato l'idea potrebbe essere al passo coi tempi, dall'altro mi sembra una porcata immonda.

- La storia
Senza nulla anticiparvi, e dopo aver finito ciascuno dei 4 atti, devo sinceramente dichiararmi deluso. Forse alla Blizzard hanno voluto sperimentare un nuovo di tipo stesura della trama, e hanno quindi deciso di far scrivere la storia ai loro figli di 5 anni. In poche parole: banale, prevedibile, piatta e sciapa.


Ma sapete che c'è? Inizialmente queste cose vi faranno storcere molto la bocca. Dopo una decina di livelli sarete ancora lievemente indignati, ma distratti. Al ventesimo il fomento prenderà il sopravvento e a stento ricorderete che sì, forse, in tempi remoti vi siete arrabbiati per qualcosa riguardante il gioco. Dopo aver completato il gioco e aver iniziato la difficoltà successiva, tutto quello scritto sopra passerà in secondo piano.

Perché Diablo III è maledettamente divertente.

Le classi, per quel poco che ho potuto sperimentare, sono ben diversificate, e offrono tutte non pochi approcci di gioco. Quella che conosco meglio è lo sciamano, classe del mio PG principale, e devo dire che determinate combinazioni di incantesimi, abilità e rune possono davvero modificare radicalmente il ruolo del personaggio e lo stile di gioco, anche in relazione al gruppo in cui è inserito.

Abilità a parte (che si sbloccano, insieme alle rune, con l'avanzare del personaggio) l'unico altro aspetto con il quale potrete personalizzare il vostro personaggio è l'equipaggiamento, vero e proprio fulcro su cui ruota un gioco come questo. Credo che nel mondo videoludico in generale non esista niente di simile alla frenesia da loot che si sperimenta in diablo: quegli oggetti che schizzano fuori dai cadaveri dei tanti mostri che falcerete, con quel suono inconfondibile, provocano una sorta di assuefazione, e non ne avrete mai abbastanza. Il tutto va poi elevato a potenza se considerate il fatto che con un semplice click potrete entrare o invitare un amico online a prendere parte alla vostra partita, fino ad un massimo di 4 giocatori contemporaneamente, e che i mostri ovviamente scaleranno la loro forza e resistenza a seconda di chi è presente in gioco.

La difficoltà "Normale", con la quale si inizia a giocare, fa ridere, lo ammetto. Tuttavia, come probabilmente avrete intuito non vedendo questo paragrafo tra le note negative, trovo che sia utile per prendere confidenza con il proprio personaggio, sperimentare varie combinazioni di abilità/rune e godersi la storia (si fa per dire...) e le ambientazioni. Perché dalla difficoltà "Incubo" in poi le cose cambiano radicalmente. In meglio, se vi piacciono le sfide.

Graficamente non ho nulla da dire. Le ambientazioni sono semplicemente splendide, le animazioni spettacolari (in perfetto standard Blizzard), l'ambiente intorno a voi non è statico e reagisce, anche come conseguenza delle vostre azioni, e le animazioni in CG sono da slogamento mascellare (ma che aspettano a fare un film?).

In definitiva un gioco che vale ogni centesimo del suo costo, e che se non vi dispiace adesso andrò a spremere ben bene fino a notte fonda. Con permesso.
Darsch
_ chiavi di lettura:videogiochi, pc, action, rpg

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 21.05.2012 alle ore 14:45
La stessa valanga di polemiche sommerse Diablo II ma ricordiamo anche che Blizzard ha sfornato una tonnellata di patch con le quali ha limato sempre più i difetti e raggiunto la perfezione di gioco.
Non dimentichiamo, poi, che il meglio arrivò solo con l'espansione, quindi non trascuriamo il fatto che molte delle cose che vorremmo vedere implementate probabilmente faranno parte della ancora lontana espansione.
Buon divertimento, nel frattempo! :)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 21.05.2012 alle ore 21:43
@Lyserjik - sì è vero, quello che descrivi è un aspetto di cui tenere assolutamente conto. Questo è un gioco destinato a durare almeno un paio di lustri! :D
_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 22.05.2012 alle ore 16:58
http://www.gamemag.it/news/compromessi-diversi-account-di-diablo-iii-interviene-blizzard_42240.html S'inizia bene! In giro si dice che hanno trovato il modo di scovare il Session ID così da poter entrare negli accounts senza User, PSW e Authenticator... bella roba!!! :-/
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 22.05.2012 alle ore 18:18
Fino ad ora quelle sono solo voci, la versione ufficiale è che c'è stato un attacco piuttosto corposo con metodi tradizionali (quindi phishing, ingegneria sociale, keylogger, e compagnia). Certo è che, se davvero ci fosse una falla a monte come quella che hai indicato tu, la Blizzard non è che te lo verrebbe a dire così tranquillamente...

Sinceramente mi sembra molto strano che un'azienda come la Blizzard, che ha una enorme esperienza di gaming massivo online, possa cadere in un errore di sicurezza del genere.
Quindi al momento anche io propenderei per una serie di attacchi a utenti sprovveduti (o con scarsa esperienza delle tecniche di raggiro e phishing in uso al giorno d'oggi).
_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 23.05.2012 alle ore 15:32
A pensar male si fa peccato... ma spessi ci si becca.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 23.05.2012 alle ore 15:45
@JoJo - Saggezza fiorentina? :D
_ Commento di JoJo _ profilo homepage
_ scritto il 03.06.2012 alle ore 12:10
No, più che altro le assaggio... le fiorentine!!! GNAM!!! :°D
_ Commento di MasterMoon _ profilo
_ scritto il 06.06.2012 alle ore 12:39
Concordo in tutto quello che hai scritto.

tralascio i problemi di cui se n'è discusso e se ne discute tutt'ora.

La trama è davvero sempliciotta, è piena di colpi di scena ma solamente in teoria, perchè è davvero facile prevederli.

Come hai detto tu, la difficoltà normal è praticamente un tutorial. Il vero gioco inizia dopo.
Peccato che devi rifarti tutto il gioco 3 volte con lo stesso pg se vuoi completarlo. (escludendo alcuni achievement che prevedono ti portare al lv 60 2 pg)
Ciò che mi fa continuare a giocare è la smania di trovare oggetti sempre migliori e di portare il pg al livello massimo. Poi però, credo che l'interessa diminuisca.

La fregatura per me nel giocare è che non posso dirmi: ma sì, gioco 15 minuti e basta, perchè devo prima trovare un checkpoint in un punto iniziale di una mappa. Altrimenti la volta dopo devo esplorarmi nuovamente tutta la zona. Il che mi sta anche bene se si è nella modalità inferno, ma nelle altre è abbastanza snervante.

Conoscendo la tipologia di gioco avevo iniziato con una maga, perchè ritengo che con un personaggio ranged sia molto più facile sopravvivere, ma infine non ho resistito: Il mio barbaro spacca di brutto ed è divertentissimo :D
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 06.06.2012 alle ore 15:44
@MasterMoon - Da qualche giorno sono arrivato finalmente al 60 e al livello Inferno. Inizialmente devo confessarti che ero piuttosto demoralizzato, perché la difficoltà è veramente elevatissima, e se non hai un equip più che decente esplodi non appena ti toccano.

Col tempo però ho notato che stando attenti alla build utilizzata, scegliendo con cura le abilità e le rune, si riesce ad andare avanti abbastanza bene (bisogna stare sempre attentissimi però). Ora riesco a farmare tranquillamente tutto il primo atto (nel secondo mi atomizzano anche le zanzarine bianche che trovi appena metti piede nel deserto...), così pian piano posso migliorare l'equip e proseguire.

Il vero gioco è a difficoltà Inferno. :)
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 07.06.2012 alle ore 18:37
Come non detto, così è troppo. Item totalmente casuali (così è eccessivo), asta limitata a 10 oggetti (ma perché?!) e sopratutto ripetitività estrema. Nel senso: mi va anche bene dover farmare giorni per farmi l'equip, ma per arrivare a cosa? All'atto successivo che ho già fatto 3 volte e che è sempre uguale. A questo punto preferisco farmare WoW, lì almeno c'è più varietà e "respiro".

Dall'Atto 2 di Inferno il gioco si riduce a ripetere incessantemente quello precedente nella speranza di droppare un oggetto decente da poter vendere all'asta per potersi permettere un equipaggiamento degno di questo nome. E il crafting è totalmente inutile (perché casuale anche quello... spendi denaro e risorse e puoi ritrovarti con la bacchetta magica con +forza e +destrezza, ridicolo...).

Sono un po' deluso.
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 23.06.2012 alle ore 10:45
Da ieri ce l'ho anche io e per quel pochissimo che ho potuto provare (ho ucciso Leoric) mi sembra che l'assenza degli alberi dellle skill e dei punti caratteristica distrugga ogni possibilità di ingegnarsi una build personalizzata. Non ho ancora capito bene il meccanismo delle skill e delle rune però credo che tutto ruoterà attorno a quelle poche abilità disponibili, con buona pace degli appassionati class builder.
La storia finora sembra quasi un ripasso di quella di Diablo I, con tanto di Leoric e Butcher, poi non so come evolverà. Non capisco come abbiano collegato il finale di D2 con l'inizio di D3. La distruzione della Pietra del Mondo avrebbe dovuto avere delle ripercussioni molto diverse.

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 41 ospiti
Ultimi utenti registrati: cri71, Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.763.450
Post totali: 1297
Commenti totali: 6895
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0