doc Perché un MMORPG?
_ scritto il 12.02.2008 alle ore 12:54 _ 2188 letture
Giocare a un MMORPG non è semplice. Innanzi tutto richiede un certo quantitativo di tempo libero. Sebbene, infatti, in linea teorica non sia necessario dedicarci per forza tante ore settimanali, alla fine un gioco del genere dà il meglio di sé quando c'è una certa costanza. Se ti appassiona, un MMMORPG cattura quasi completamente l'intera sfera della passione videoludica, lasciando davvero poco spazio per altri giochi o sistemi. Questo di per sé non è per forza un male, ma se, come me, siete appassionati di videogame a 360 gradi, dovrete faticare non poco a tenervi lontani dall'uno per dedicare del tempo agli altri.

Il punto cardine di un MMORPG come quello a cui gioco ormai da 3 anni (World of Warcraft) è il progresso, lo sviluppo del proprio personaggio. Le meccaniche del gioco e il vastissimo mondo in cui si è immersi fanno in modo di tracciare, intorno a te, un cerchio sempre più grande man mano che si va avanti, in modo che non si percepisca mai una "fine". Un gioco del genere non finisce. Ci sono talmente tante cose da fare e una così vasta serie di aspetti del proprio personaggio da curare e a cui dedicarsi, che si percepisce il tutto come un qualcosa in costante evoluzione, che ha bisogno di cure per potersi evolvere e che è lì che ci aspetta quando non siamo collegati. E qui entra in gioco l'altro aspetto chiave del genere MMORPG, che contribuisce in maniera sostanziale a tracciare la netta linea di demarcazione con gli altri generi: le persone. Il lato sociale dei MMORPG è una delle caratteristiche più affascinanti. Girare per terre sconfinate e incontrare decine, centinaia, migliaia di personaggi controllati da persone reali, con le quali si può interagire, è la VERA linfa vitale di un gioco del genere. Riunirsi in gruppi, o addirittura in gilde organizzate, per sferrare attacchi nei vari dungeon o in epiche battaglie con la fazione avversaria, ti spinge oltre il semplice meccanismo di gioco. Ti fa conoscere nuova gente, fa nascere amicizie. La serata davanti al monitor diventa simile ad un'uscita tra amici. La sempre maggiore disponibilità (e stabilità) della banda larga ci permette di usare programmi di audio-conferenza durante le sessioni di gioco che letteralmente fanno entrare in casa tua decine di altre persone con le quali chiacchierare e coordinare le azioni. Eccola la vera essenza di un gioco di ruolo online: il sentirsi parte di un mondo dai molteplici aspetti e in continua evoluzione popolato da persone reali.

La partita serale non è più fine a sé stessa, come può essere per un normale videogioco (fosse anche uno sparatutto online), ma diventa parte di un lungo percorso cui dedicarsi nel tempo libero. Molte persone sono impaurite da questo senso di "vastità" e temono di cadere in una sorta di dipendenza dal gioco. In parte è vero, un videogioco del genere può essere pericoloso, perché è talmente vasto, particolareggiato e intrigante, da succhiarti letteralmente il tempo libero. Ma se ci pensiamo bene, qualsiasi tipo di hobby, se preso per il verso sbagliato, si comporta allo stesso modo. Basta quindi metterci un po' di giudizio. Chi non riesce a staccarsi da un gioco come World of Warcraft, rinunciando alla propria vita pur di dedicarsi giorno e notte al proprio personaggio, probabilmente farebbe lo stesso con un qualsiasi altro tipo di passione. Gli eccessi fanno male in generale, non bisogna pensare che visto che si tratta di un videogioco, allora automaticamente è tempo sprecato.

La risposta alla domanda "perché un MMORPG?", per quanto mi riguarda, è questa:
"perché è l'unico genere che riesce ad avvolgerti completamente".
Darsch
_ chiavi di lettura:rpg, videogiochi, fantasy, mmorpg, world of warcraft

_ potrebbero interessarti


_ Commento di LuPoN _ profilo homepage
_ scritto il 07.11.2010 alle ore 00:32
"non bisogna pensare che visto che si tratta di un videogioco, allora automaticamente è tempo sprecato."

ti amo (platonicamente ed entro i limiti della decenza e del decoro dell'amicizia xD) per questa frase!
vai a farlo capire alla gente -.-
_ Commento di Threepwood _ profilo homepage
_ scritto il 08.11.2010 alle ore 14:41
Articolo che leggo anche io con due anni di ritardo, ma che comunque racchiude il mio pensiero riguardo questa categoria di videogiochi.

Il tempo a fare ciò che ti piace, non è mai tempo perso. Io tendo molto agli eccessi, con qualsiasi cosa faccia, ed è stato un po' ciò che mi ha penalizzato nel mantenimento dei buoni rapporti con le persone che mi circondavano. Al tempo stesso però, ho creato degli ottimi legami con persone all'interno di questo gioco (che rimane tale, e non una realtà alternativa), persone con cui vedo e parlo tutt'oggi, a due anni dal mio wow quit.

Ciò è stato possibile grazie al gioco, appunto. E se mi sono lasciato andare, a suo tempo, dedicandoci la maggior parte del mio tempo libero, è stato unicamente per le squisite persone in cui mi sono imbattuto.

Ricorderò sempre WoW come una fantastica esperienza, come uno dei giochi più belli possibili e in cui penso di aver raggiunto il maggior livello di abilità.

Dovrei rimanere a pensare a chi mi restituirà gli anni perduti dietro ad un gioco? E perchè mai? WoW è stato parte integrante e formativa della mia vita. Infine, nessuno mi ha mai obbligato a giocarci, l'ho fatto perchè lo volevo!

Evviva WoW! :D
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 08.11.2010 alle ore 18:08
@LuPoN - vero, ma alla fine chissene frega, pensassero un po' quello che gli pare! :D

@Threepwood - beh diciamo che gli eccessi in genere non sono mai una buona cosa, in qualsiasi ambito, ma sicuramente ci sono attività i cui eccessi - se gestiti con maturita e consapevolezza - non sono poi così gravi come sembrano, soprattutto perché hanno tutta una serie di risvolti positivi che la gente normalmente tende ad ignorare. :)

Come dicevo, non sono anni perduti se li hai impiegati facendo qualcosa che ti piaceva e che ti ha stimolato. E qualora dovessi avere dei dubbi in proposito, ti basterà pensare a chi passa ore davanti ai video-poker: al confronto noi "nerd dei MMORPG" siamo fisici nucleari impegnati a salvare l'umanità! :D

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 48 ospiti
Ultimi utenti registrati: Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.630.870
Post totali: 1285
Commenti totali: 6886
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0