doc Ultime letture: "I Pilastri della Terra" e tre quinti de "Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco"
_ scritto il 27.11.2012 alle ore 14:28 _ 1793 letture
Se, vedendo la sezione "libri" mestamente abbandonata da mesi, vi è passato per la testa che la lettura avesse, per qualche oscuro motivo, perso fascino agli occhi del pigro curatore di questo blog, vengo a portarvi una felice novella: giammai! Il fatto è che, sebbene adori leggere, non sono mai stato un accanito lettore. E per scelta, aggiungo. Perché, vedete, quando si hanno a disposizione solo 17 ore di veglia - metà delle quali dedicate 5 giorni su 7 al lavoro - da distribuire tra un numero piuttosto elevato di interessi, passioni e doveri, bisogna imporsi delle regole. Una di queste è proprio cercare (quando possibile) di evitare le maratone di lettura di 4-5 ore perché "sono arrivato ad un punto cruciale del libro". Il motivo è semplice: visto che, alla fine, scelgo sempre libri che mi attirano per un qualche motivo (l'autore, il genere, il commento di altre persone con gusti compatibili ai miei, e così via), la probabilità di trovare "punti cruciali" è così elevata che, se non mi dessi un contegno, passerei il resto delle mie serate a leggere sul divano con le cuffie nelle orecchie (senza musica mi distraggo). Il che non sarebbe un male, sia chiaro, è solo che toglierei tempo ad altre cose che mi appassionano in egual misura e, semplicemente, non mi va.

img

Tutto questo astruso preambolo per dire che negli ultimi 8 mesi ho letto "I Pilastri della Terra" e ho iniziato la gargantuesca saga di quel geniaccio di Martin. Unico punto di contatto tra i due è il periodo medievale in cui sono ambientati, ma finisce lì. Il primo è infatti un fulgido spaccato di vita del dodicesimo secolo, che ruota intorno alla costruzione della cattedrale di Kingsbridge (cittadina immaginaria nel Wiltshire, fulcro delle vicende) e dalla quale si dipana un dedalo di storie, intrecci e avvenimenti degni del miglior Follet. L'incredibile dettaglio con il quale l'autore plasma e rende vivi anche i particolari più insignificanti (dalla "pulsante" vita di strada, alla consistenza e all'odore dei materiali da costruzione usati nei cantieri) si amalgama con la profondità della caratterizzazione dei personaggi e con lo sfondo storico (dall'affondamento della Nave Bianca all'assassinio di Thomas Becket, arcivescovo di Canterbury). Il risultato è che il lettore è avvolto dall'incalzante susseguirsi delle vicende, rapito e trasportato in una lontana Inghilterra, in cui la nobilità è ancora saldamente aggrappata ai propri privilegi, la Chiesa cerca di affondare radici sempre più profonde nelle coscienze del popolo e la borghesia tenta di contrastare un sistema sociale e politico ormai troppo sbilanciato. Se vi piace il genere (e in tal caso, tra gli altri, vi consiglio anche Bernard Cornwell), "I Pilastri della Terra" è un assoluto must.
Una menzione speciale la merita sicuramente la miniserie televisiva uscita un paio di anni fa e che riesce a ricreare in modo davvero ammirevole le stesse atmosfere del libro. La versione Blu-ray è splendidamente realizzata e la qualità è eccelsa: ambientazioni e scenografie degne di un film hollywoodiano, e cast azzeccato per il 90%. Un consiglio: leggete prima il libro. La quantità di vicende, sfumature e dettagli della versione cartacea non poteva in alcun modo essere riprodotta fedelmente in una serie della durata complessiva di meno di 7 ore. La sensazione di fondo è purtroppo una vecchia conoscenza per questo genere di trasposizioni: accade tutto un po' troppo in fretta.


img img img img img

Su un piano diverso si collocano invece le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco: è vero che il periodo storico è più o meno quello, ma il mondo è totalmente fittizio, come anche le leggi che lo regolano, per questo motivo l'ago della bilancia per quanto riguarda l'opera di Martin pende molto di più verso il fantasy. Per mio sommo gaudio, aggiungerei, perché di stoffa, il buon George Raymond Richard, ne ha veramente tanta. Di saghe fantasy ne ho lette parecchie, sicuramente tutte quelle più famose, ma devo ammettere che nessuna mi ha appassionato e coinvolto come questa. Anche lo stesso Signore degli Anelli, per quanto io adori quel libro e il suo creatore, per certi versi non può minimamente competere con la profondità delle Cronache (e un po' mi piange il cuore doverlo ammettere). Gli intrecci presenti, la quantità di sotto-trame e di sentieri paralleli, la meticolosa caratterizzazione psicologica di tutti i personaggi e in generale una visione di insieme di una vastità e compattezza uniche, rendono questa saga un vero gioiello della letteratura. Certo, le sue dimensioni possono scoraggiare (attualmente siamo arrivati intorno alle 4300 pagine, e due settimi della serie devono ancora essere scritti, verosimilmente altre 1600-1700 pagine) e la quantità di personaggi presenti può inizialmente confondere (io stesso lo sono stato quando ho cominciato), ma vi assicuro che ne vale la pena. Martin ha uno stile di scrittura molto asciutto e in grado di stimolare efficacemente la fantasia del lettore con descrizioni che definirei capillari. Ogni capitolo delle Cronache descrive il punto di vista di uno dei protagonisti della storia. Questo espediente aiuta a focalizzare l'attenzione su una sotto-trama, su un avvenimento, su un personaggio o su una regione per volta, ma il rovescio della medaglia è che il concentrarsi così a lungo solo su una piccola porzione della storia tende a far perdere di vista tutte le altre (specialmente se le sessioni di lettura avengono a ore di distanza tra di loro, come accade in genere). Per fortuna Martin riesce comunque a mantenere vivi nella mente del lettore avvenimenti accaduti anche centinaia di pagine prima, rinfrescandogli la memoria con una sorta di "promemoria" mirati e ben dosati.
L'ambientazione è ricchissima di dettaglio, specialmente dal punto di vista geografico (qui trovate una delle migliori cartine in circolazione), e vi ritroverete molto spesso a consultare la mappa presente all'inizio di ciascuno dei libri per avere un'idea più precisa di quello che succede. La storia merita una considerazione a parte: di rado mi sono imbattuto in un intreccio di sotto-trame così magistralmente orchestrato come quello creato da Martin. E' difficile descrivere la portata della trama che si dipana in quelle migliaia di pagine, ma sappiate che c'è veramente tutto quello di cui ha bisogno un romanzo d'eccellenza di questo genere: intrighi, magia, alchimia, creature mitiche, psicologia, introspezione, tradimenti, combattimenti, sanguinose battaglie, tornei, vita di corte, e chi più ne ha più ne metta. In generale verrete catapultati in un mondo "a tutto tondo", completo e vivido, dal quale difficilmente vorrete staccarvi.
In Italia la saga completa (scritta fino ad ora) è composta da 12 diversi volumi, mentre in originale sono solo 5. Se vi è possibile, vi consiglio di procurarvi i volumi unici (collana "Urania - Le grandi saghe fantasy"), perché sicuramente risparmierete qualcosa. Nota di demerito: non vi è ancora traccia degli eBook in italiano.
Menzione più che speciale merita anche in questo caso la serie televisiva: realizzata davvero bene, vanta attori molto bravi e incredibilmente azzeccati, e uno svolgersi della trama ben studiato, che limita il più possibile l'effetto "fast forward" di cui parlavo poco fa (anche se, rispetto a "I Pilastri della Terra", ogni serie - corrispondente ad un libro originale - dura 10 ore). Certo, alcune cose, per esigenze televisive, sono state modificate (specialmente nel corso della seconda serie), ma la fedeltà è in ogni caso molto elevata. Contrariamente al solito, ritengo che vedere prima la serie e poi - eventualmente - leggere il libro non comporti grandi problemi, perché le due opere procedono talmente tanto in parallelo, che l'una può essere considerata come l'approfondimento dell'altra, senza che questo ne intacchi eccessivamente la fruibilità.
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, fantasy, storia, potpourri

_ potrebbero interessarti


_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 27.11.2012 alle ore 15:08
Io inizio proprio oggi l'ultima parte pubblicata in italiano (La Danza dei Draghi). Su Martin non ho da aggiungere niente.

I Pilastri della Terra li ho in wishlist, ma la pila sul "comodino" è attualmente di 17 libri già acquistati. E neanche conto la wishlist che ormai ha superato abbondantemente il centinaio di libri.

E la "Biblioteca Cloud"? Oddio.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 27.11.2012 alle ore 18:21
Eeeh, a chi lo dici. Ma c'è poco da fare, non è che possiamo vegetare su una sedia e leggere tutto il giorno... o... oppure sì? °_°
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 27.11.2012 alle ore 21:40
Naah...

Oppure sì? :-|
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 27.11.2012 alle ore 22:15
Mmmh, l'idea di stare tutto il giorno a leggere vegetatando su una sedia è interessante...

Sottoscrivo pienamente quello che hai detto su Martin e le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. La mappa che hai messo è fighissima :o

La serie TV e molto bella ed a parte qualche cosa che (giustamente per far capire qualcosa allo spettatore) è stata spostata avanti o indietro è molto fedele.
Tra l'altro se non sbaglio a partire dalla terza serie faranno metà libro per serie per aumentare ancora di più la fedeltà.
L'unica cosa che mi ha reso un po' triste è che i metalupi son messi un po' in secondo piano (evidentemente per motivi di budget) e che non si capisce molto la parte su Bran.

Anche io ho i Pilastri della terra nella whishlist, prima o poi troverò il tempo di leggerlo e di leggere la pila di libri che mi soverchia... ç_ç
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 29.11.2012 alle ore 23:52
Questa cosa che faranno metà libro per serie mi piace assai. °_°
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 18.12.2012 alle ore 23:31
Oh, ma è normale che il quarto libro mi sta un po' annoiando? °_°
E' colpa mia o è proprio più lentuccio e anche meno interessante?

Per dire:
Spoiler
_ Commento di Zandalus _ profilo
_ scritto il 19.12.2012 alle ore 00:19
Il quarto libro soprattuto nella prima è un po' più lentuccio e noiosetto.
Ma anche perché non ci sono Jon, Tyrion, Daenerys...

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 8 ospiti
Ultimi utenti registrati: elenina75, babyzilla, antonella, La_Ele, Angela1938
Visite univoche ai post da dic. 2007: 1.984.737
Post totali: 1100
Commenti totali: 6611
© darsch.it [2007-2014] _ Powered by Tribe Studio.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0