doc Theodore Sturgeon - "Cristalli sognanti"
_ scritto il 18.05.2013 alle ore 19:43 _ 1645 letture
img

La passione viscerale che mi lega a Theodore Sturgeon mi porta inesorabilmente a voler completare la sua - ahimé fin troppo breve - bibliografia. "Cristalli Sognanti" è il primo romanzo scritto dall'autore statunitense e, sebbene piuttosto breve (poco più di 200 pagine), riesce ad essere coinvolgente e profondo come pochi altri libri. Argomenti di natura etica e filosofica, come l'ermarginazione, la diversità, l'accettazione del proprio essere fino al concetto di individualità, vengono raccontati utilizzando chiavi di lettura molteplici e all'apparenza lontane tra loro: vita extraterrestre, biologia, chimica, psicologia e sociologia. Tutto questo amalgama è modellato da Sturgeon e reso in una maniera che non riuscirei a definire in modo diverso da "poesia".

Sullo sfondo dell'emarginazione e del concetto di "diversità" (temi molto cari all'autore, si veda ad esempio "Nascita del superuomo") si muove il carrozzone dei personaggi della storia, tutti accomunati da quel senso di disagio tipico di chi è spinto dalla collettività in un angolo della stanza perché non appartenente al diffuso - e accettato - concetto di "normalità". E proprio a partire da questo concetto, estremizzato nell'esistenza condotta dai protagonisti, viene ad inserirsi l'elemento geniale e poetico: i cristalli dai quali deriva il nome del libro. Il motivo della loro esistenza, il modo in cui questa differisce dalla nostra ma al tempo stesso la compenetra e la spiegazione del meccanismo che si cela dietro al particolare processo che rappresenta il fulcro dell'intero libro (e che non vi svelo per non rovinarvi la sorpresa), è tra le cose più suggestive che mi sia capitato di leggere in un romanzo di fantascienza.

La narrazione non risente particolarmente il peso dei 63 anni che si porta sulle spalle, e risulta invece molto scorrevole e funzionale. Aspettatevi una curva di tensione e interesse in costante salita e preparatevi ad un fulgido finale che vi terrà incollati alle pagine del libro - o allo schermo dell'eBook reader, che dir si voglia. Consigliato a tutti. Ma veramente a tutti.


"Cristalli sognanti" - Theodore Sturgeon, traduzione di Gian Pietro Calasso, Mondadori Editore

I pensieri sono amorfi, in codice... impulsi senza forma, né sostanza, né direzione -- finché non li comunichi a qualcun altro. Allora precipitano e divengono idee che puoi poggiare sul tavolo ed esaminare. Tu non sai quello che pensi finché non lo dici a qualcuno.



[Questo post è stato pubblicato su la Libreria Immaginaria, se vi interessa leggere altri commenti ecco il link]
Darsch
_ chiavi di lettura:libri, fantascienza, etica, filosofia, sturgeon, recensioni, la libreria immaginaria

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 52 ospiti
Ultimi utenti registrati: Lucapietro, andinar, Damiano, Susi, Aftaelle
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.455.434
Post totali: 1276
Commenti totali: 6868
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0