doc Un motivo in più per tenere il cabinet pulito
_ scritto il 18.10.2013 alle ore 15:23 _ 1007 letture
img

La circolazione dell'aria e la possibile ostruzione di dissipatori e ventole sono aspetti molto importanti - e spesso sottovalutati - della manutenzione di un PC. La pulizia del cabinet è un'operazione che va effettuata su base regolare, perché la polvere tende a infilarsi e accumularsi in posti in cui potrebbe causare problemi e malfunzionamenti: sui dissipatori, riducendone l'efficacia e aumentando, di conseguenza, il lavoro delle ventole; nelle griglie di filtraggio esterne al cabinet, riducendo il volume di aria introdotta e dunque diminuendone la circolazione; sulle stesse ventole, rallentandole, ostacolandole o addirittura bloccandole del tutto.

Se pensate che il massimo che possa capitarvi sia il surriscaldamento di una componente, con conseguente sostituzione o pulizia approfondita, vi do una brutta notizia: se la lasciate accumulare all'interno del cabinet, la polvere può addensarsi in modi e in posti che non potete neanche immaginare e, visto che è composta da materiale altamente infiammabile, può trasformarsi in un accelerante decisamente pericoloso.

E' quello che è successo proprio a me qualche giorno fa. Ero tranquillamente al PC quando ho sentito un forte odore di bruciato. Ho fatto appena in tempo a girarmi verso il cabinet (che era aperto) quando ho visto una intensa fiammata scaturire dal suo interno e un densissimo fumo sprigionarsi nell'aria. Il tutto è partito da un adattatore di alimentazione per Hard Disk SATA che, a causa della scarsa qualità delle componenti con cui è stato costruito, si è fuso e ha preso fuoco, propagandosi verso uno di quegli accumuli di polvere di cui parlavo poco sopra, che si è incendiato come fosse paglia secca. Per fortuna sono riuscito a spegnere velocemente le fiamme senza nessun tipo di conseguenza (ho sostituito l'adattatore e via), ma cosa sarebbe successo se non ci fosse stato nessuno? Quante volte lasciamo il PC acceso durante la notte o quando usciamo di casa, perché magari stiamo finendo di scaricare o aggiornare qualcosa, o semplicemente perché non ci va di spegnerlo per poi riaccenderlo al nostro ritorno? Forse il piccolo "incendio" si sarebbe estinto da solo perché insufficiente a causare una propagazione degna di nota, o forse no, ma il punto è che c'è stata una fiammata di notevole intensità, ed è stata causata da un grosso accumulo di polvere formatosi in un punto insospettabile, che avevo scarsamente considerato durante le pulizie del cabinet: l'intercapedine tra la griglia di areazione esterna del pannello frontale e la ventola.

Morale della favola? Tenete pulito quel cabinet e comprate componenti di qualità!
Darsch
_ chiavi di lettura:pc, sicurezza

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 23 ospiti
Utenti più attivi del mese: Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: VALEGIU64, elenina75, babyzilla, antonella, La_Ele
Visite univoche ai post da dic. 2007: 2.664.316
Post totali: 1157
Commenti totali: 6747
© darsch.it [2007-2014] _ Powered by Tribe Studio.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0