doc Made in Italy
_ scritto il 19.05.2008 alle ore 10:50 _ 2055 letture
Ieri sera la puntata settimanale di Report era incentrata sul mercato degli oggetti di lusso, come borse griffate e calzature. La situazione è davvero drammatica: il cosidetto "Made in Italy" molto spesso altro non è che un marchio SVUOTATO dal concetto che invece dovrebbe rappresentare. La manodopera cinese, a bassissimo costo, sta piano piano soppiantando le nostre stesse fabbriche (Prato e Riviera del Brenta, per esempio). Ho visto borse di grandi marche italiane assemblate e fabbricate da cinesi clandestini, che lavorano in condizioni proibitive per pochi Euro (meno di 7 all'ora, nella maggioranza dei casi), che in fase di produzione costano 30, 50, 100 Euro a dire tanto, e che vengono poi vendute a migliaia di Euro nei negozi. Il cliente crede di acquistare un prodotto fabbricato in Italia, legge "Made in Italy" e sta tranquillo sulla sua qualità, invece spesso in Italia sono stati solo applicati i manici e un paio di cuciture finali, il resto è fatto tutto in Cina o comunque fuori dall'Italia.
Le grandi case non si preoccupano di spendere soldi per garantire condizioni lavorative adeguate a chi materialmente crea i loro prodotti (e parliamo sempre di artigiani esperti), a volte non si interessano affatto dell'ultimo anello produttivo (che invece, a ben pensare, dovrebbe essere considerato il primo e più importante). Il denaro guadagnato sulle spalle della manodopera sottopagata viene invece utilizzato sempre e solo per le campagne pubblicitarie e le sfilate. E intanto le fabbriche italiane chiudono, perché per ogni bravo artigiano italiano disponibile sulla piazza, ci sono 4 cinesi che lavorano per la metà del compenso, completamente in nero. Ma io mi chiedo, che senso ha risparmiare 20-30 Euro per ogni borsa se poi quella la vendi comunque a 3000 Euro?! Ma che diavolo di mentalità è questa? Dovrebbero essere le stesse aziende a valorizzare il Made in Italy, dando lavoro a chi in tutti questi anni ha contribuito attivamente a diffondere l'operato dei nostri artigiani in tutto il mondo. Ma non è certo colpa dei cinesi, in fin dei conti. La colpa, ancora una volta, è delle leggi troppo deboli che consentono ai furbi di continuare a fare i furbi.

La puntata di Report, come sempre, è in replica anche oggi, ma a questo indirizzo potete leggerne la trascrizione, con tanto di interviste contenute nei vari servizi mostrati durante la trasmissione. Perdeteci quei 10 minuti perché ne vale la pena.
Darsch
_ chiavi di lettura:truffe, economia, lavoro

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 17 ospiti
Ultimi utenti registrati: cri71, Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.728.417
Post totali: 1297
Commenti totali: 6891
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0