doc [Campagna Star Wars 1998-1999] Sessione 1
_ scritto il 10.12.1998 alle ore 21:00 _ 1662 letture
REBELLION JOURNAL Vol. 1 by Darsch

A long,
Time ago, in
A galaxy far away…

Dopo aver partecipato all'assemblea ribelle, al nostro manipolo di eroi (!!!) è stata affidata una missione di grande importanza: scortare un cargo sul cui carico è mantenuta la massima segretezza. Ignari di quello che li stava attendendo, i quattro si diressero sul luogo…e quello che successe dopo era destinato a rimanere stampato nelle loro (de)menti per lunghissimo tempo: una Star Destroyer classe Victory e centinaia di caccia imperiali sembravano non aspettare altro che il loro arrivo. Era guerra aperta: mentre il pilota Darsch, nell'indecisione se sparare o continuare a seguire il cargo, faceva compiere all'astronave soavi piroette come neanche una ballerina sapeva fare, nella plancia si diffondeva un pungente odore di feci proveniente dalla torretta delle turbo-laser: “Aiutooooo!! Io qua sono più scoperto di tutti, se mi beccano mi faccio maleeeeee!!” sono le parole che tutti udirono prima di essere bersagliati da una miriade di colpi. Non restava altro da fare che attaccare: Darsch preparò i cannoni laser e sparò…non fece neanche in tempo a premere il rettangolare pulsante, che i cannoni erano già in fumo, centrati in pieno da un colpo!! Dalla torretta partirono 2 colpi, precisi e fatali che regalarono un biglietto di sola andata per l'altro mondo ai piloti degli altrettanti Tie Fighter che avevano osato sfidare il grande Azaspock; pensate: era riuscito a farsi il bidet e a sparare contemporaneamente!!!
Nel frattempo il comandante Adelscott, durante uno dei suoi tanti momenti di ubriachezza, era stato catturato insieme a molti altri idio…seguaci che avevano creduto in lui. “Andiamo!! Distruggiamo la Star Destroyer!!!!” urlava fiero Chewgehnna. “Percepisco una presenza…ho un tremito nella forza!!!!!!” tuonava Fizban. “Mancano gli asciugamani qua sopra, come faccio?!” …
All'interno della Victory era tutto un fuggi fuggi: gente che correva a destra, gente che correva a sinistra…sembrava che tutti avessero fretta e si dovessero preparare a qualcosa di imminente…ma che cosa? Dalla torretta partirono due colpi, precisi e letali, che a momenti non li fecero saltare in aria insieme a tutta la Star Destroyer. Azatoth per la felicità di essere riuscito ad asciugarsi il sedere (con il fazzoletto di Chewgehnna…più che un fazzoletto è una tovaglia) aveva accidentalmente urtato contro il grilletto…ma questa è un'altra storia (e soprattutto non ci crediamo!). Scesi dal trasporto, i baldi giovini (licenza poetica) fermarono un simpatico vecchietto intento a spennare un pollo (???) e gli chiesero che cosa stava succedendo. Vennero a sapere che di lì a 15 minuti la nave sarebbe entrata in iperspazio…non c'era un attimo da perdere: “Azatothooooooo!??!!? Dove cazzo è finito quell'imbecille?!?”. Decisero di dividersi in due gruppi: Darsch e Fizban, in tenuta imperiale, avrebbero dovuto impedire all'astronave di entrare in iperspazio, mentre Azatoth e Chewgehnna sarebbero andati a cercare il comandante Adelscott e il suo manipolo di idio…fedeli adepti.
Mentre i primi erano intenti a chiedere informazioni sull'ubicazione della plancia ad un gentilissimo comandante imperiale, l'orso e il demente…hem no … la bella e la bestia … volevo dire, Azatoth e Chewgehnna riuscirono finalmente a trovare la cella dove era rinchiuso il comandante ribelle…la aprirono…entrarono…si fecero un goccetto canticchiando “Portace ‘n'artro litro, che nooooooi se lo beveeeeeemo…” e ripresero a correre. Si sentivano stranamente più appesantiti, sarà il fuso orario…mah!
Darsch, intanto, per ringraziare il gentilissimo comandante imperiale, che era stato di una cortesia unica, lo sgozzò senza pensarci due volte ed in quel preciso momento piovve dall'alto uno strano fogliettino con stampata sopra la foto di un altrettanto strano essere sghignazzante con i capelli lunghi e recante la scritta “Punto lato oscuro”…se lo infilò in tasca, aspettò che Fizban facesse le veci del fu comandante indossando le sue vesti e proseguì verso la plancia. “Hey, Darsch, lo sai adesso che facciamo? Io entro nella sala di comando e gli dico di fermare i calcoli perché un gruppo di ribelli è penetrato nella nave. Quelli non mi riconosceranno, fermeranno il salto e nell'uscire gli lascio una granata e gli faccio saltare il culo!! Che ne dici?” … “A parte la granata, che sinceramente è un po' pericolosa, va bene”. Arrivati davanti alla porta della camera di comando, Darsch si nascose e Fizban, con aria fiera, entrò dentro:
“Signore, …”
“PRENDETELO!! E' UN RIBELLE!!!”
“Oh cazzo!! Simo'?! La lascio la bomba????”
“Ma che sei matto? Saltiamo in aria!!! CORRI!!”
Per fortuna quel giorno qualcuno da lassù li assisteva e la sua immensa bontà fece sì che Azatoth sbagliasse il pulsante dell'ascensore e premesse quello dove invece si trovavano i loro compagni. Il conflitto fu tremendo: blasterate che volavano da tutte le parti, urla strazianti, schizzi de sangue sul lunotto, sul cruscotto, pezzetti de cervello sul contanchilometri, un macello!! “Gliela lancio una granata?” , “Nooooo!! Cazzo!!!!”.
Il bilancio fu molto grave: una gamba colpita e 45 minuti di incoscienza per Fizban, tutte e due le gambe in cancrena, la testa putrefatta, sifilide, scolo e 30 minuti di coma per Azatoth…questo ragazzo deve aver fatto qualcosa per essere così sfigato. Grande prestazione di Chewgehnna e Darsch invece, che sono riusciti a stenderne 5 tra tutti e due…
Piano piano tutti i ribelli impegnati nello scontro riuscirono a fuggire, e finalmente toccò a Azatoth, Fizban, Chewgehnna e Darsch. Una volta nell'ascensore tirarono tutti un sospiro di sollievo: Darsch alzò il fucile al cielo in segno di vittoria, Chewgehnna alzo Fizban al cielo in segno di vittoria e Azatoth…”Oh merda, dov'e' Azatoth?!??!” … tornarono indietro, ripresero Azatoth (che delirando sussurrava “Pezzidimerdamihannolasciatoqui pezzidimerdamihannolasciatoqui pezzidimerdacel'avetefattaatornare) e salirono sulla nave insieme a tutti gli altri ribelli che erano stati catturati e al comandante Adelscott che nel frattempo era entrato in coma etilico. Chiuso il portello della nave…”Aspetta!! Gliela lasciamo una granata nell'hangar?” , “Bastaaaaaaaa!!!!!” … dicevo, chiuso il portello, la nave decollò. Sorretta dalla possente abilità del pilota uscì dalla Star Destroyer e saltò in iperspazio…davanti alla morte nera!!  Ci vollero 3 tentativi per ripetere il salto, ma alla fine Darsch ce la fece: “Scusate, ho le cose mie oggi, non riesco a concentrarmi!”. Ce l'avevano fatta!! Il cargo era arrivato sano e salvo, Adelscott non correva più pericolo e soprattutto Chewgehnna era riuscito inspiegabilmente ad infilarsi un corpetto…misteri dello spazio!!

“Adesso la posso lanciare la granata?” … SBONK!!!
Darsch
_ chiavi di lettura:campagne gdr

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 39 ospiti
Utenti più attivi del mese: Althea (3), Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.505.203
Post totali: 1281
Commenti totali: 6876
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0