doc La superiorità di un popolo
_ scritto il 11.07.2010 alle ore 20:04 _ 2893 letture
img

Qualche giorno fa, mentre scorrevo i vari interventi delle persone che seguo su Twitter, mi sono imbattuto in un articolo che parlava di una ragazzina curda irachena di 17 anni che, circa 2 anni e mezzo fa, è stata lapidata in una pubblica piazza della cittadina di Bashika. La terribile colpa di cui Du'a Khalil Aswad si era macchiata, secondo diverse rivendicazioni fatte su vari siti islamici estremisti, è stata quella di cambiare religione (dallo Yazidismo all'Islam) per potersi unire in matrimonio con un ragazzo mussulmano sunnita.

Du'a è stata trascinata per la testa in una piazza cittadina e i suoi carnefici (una decina), mentre un centinaio di persone li incitava, l'hanno presa a calci e le hanno ripetutamente scagliato in testa dei grossi blocchi di cemento, hanno infierito su una ragazza diciassettenne rannicchiata per terra con una ferocia raccapricciante, fino ad ucciderla. Il suo corpo è stato poi legato ad una macchina, trascinato per le strade, dato alle fiamme e infine sepolto insieme ai resti di un cane, come a voler sottolineare quanto fosse indegna.

L'articolo di cui parlo è questo, e comprende un video girato presumibilmente con un cellulare che mostra gli ultimi minuti di vita della ragazza. Il video è stato rimosso da Youtube, ma potete trovarlo qui in forma integrale (è necessario essere maggiorenni e registrati al portale). ATTENZIONE però, perché è un video tremendo, se siete impressionabili vi sconsiglio caldamente di vederlo!!! Io in genere quando ci sono filmati del genere tendo sempre a volerli vedere, per una sorta di "senso civico" e perché mi voglio rendere conto del mondo in cui viviamo. Questo in particolare mi ha fatto stare parecchio male. Du'a è indifesa, rannicchiata e in un paio di occasioni chiede aiuto cercando di rialzarsi e reagire. Durante la lapidazione la gonna le scivola via e verso la fine, quando ormai giace senza vita, qualcuno le copre il sedere rimasto scoperto. Questo vi fa capire a che livello arriva la mentalità di queste persone: fondoschiena e gambe nude di una ragazzina non devono essere mostrate in pubblico, mentre le si può tranquillamente spaccare la testa con un macigno di cemento, in una piazza pubblica e con un agente di polizia nelle vicinanze (come chiaramente evidenziato nel video integrale).

Ora io mi domando quale popolo possa permettere atti simili a questo nei confronti delle donne. Sappiamo tutti, bene o male, che in questi paesi la donna è trattata alla stregua di un animale, senza diritti, costretta a coprirsi perché ritenuta costantemente indegna, e con obblighi di comportamento che, se trasgrediti, possono comportare atti estremi perpetrati in tutta libertà e tranquillità da familiari, conoscenti e passanti. Io sinceramente stento a definire un popolo del genere "civile", e sono convinto che simili usanze/credenze/chiamatele_come_volete vadano eradicate in profondità. La storia è piena di atti simili in nome della religione, ma proprio per questo dobbiamo fare tesoro degli errori/orrori dell'umanità e andare avanti.

Ciononostante, ricollegandomi ad uno scambio di opinioni avuto nei commenti di un vecchio post e che reputo piuttosto pertinente, non mi sento di definire un popolo del genere inferiore ad un altro. Credo che sia un grande errore, e proprio la storia in qualche modo lo conferma. Ci possono essere mentalità e comportamenti sicuramente sbagliati, ed è compito della società civile fare in modo che vengano corretti, ma le radici che tengono un popolo ancorato al terreno sono in questo caso lontane, profonde e fuori dalla nostra compresione. Non ce la faccio a definirmi superiore, non è giusto. La coscienza di un popolo non merita un trattamente così radicale, va "rieducato" in maniera civile e decisa, non giudicato in base a comportamenti estremi come quello di cui abbiamo parlato fino ad ora. Non è buonismo forzato il mio, e neanche un tentativo di voler per forza bilanciare le cose. Dopo aver visto il video della lapidazione di Du'a questa mia convinzione ha vacillato terribilmente... ma non voglio commettere questo errore.

*** scritto il 27.11.2009 e riproposto in seguito
Darsch
_ chiavi di lettura:diritto, violenza, giustizia, donna

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Threepwood _ profilo homepage
_ scritto il 24.03.2010 alle ore 01:08
Premetto che il video non sono riuscito a visualizzarlo, sarà stato rimosso. Anche io mi sarei voluto fare un'idea più precisa dell'orrore da te menzionato.

Io mi definisco un ateo convinto. Per me non ci sono possibilità che possa esistere un dio, e considero l'aggrapparsi ad una religione come una sorta di debolezza dell'uomo: dalla madre cinquantenne che dice "ho pregato, e grazie a dio mio figlio ha trovato lavoro", a questi estremisti che arrivano addirittura a provocare, prima sofferenze atroci, poi la morte, di una povera donna che per una volta, nell'arco della sua vita, voleva poter decidere qualcosa di testa sua.

L'umanità dovrebbe agire tutta allo stesso modo, secondo un codice di comportamento internazionale. E' scandaloso che un crimine simile resti impunito (dal momento che, è ben ovvio che il poliziotto avrebbe voluto lapidare Du'a tanto quanto gli altri).

Che gente di merda, e che mondo di merda! Ogni giorno me ne accorgo sempre più...
_ Commento di Threepwood _ profilo homepage
_ scritto il 24.03.2010 alle ore 01:12
Ci tengo ad aggiungere una cosa: il 17 Marzo ho compiuto 21 anni. Alcuni mi dicevano "sei ancora piccolo". Inutile dirlo, è vero, ma la prima cosa che ho pensato è stata "non abbastanza per non rendermi conto di quanto l'uomo sia la razza più velenosa tra tutte, la più egoista e brutale, che non trova nemmeno la forza per rispettare se stessa".

Mi chiedo come possano, certi individui, vivere nell'ignoranza ed essere felici, accontentarsi veramente di poco, dimostrandosi ciechi per ciò che li circonda. Non so se siano da invidiare o da sterminare!
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 24.03.2010 alle ore 09:28

Alcuni mi dicevano "sei ancora piccolo". Inutile dirlo, è vero, ma la prima cosa che ho pensato è stata "non abbastanza per non rendermi conto di quanto l'uomo sia la razza più velenosa tra tutte, la più egoista e brutale, che non trova nemmeno la forza per rispettare se stessa".



Meno male che te ne sei accorto così presto, vuol dire che non hai il cervello popolato esclusivamente da minchiate. Per fortuna c'è chi non è anestetizzato dalla pochezza che ci circonda. Di sicuro queste cose, prima o poi, le avresti comunque comprese, ma tu hai un vantaggio rispetto a chi vive nell'ignoranza... non buttarlo via.
_ Commento di q0w0e0 _
_ scritto il 16.07.2010 alle ore 14:39
Non è di popolo che si deve parlare, ma di cultura. Esistono culture inferiori alle altre. E non bisogna essere così deboli da non ammetterlo.

Il concetto di inferiorità è soggettivo, ovvero è culturalmente soggettivo, ma questo non inficia la conclusione; se tu credi che alcuni aspetti della tua vita, cultura, modo di fare, siano sbagliati, tu li cambi: scegli quindi lo stile che reputi migliore. Se lo reputi migliore, lo reputi superiore.

Quindi se sei una persona, tu fai delle scelte. E non le fai perché sono oggettivamente necessarie, le fai perché credi che siano soggettivamente un gradino sopra le altre.

Per concludere, la superiorità non determina l'esclusività, ovvero il ricorso a logiche o strategie per eliminare l'altro punto di vista.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 16.07.2010 alle ore 15:11
Ciao benvenuto!

Sì, quello che dici è giustissimo. Il mio era più un discorso di generalizzazione. Esistono aspetti di alcune culture che reputo talmente arretrati da poter essere considerati inferiori, ma non ritengo giusto definire un popolo (o la sua cultura) inferiore in toto.

L'ultimo tuo ragionamento, che condivido, è forse nato da una connotazione più dura dell'aggettivo "inferiore" che potrei aver trasmesso attraverso il mio post. Il motivo è che mi riferivo ad una conversazione avuta nei commenti di un vecchio post in cui il concetto di inferiorità sembrava assumere un carattere più "duro".
_ Commento di silvestro5771 _
_ scritto il 03.09.2010 alle ore 09:47
Mi fa male pensare che nel mondo esistano certe correnti di pensiero e mi fa
un po scifo pensere che anche io facio parte del genere umano .

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 59 ospiti
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.413.640
Post totali: 1266
Commenti totali: 6867
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0