doc No B Day - resoconto e foto
_ scritto il 06.12.2009 alle ore 00:16 _ 2811 letture
img

Eccomi di ritorno dalla manifestazione che oggi pomeriggio ha visto centinaia di migliaia di persone scendere in piazza per protestare contro l'attuale Presidente del Consiglio italiano e le sue azioni che minano le fondamenta già piuttosto disastrate del nostro Paese. Il cuore della manifestazione è questo: Berlusconi lì non ci dovrebbe stare. Dovrebbe farsi da parte e difendersi dalle accuse che gli vengono rivolte, come qualsiasi altro cittadino, dinnanzi ai Tribunali della nostra Repubblica.

Sono arrivato in piazza della Repubblica alle 14.10 e il corteo aveva già iniziato a muoversi. Un fiume di gente, come dimostrano le foto a fine post. Roma si è tinta di viola. Tantissimi gli slogan e gli striscioni, molti in tema altri sinceramente un po' sopra le righe e fuori luogo, secondo il sottoscritto. Un'altra cosa che non ho gradito è stata la presenza di bandiere di partiti all'interno del corteo. Il No B Day doveva essere una manifestazione senza colori politici, proprio perché puntava in una direzione precisa. Sicuramente non mi aspetto una reazione diretta dalla manifestazione, ma c'è un fatto importante da sottolineare: è la prima volta che una cosa organizzata su Facebook raggiunge queste dimensioni, è un segno che la gente della rete C'E', prende parte e, con i dovuti distinguo, si informa. Ad ogni modo credo che la manifestazione sia servita a smuovere gli animi, a dare una scossa a una parte della popolazione che per vari motivi era poco ricettiva o narcotizzata e magari a far calare di qualche unità il fantomatico pallottoliere del "consenso popolare" che Silvio sbandiera sempre ai quattro venti.

Il tempo ci ha decisamente assistito: non c'era neanche una nuvola. Il corteo è proseguito senza intoppi fino a piazza S. Giovanni, dove sul palco si stavano già avvicendando i vari ospiti (tra cui Salvatore Borsellino e Dario Fo). Io sono arrivato intorno alle 17, e la piazza era già completamente satura. Alle mie spalle un fiume di gente si stava avvicinando, e lo stesso dall'altra parte della piazza, in direzione di via Merulana. Il serpentone sembrava non finire più, e il servizio d'ordine cercava di suggerire dei punti in cui la densità non era eccessivamente elevata. Gli organizzatori parlano di più di un milione di partecipanti, anche se ovviamente per l'informazione asservita eravamo 4 gatti, e per la questura addirittura 90.000 (!!!).

Vi lascio con le foto che ho scattato durante il corteo e con le citazioni di alcuni giornalisti.

noBday_20091205_noBday_20091205_01noBday_20091205_noBday_20091205_02noBday_20091205_noBday_20091205_03noBday_20091205_noBday_20091205_04noBday_20091205_noBday_20091205_05noBday_20091205_noBday_20091205_06noBday_20091205_noBday_20091205_07noBday_20091205_noBday_20091205_08noBday_20091205_noBday_20091205_09noBday_20091205_noBday_20091205_10noBday_20091205_noBday_20091205_11noBday_20091205_noBday_20091205_12noBday_20091205_noBday_20091205_13noBday_20091205_noBday_20091205_14noBday_20091205_noBday_20091205_15noBday_20091205_noBday_20091205_16noBday_20091205_noBday_20091205_17noBday_20091205_noBday_20091205_18noBday_20091205_noBday_20091205_19



tratto da antefatto.it

Ci sarò perché mi manca il respiro - Oliviero Beha
Sarò in piazza San Giovanni per tre motivi, collegati tra loro e in grado di rafforzarsi l'un l'altro. Il primo riguarda come nasce e chi promuove la manifestazione: è la piazza virtuale del Web che chiede fisicamente di essere presa in considerazione dalla politica e dai media tradizionali senza etichettature. Il secondo riguarda il movente del raduno: dire no a Berlusconi non perché non ci piace esteticamente ma perché mette a rischio la democrazia con i suoi comportamenti che fanno strame della legalità e fanno rimpiangere Andreotti. Si faccia processare e magari assolvere invece di scappare ad usum caimani. Il terzo riguarda la necessità di dire basta: ma non soltanto a Berlusconi bensì a questo atroce andazzo italiano, ai due milioni di disoccupati, a un paese senza futuro precipitato culturalmente in un buio oscurantista, che riguarda la destra come la sinistra. Senza franchigie per nessuno e senza “turarsi il naso”. Manca il respiro.

Adesso è importante camminare insieme - Peter Gomez
Il No B. Day è una buona notizia per la democrazia. Perché dimostra che in questo paese la politica non è morta. Infatti quando i partiti - quasi tutti - non riescono o non possono più rappresentare i loro elettori, c'è chi si organizza da solo per esprimere le proprie idee. Certo, può preoccupare, o indignare, che il Pd di fatto non ci sia. Ma resta un punto. Anzi il punto: molte persone hanno in mente un'Italia diversa, più giovane, più onesta, più giusta. E adesso attendono solo una classe dirigente che lo dica con chiarezza. Arriverà? Io non ho dubbi. In politica il vuoto non esiste. Per questo è bello pensare che, anche se non sappiamo ancora chi siano, i nuovi leader esistono già oggi. Alcuni di loro li ritroveremo in piazza questa mattina. Altri li scopriremo lungo il cammino. Ma non dobbiamo preoccuparci. In questo momento conta una sola cosa: mettersi, tutti assieme, a camminare.

In attesa del “No Pd Day” - Marco Travaglio
L'altro giorno, sotto il titolo "Dialogo", il Corriere pubblicava una foto della capogruppo del Pd al Senato, Anna Finocchiaro, in allegro conversare col presidente Schifani e con quell'altro statista di Quagliariello. Quella foto, come dice Ellekappa, dovrebbe chiamarsi Pdc: Partito Diversamente Concordi. Se vi si aggiungono le ultime uscite di Violante, Letta e Latorre sul dovere dell'opposizione di salvare Berlusconi dai processi, non si può che giungere, dopo 15 anni di inciuci, all'inevitabile conclusione: il problema non è Berlusconi, ma il centrosinistra. Il centrosinistra che prende i voti (sempre meno) per opporsi al Cavaliere e poi regolarmente gliele dà tutte vinte. Sceso in politica per salvarsi da debiti e galera, Berlusconi è sempre rimasto coerente: si occupa solo degli affari e dei processi suoi. Chi non fa il suo mestiere sono gli "altri". Oggi tutti i cittadini che amano la Costituzione e la democrazia saranno in piazza. Ma subito dopo dovranno lavorare a una nuova manifestazione che costringa il Pd a deberlusconizzarsi: il No Pd Day. Come disse Petrolini al disturbatore che lo contestava da un palco: "Io non ce l'ho con te, ma col tuo vicino che non ti butta di sotto".

È iniziata la fine del regime - Paolo Flores d'Arcais
Oggi scende in piazza la democrazia, contro l'infame progetto di un regime putiniano e di un governo “legibus solutus”. La democrazia che non vuole affidarsi a un presidente della Camera che smentisce coi suoi voti (in favore di ogni legge ad personam) le nobili citazioni con cui riempie i suoi libri. La democrazia che vuole contare su se stessa, scende in piazza a Roma ma insieme in tutte le capitali d'Europa. A piazza San Giovanni saranno centinaia di migliaia, dieci o venti volte le cifre che darà la Questura. Come sette anni fa. Questo popolo di cittadini coerentemente democratici, non è mai venuto meno. Da quasi vent'anni è come un fiume carsico. Sembra sparire ma si frammenta in mille rivoli sotterranei. Questa volta, a farlo riemergere, è un gruppo di blogger, età media meno di trent'anni. Una nuova generazione, un segno inequivocabile: la piazza che tra poche ore si riempirà e segnerà l'inizio della fine del regime che ha ridotto l'Italia a macerie. A meno che, una volta di più, a salvarlo non sia l'inciucio di una finta opposizione. Sta a noi impedirlo.

Trovarci in tanti per dire chiaro che Italia è - Furio Colombo
Domanda incuriosito il coinquilino in ascensore: “In piazza per dire no a Berlusconi. Ma non l'avevate già fatto?”. La domanda mi è sembrata, allo stesso tempo, sincera e con una risposta inclusa. La vera frase era questa “io sarei d'accordo. Però abbiamo capito che non serve. Sono quindici anni che si ripete questa invocazione da affollate piazze”. Giusto. E vedo due modi per rispondere. Il primo è che, se è necessario ripetere un impegno necessario è un dovere, sia morale sia organizzativo. Trovarci in tanti per dire chiaro che Italia è. Però questo appuntamento di centinaia di migliaia di italiani non è un rifare cose già fatte. Molto è cambiato. È cambiato in peggio, dall'irrompere pieno e sfrontato dell'illegalità nella vita pubblica alla evidente corrosione della figura del Capo. La destra che si identificava in lui si è smagliata. La presenza di un numero grande di italiani che dice no in una piazza di libertà è un fatto nuovo, perché nuovo è il pericolo – che si è fatto estremo. La forza di quella piazza sarebbe immensa se ci fosse tutta l'opposizione, secondo il mandato degli elettori. I leader politici ci saranno, in parte e un po' indecisi. Gli elettori saranno tanti e privi di dubbi. Per questo dico ci saremo tutti. Ed è qui il fatto nuovo.

È il primo passo, speriamo non sia tardi - Massimo Fini
Parlavo qualche tempo fa con una ragazza brasiliana che vive qui, la quale si diceva stupita dell'indifferenza, dell'inerzia, della rassegnazione con cui i giovani italiani accettavano le ripetute e sempre più gravi violenze e prepotenze del presidente del Consiglio. E mi raccontava che nel dicembre del 1992 il presidente del Brasile Collor de Mello, eletto a gran maggioranza con suffragio diretto (e quindi con una legittimazione popolare superiore a quella di Berlusconi), accusato (semplicemente accusato) di corruzione e di evasione fiscale era stato sottoposto dalle Camere a un procedimento di impeachment e deposto. Ma a spingere le Camere a intervenire erano state manifestazioni popolari di milioni di persone, soprattutto giovani, molte delle quali avevano votato De Mello ma non tolleravano di avere un presidente delinquente. Il NoB.Day, con cui i giovani di Internet si sono decisi a scendere dal mondo virtuale per planare su quello reale, è una risposta all'interrogativo di quella ragazza brasiliana. Speriamo che sia un primo passo. E che non sia troppo tardi.

La Costituzione: anche il "Re" deve obbedirle - Bruno Tinti
Vi ricordate di Geordie? De André cantava: lo impiccheranno con una corda d'oro, rubò sei cervi nel parco del re. Era la legge. Non era giusta, anzi era odiosa e crudele. Ma il re aveva il potere di farla, quale che fosse, perché era il re, per diritto divino. Poi è arrivata la Costituzione, una legge nuova fatta proprio per il re: non importa che tu sia il re, non importa che il tuo potere sia legittimo; deve essere esercitato in maniera giusta. Anche il re, diceva la Costituzione, deve obbedire alla legge.
I modi di attribuzione del potere oggi sono cambiati: il popolo sceglie chi deve governare. Ma che all'origine del potere vi sia il diritto divino o il consenso popolare, la legge suprema dello Stato resta a segnare il limite oltre il quale perfino la democrazia diventa tirannide. È per questo che il principio fondamentale di ogni Costituzione è l'uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. Ed è per questo che oggi siamo qui: per ricordarlo a chi non ha capito che i privilegi del potere non hanno posto in una democrazia costituzionale.

Questo spazio vuol dire democrazia - Luca Telese
A pensarci bene, “Piazza” è la più importante delle parole sequestrate dall'egemonia culturale del centrodestra in questi anni. Piazza è cittadinanza, l'agorà ateniese. È la cellula dove nascono i comuni prima e il Rinascimento poi; piazza è la Bastiglia che infilò nel cuore del Settecento i valori della borghesia, piazza è l'Unità d'Italia, le insurrezioni di popolo contro i nazisti. Una piazza silenziosa e composta a Milano, nel 1969, disinnescò i timer e le velleità golpiste di piazza Fontana. Piazza San Giovanni è il milione di persone che salutò Enrico Berlinguer nel 1984. Ma piazza è anche il contrario della solitudine catodica in cui Berlusconi domina da 15 anni. Per questo il centrodestra tiene questa parola in ostaggio: piazza è diventata “il ricatto della piazza”, “la violenza della piazza”, “l'indebita pressione della piazza”. Ecco perché oggi sarebbe bello spiegarlo a tutti: democrazia è il contrario di agorafobìa.

Darsch
_ chiavi di lettura:giustizia, democrazia, governo, protesta

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 06.12.2009 alle ore 00:30
Fede racconta il NO B Day: http://www.youtube.com/watch?v=GlbcmDJ-IFQ. Senza parole...
_ Commento di ariannuccia _ profilo
_ scritto il 06.12.2009 alle ore 09:52
mamma mia, il solo pensiero che della gente ascolti e creda a quel tg, anzi definirlo tv mi sembra un insulto alla categoria, mi fa accapponare la pelle, troppo troppo palese, come fa ad essere un tg pubblico?? >_
_ Commento di Olta _
_ scritto il 06.12.2009 alle ore 12:40
bella! è stato bellissimo vedere che eravamo in tanti! tutto partito sul net ma guarda un po' c'era ben poco di virtuale ieri!
mi è piaciuto un sacco il discorso di Borsellino!! e mi è dispiaciuto vedere un po' troppo rosso sulla folla. e poi mi sono incazzata, quando appena tornata a casa, ho letto che secondo la questura eravamo in 90000.
_ Commento di Luca _
_ scritto il 06.12.2009 alle ore 14:39
la guerra di cifre ci sarà sempre se non si decide una volta per tutte di raccogliere le firme dei partecipanti con un sistema tipo web check-in e con un minimo di organizzazione secondo me è possibile

e per quanto riguarda il troppo rosso, non posso che essere daccordo, se non si esce da queste logiche di partito ci sarà sempre qualcuno che dirà "ma tanto sono solo i comunisti a protestare"...
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 06.12.2009 alle ore 18:44
Rispondo alle tante persone che mi hanno detto "ma che avete risolto con il No B Day? Non serve a niente manifestare".

Io sono anche d'accordo, la manifestazione sicuramente non avrà nessuna conseguenza diretta, ed è ovvio che il problema dell'Italia non è solo Berlusconi, come credono probabilmente molte delle persone presenti ieri. Il problema dell'Italia è molto più radicato e profondo, è un fatto di mentalità. Generalmente tendo a non prendere parte alle classiche manifestazioni organizzate dai partiti, tuttavia stavolta mi son sentito di partecipare al No B Day perché è nato davvero dal basso e perché il suo obiettivo principale era semplicemente quello di gridare tutti insieme che questa persona DEVE essere trattata come qualsiasi altro cittadino italiano, e farsi processare. Io ci sono andato con uno spirito preciso: non sono contro Berlusconi a prescindere, anche se penso che di porcate ne abbia fatte parecchie, e se dovesse risultare innocente, io accetterò il fatto che torni al governo, perché è lì che gli italiani lo hanno voluto. Però questa storia deve finire, non ce la faccio più a vederlo trovare escamotage che hanno conseguenze disastrose per sfuggire ai processi, quindi alla manifestazione dovevo esserci, sentivo una sorta di dovere civico e coerenza verso il comportamento che tengo abitualmente nella vita di tutti i giorni. E non lo trovo così tanto futile: ieri centinaia di migliaia di persone gliel'hanno gridato tutti in coro. A qualcosa dev'essere servito, anche se in piccola parte. A me basta, l'intento era mandare un messaggio.

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 31 ospiti
Ultimi utenti registrati: Lucapietro, andinar, Damiano, Susi, Aftaelle
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.451.639
Post totali: 1268
Commenti totali: 6868
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0