doc Eoin Colfer - "E un'altra cosa..."
_ scritto il 25.06.2010 alle ore 10:22 _ 2832 letture
img

Devo dire che appena ho saputo dell'esistenza del sesto episodio della trilogia della Guida Galattica per Autostoppisti sono stato assalito da sentimenti contrastanti. Il mio lato purista era un po' preoccupato, perché in fondo "non è Adams", mentre quello appassionato ha iniziato a saltare irrefrenabilmente dalla gioia tra le mie sinapsi (ecco perché quel giorno avevo l'emicrania). La curiosità era comunque tantissima, quindi mi sono sbrigato a finire il libro che stavo leggendo (Palahniuk perdonami...) per tuffarmi nuovamente e inaspettatamente tra le pagine della Guida.

Io non ci credo che dietro quest'opera ci siano solo gli appunti di Adams. Ci dev'essere dell'altro, per forza. Probabilmente Douglas è uno dei pochissimi, insieme ad Arthur Dent, ad aver sperimentato gli effetti collaterali di una Zona Plurale, o forse è caduto in un infundibolo cronosinclastico. Fatto sta che questa è la Guida. Non ci sono "ma", e se devo ringraziare Colfer per questo, beh GRAZIE di cuore!

Ho adorato la storia, intricata al punto giusto e straripante di quei tocchi di genio tipici della saga (come i paragrafi citati direttamente dalla Guida che compaiono di tanto in tanto per fornire informazioni aggiuntive), ho adorato i personaggi (mettete in un calderone la solita combriccola, un pugno di vogon fieri e motivati, una bella fetta di mitologia norrena e mischiate ben bene) e in generale l'atmosfera che si respira pagina dopo pagina. Autentica, palpabile. Non sarà direttamente Adams, senza dubbio lui era unico e si sente comunque che manca quel "non so che", ma è quanto di più vicino al suo genio si possa immaginare. E io mi sento di approvare totalmente questa iniziativa, sono sicuro che il buon Douglas farebbe altrettanto.

Un libro incredibilmente frugo. Così ganzo da far sembrare gli altri libri "ganzi come un grappolo di foruncoli sul naso di un quarantenne che girava per il suo ufficio su una bici con i ruotini nel corso di una presentazione sui sistemi più efficienti per sbloccare gli scarichi fognari".


"E un'altra cosa..." - Eoin Colfer, traduzione di Giuseppe Iacobaci, Mondadori Editore

NOTA DELLA GUIDA - Questa analogia funziona molto bene quasi ovunque, eccetto che nella città di Shank, accanto ai famosi Rocchetti Infiniti di Allosimanius Syneca. Shank è abitata dai Pshawrian, ai quali viene insegnato sin dall'infanzia a tradire le aspettative. [...] A Shank, un quarantenne foruncoloso su una bici con i ruotini sarebbe considerato l'incarnazione della ganzitudine inattesa. L'argomento degli scarichi fognari sarebbe visto come un tocco gradevole, dal momento che la gravità su Allosimanius Syneca è di appena 1,2 metri al secondo quadrati e i rifiuti si limitano a galleggiare semplicemente verso lo spazio.

L'astronave bianca sfavillante sfarfallò un po', poi si solidificò con un rumore simile a quello di un'enorme fetta di limone che vada a sbattere contro un gigantesco lingotto d'oro.[...]




"E un'altra cosa..." - Eoin Colfer, traduzione di Giuseppe Iacobaci, Mondadori Editore

Zaphod pareva preoccupato per i vogon tanto quanto una Bestia Bugblatta sarebbe stata preoccupata per delle Blatte Bugbestie.




"E un'altra cosa..." - Eoin Colfer, traduzione di Giuseppe Iacobaci, Mondadori Editore

Benché privi di orecchie, i flibuzzi sono estremamente sensibili alle vibrazioni e possono realmente esplodere in circostanze estreme. Thor, il dio di Asgard e talvolta anche del rock, polverizzò il record di detonazione spontanea di flibuzzi in occasione del lancio del suo nuovo singolo, "Ti spacco a martellate", da un cocchio in orbita intorno a Sconchiglioso Delta. Il record precedente era detenuto dalla rock band intergalattica La Zona del Disastro, che aveva gettato una bomba-altoparlante nel cratere di un vulcano dove i flibuzzi stavano tenendo un festival di elettricità statica




"E un'altra cosa..." - Eoin Colfer, traduzione di Giuseppe Iacobaci, Mondadori Editore

La frase "Qualcuno vuole qualcosa?" è un classico passe-partout da uscita che può essere utilizzata ogniqualvolta circostanze sgradevoli di vario tipo, da un lieve imbarazzo all'incombere di un'enorme catastrofe, si profilino inesorabili all'orizzonte. Gran parte delle culture esistenti dispone di una propria variante della frase "Qualcuno vuole qualcosa?", ed è così evidente che si tratta di domande retoriche che nessuna di queste necessiterebbe davvero del punto interrogativo. I betelgeusiani chiedono: "Qualcuno ha sentito un plònfete? Come una pallina da tennis che cade in una ciotola di crema pasticcera? Nessuno? Meglio che vada a controllare". La versione jatravartid è: "Qualcuno ha sentito la porta cristallare? Dev'essere Poople. In ritardo come al solito. Meglio che vada e lo faccia entrare, prima che gli si riempia il fazzolettino".

Darsch
_ chiavi di lettura:libri, fantascienza, douglas adams, recensioni

_ potrebbero interessarti


_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 25.06.2010 alle ore 10:43
Anche nella mia recensione (su aNobii) condivido la tua analisi. Probabilmente quello che manca è il colpo di genio assoluto, ma i colpi di genio "classici" a cui eravamo abituati ci sono eccome!

Insomma, come dici, questa è la Guida, c'è poco da aggiungere :-)
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 25.06.2010 alle ore 20:08
Ah ecco, bravi: fatemi da cavie! Appena ho visto il libro m'è venuta subito la stessa reazione allergica che mi ha colpito di fronte ai nuovi capitoli della saga di Dune e ai libri di Blade Runner: un fortissimo prurito ai villi intestinali, seguito da un'irrefrenabile voglia di evacuare i miei mal di pancia sullo scaffale della libreria.
Forse sarò un po' talebano ma i seguiti "ereditati" mi hanno sempre messo in allerta.
E' anche vero che ho talmente tanti di quei libri da leggere che, se volessi cimentarmi con questo nuovo capitolo della Guida, non riuscirei a farlo prima del 20XX (mettete un numero a piacere, compreso tra 11 e 99 - si, ho intenzione di essere longevo). Nel frattempo leggerò molto avidamente i vostri commenti! :D
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 26.06.2010 alle ore 20:58
Sì inizialmente ho storto parecchio la bocca anche io all'idea di un seguito del genere, però non potevo non leggerlo. Fortunatamente ne è valsa la pena. :)

Argh! Anche tu sei alle prese con la temibile pila di libri! Ti capisco... :D
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 27.06.2010 alle ore 13:16
Già. Cresce sempre, ho paura che un giorno o l'altro mi fagociterà mentre dormo! ^^
_ Commento di Kranish _ profilo
_ scritto il 08.07.2010 alle ore 19:16
L'ho preso oggi... ma è gigante rispetto ai libri "Douglasiani"...

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 69 ospiti
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.417.810
Post totali: 1266
Commenti totali: 6867
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0