doc Vale sempre la pena scrivere
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:17 _ 4251 letture
img

Devo ammettere che ogni tanto anche io mi faccio la fatidica domanda: ma perché mi sbatto così tanto a scrivere? La prima risposta che mi do generalmente è: perché mi piace scrivere, e perché mi piace essere letto, confrontarmi, capire le opinioni degli altri, migliorare. I dati di Google Analytics e gli stessi strumenti che ho messo a disposizione nel blog parlano chiaro: gli argomenti che generano più interesse e traffico sono quelli relativi all'intrattenimento e allo svago (fate un giro tra le chiavi di lettura preferite degli utenti, o date un'occhiata ai box dei post più visti e più commentati qui a sinistra, per farvi un'idea). Ora, non c'è niente di male se la gente si interessa più ai mazzi di Magic o ai videogiochi piuttosto che ai post in cui cerco di tirare fuori qualcosa di più impegnativo o ragionato, ma quella domanda, a volte, mi attraversa inesorabilmente la mente.

E allora penso a tutte le persone grandiose che seguo quotidianamente e che hanno un blog, e mi chiedo cosa accadrebbe se anche loro (con le dovute proporzioni, sia chiaro, hanno molti più visitatori di me! :D) rispondessero alla mia stessa domanda in modo drastico, smettendo di scrivere. Succederebbe che perderei Alberto, che con i suoi post sempre molto intelligenti e profondi, riesce a stimolare la mente come pochi altri. Per contare le persone con cui mi trovo davvero a mio agio a parlare bastano (e avanzano) le dita di una mano, e lui è una di queste. E lui scrive. Poi ce n'è anche un'altra, di persona, che però non scrive quando invece ne sarebbe oltremodo capace, ed è un vero peccato. Ma questa è un'altra storia. Succederebbe che perderei anche Valentina, che ha la capacità di descrivere i suoi sentimenti e i suoi pensieri in un modo così vivido e sincero, che mi ritrovo lì, davanti al monitor, disarmato, spesso senza parole, quasi sempre commosso o toccato nel profondo. No, io non ci rinuncerei. Io l'adoro. Come non rinuncerei a Giulia (che ora si dedica principalmente al suo blog culinario), l'autrice del disegno in apertura di post (è una lunga storia, popolata da nani da giardino, muffin, trench di pelle rosa rubati a Hello Kitty (o era proprio pelle di Hello Kitty? (non iniziare ad annidare le parentesi! (ok scusa))) e tuppete), un autentico tornado, che riesce a mescolare sapientemente simpatia, pazzia (nella sua accezione positiva e brillante), profondità e intelligenza, e il mix che ne viene fuori è più unico che raro. Adoro anche lei. E succederebbe che perderei pure Andrea, con il quale ho iniziato a condividere la passione per scrivere più di 10 anni fa e che reputo sinceramente una persona davvero meritevole di essere letta (a proposito: in questi giorni sto leggendo proprio il tuo secondo libro!). Perderei pure Il Gobb, che è tra le persone più intelligenti e acute che io abbia mai conosciuto, uno di quelli cazzuti, preparati e informati, col quale sono anni che mi riprometto di fare una bella chiacchierata, ma ancora non mi riesce. Perderei Luca, che ho conosciuto proprio su queste pagine e che come me parla di quello che gli passa per la testa, e lo fa sempre in modo interessante e stimolante; perderei Simone, perché ogni tanto un po' di svago ci vuole e lui di videogiochi se ne intende; perderei, insomma, tante voci che meritano di essere ascoltate, come quelle che seguo quotidianamente tramite Feed o che conosco grazie a Twitter.

Tutte persone che nel loro piccolo contribuiscono a delineare una quotidianeità ormai troppo spesso buttata lì, o vissuta in modo poco consapevole e, soprattutto, poco responsabile. Perché l'impressione che arriva è che la gente probabilmente è più interessata alla fuffa che alle cose stimolanti. Ma sapete che c'è? Chissene frega, io continuo a scrivere, dovessi anche rimanere da solo.
Darsch
_ chiavi di lettura:blog, comunicazione, internet, società

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Iaia _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:51
Le ultime due parole sono esattamente quelle che mi ripeto quotidianamente e non a caso ti stimo e ti venero come fossi un rabbid gigante vestito da nano giardino che sforna muffin. In più tu hai degli elicotteri rosa per occhiali e un trench di pelle e di baffi di hello kitty e tutto torna (sono di fretta ma vorrei tornarci su questo punto dei baffi e pelle di hello kitty )
Il mio problema più grande è stato sempre non arrivare a fare quello che vorrei fare (sì sto cominciando a delirare) . Mi siedo sul lettino ? quello lì? Dottor Darsch tutto è cominciato il 12-12 del 87 e se ride a 87 le brucio le studio.
Scrivo per me da sempre e non è falsa modestia giuro quando giornalmente mi stupisco di tutta la gente che. Mi scrive in privato/pubblico/nonsoneancheiodove.
Sto lì inebetita a fissare il vuoto e non riesco. Non riesco a fare e dire un milionesimo di quello che vorrei. Potrei essere più sintetica e fare uno smile a tutti . Potrei essere più sbrigativa e non perder tempo. Ma dovrei mettere qualcunaltrotuttattaccato al mio posto. Perchè non sono così. Io sono questa. Quella che vorrebbe commentare ogni tuo singolo post ma non potendelo fare bene non lo fa e rimanda. E rimanda. E rimanda. E rimanda. Fino a quando un giorno legge questo. E non perchè ci sia il mio nome e quel disegno (santo cielo è orrendo ! affettivamente parlando indimenticabile ma santocielorrendo) ma perchè. E' come rispondere a quell'amico di vecchia data che vuoi bene a prescindere e "metti da parte" solo perchè "lui capirà". COme è successo e succede con Vale. E poi ti dici no. Non che non capirà. CHe rimarranno solo parole perchè occorrono fatti e quindi mi riprometto da oggi di fare fatti dovessi fare tripli salti mortali. Più volte mi sono chiesta cosa potrebbe accadare se una mia lettura quotidiana svanisse nel nulla. Anche se a me è successo (in maniera feroce però) e non ti nascondo che ho pianto. E' successo tre anni fa e per motivi abbastanza gravi. Neanche un commento tra di noi. Neanche una parola. Un giorno scompare. Poi vengo a sapere non per suo volore e . La meraviglia di scrivere perchè piace scrivere e continuare a farlo imperterrrrrrito solo per se stessi è encomiabile. E porta i suoi frutti soprattutto nel tuo caso che sei splendido. Sono sempre stata lontana dalle blogstatistiche. riunioniblogcampbarcippelippefeedaggregazioni. Me ne sono tenuta davvero ben lontana e quello che ne ho guadagnato è stato meno citazioni dai potenti della blogosfera (risata su potenti) e più Darsch e Valefatina. E quindi mi dico che cacchio sono stramaledettamente fortunata.
E che anche se adesso il nano da giardino non ha apparecchiato la tavola . chiseneimporta.
qui dobbiamo discutere cose serie del tipo:
ma addobbiamo gli occhiali elicottero per natale con l'argentato o il dorato?
_ Commento di valefatina _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:51
Solo? Cioè tu hai pensato veramenteveramenteveramente di liberarti di me?
Non ti sarà possibile #sallo ù_ù e rassegnati, la cosa è inesorabile. Tzè ù_ù #maschi
_ Commento di Iaia _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:51
Se non mi viene dato un avatar subito adesso io brucio il mio nano da giardino !
_ Commento di Iaia _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:52
Valeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ( lo vedi? faccio sempre un sacco di confusione. a volte mi limito per questo. quando la mia autocoscienza e motorinocoscienza prende il sopravvvento)
ma se c'è il sopravvento bisogna mettere il sottogiubbbotto?
_ Commento di valefatina _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:56
@Gì santocielo abbiamo commentato insieme e questa cosa mi tormenterà per tutta la vita. E i nani, e i conigli, e i muffin e darsch, come potrei fare a meno di tutto questo? E soprattutto come potrei evitare di imbrattare il blog di darsch con tutto questo blabla? Diamoti un avatar e restiamoqquì pessempre, occhei?
_ Commento di albyok _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 12:57
Da solo? Mai. Io non ti lascio scendere dalla barca :-)

Grazie. A noi!
_ Commento di Sky1977 _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 13:06
Continua a scrivere Simo, che io in silenzio... ma ti leggo
e se questo dannato turbinio di cose da fare mi lasciasse un po' di tempo, sarei ben lieto di approfondire con te molti dei temi che tratti (non quelli dei giochi... hihi)
Buona Strada
Francesco
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 13:49
@Giulia - "non arrivare a fare quello che vorrei fare" detto da una persona che dedica puntualmente una grossa fetta del proprio tempo ad OGNI singola persona che commenta i proprio post, mi fa un po' spavento, perché mi chiedo cosa vorresti fare di più di quello che già fai per i tuoi fedeli lettori e amici (che se ti seguono con così costante costanza (!) un motivo ci sarà)! :D No, sul serio, io una simile dedizione non l'ho mica mai vista... dì la verità, hai una sorella gemella. O anche due. °_°

Non ti preoccupare, non fare salti mortali, gli amici lo capiscono se li "metti da parte" un pochino perché altrimenti dovresti allungare le giornate a 36 ore, ma perlamordelcielo registrati così potrai avere un avatar e, soprattutto, ti arriveranno comode email quando qualcuno ti risponde! Sì sì, hai letto bene, ti arriveranno TANTE ALTRE MAIL oltre a quelle che già di arrivano, sei contenta vero? :D Lo so è un lavoro sporco, ma prima o poi dovrai farlo... lo dice anche il nano da giardino.

Grazie davvero per quello che hai scritto. Anche a me non interessano per nulla citazioni dai potenti della blogosfera, o riscontri particolarmente positivi nelle varie blogstatistiche (sono una persona molto umile ^^), solo che mi sono accorto (in generale, non soltato sul mio piccolo spazio) che la gente davvero ha poca voglia di discutere di cose serie. Ed è un peccato.

Ma la tavola è apparecchiata con 32 bicchieri e 9 forchette, sì? No perché altrimenti faccio un macello. >_<
L'addobbo degli occhiali è approvato dall'ASSORAFEL (Associazione Occhiali Rosa Afforma di Elicottero), quindi possiamo procedere! (*)_(*)'


@valefatina - nonnò, non ho alcuna intenzione di liberarmi di te, macchesseimatta? °_°

E comunque imbrattatemi pure il blog quando volete :D


@albyok - promettimi di legarmi all'albero maestro al freddo e al gelo quando ho questi brevi momenti di crisi! :DDD

"Grazie a noi" rende benissimo l'idea. :P


@Sky1977 - grazie carissimo, ho aprezzato tantissimo! Non ti preoccupare se non hai tempo di approfondire, conduciamo un po' tutti delle vite frenetiche, è normale! ;)
_ Commento di LuPoN _ profilo homepage
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 17:00
Ahh scrivere! L'ultima cosa che ho scritto risale a 5 mesi fa, quando nacque la mia bella nipotina!
Ora che mi rtirovo con la mano destra ingessata e tante troppe cose per la testa, la voglia di scrivere sta tornando rampante, quasi diminuendo lievemente la voglia di leggere!
Voglia di leggere che non manca mai, specialmente se darsch.it sta tra i tab perennemente aperti del mio Chrome!
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 25.11.2010 alle ore 18:00
@LuPoN - magrassie caro, troppo buono! :D
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 26.11.2010 alle ore 09:33
Darsch ci sono argomenti che attirano molte più letture di altri ma solo perchè le chiavi di ricerca sono più comuni. Un argomento di cultura o di politica riceve meno visite della recensione di un gioco ma lascia sicuramente un segno più profondo e trova la sua ragion d'essere nel senso stesso della condivisione, cioè se anche una sola persona lo legge allora è servito a qualcosa poichè è servito a far pensare il lettore su un argomento di interesse più profondo.
Ogni volta che scrivo un post su Ubuntu, il mio blog mi sembra sempre più nerdoso (con la enne, eh... ) e lontano dallo spirito con cui lo vorrei scrivere, nonostante siano questi argomenti a raccogliere il maggior numero di visite. Darsch ci sono argomenti che attirano molte più letture di altri ma solo perchè le chiavi di ricerca sono più comuni. Un argomento di cultura o di politica riceve meno visite della recensione di un gioco ma lascia sicuramente un segno più profondo e trova la sua ragion d'essere nel senso stesso della condivisione, cioè se anche una sola persona lo legge allora è servito a qualcosa poichè è servito a far pensare il lettore su un argomento di interesse più profondo.
Ogni volta che scrivo un post su Ubuntu, il mio blog mi sembra sempre più nerdoso (con la enne, eh... ) e lontano dallo spirito con cui lo vorrei scrivere. Il punto di tutto è che se un articolo nerdoso, giochereccio, frivolo e leggero finisce nei nostri blog, evidentemente vuol dire che ci è passato per la testa di farlo, quindi non sono così tanto fuori posto.
Pensa se avessimo censurato tutti gli articoli meno 'coerenti' col blog cosa ne sarebbe risultato e quante cose non avremmo comunicato, anche frivole.
_ Commento di Lyserjik _ profilo homepage
_ scritto il 26.11.2010 alle ore 09:34
PS - se non si fosse capito, ho avuto qualche problema con il copia e incolla. ^^'
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 26.11.2010 alle ore 19:02
@Lyserjik - sì l'avevo sospettato! :D

Io non dico che un post frivolo/leggero è fuori posto, assolutamente. Altrimenti non li scriverei, o comunque magari li terrei separati (chessò, farei un blog serio e uno frivolo, o qualcosa di simile). Il mio blog mi piace proprio perché è eterogeneo e puoi trovarci qualsiasi cosa. Forse questa cosa penalizza un po' gli utenti che ci si avvicinano la prima volta, perché dando un'occhiata a un paio di post potrebbero farsi l'idea sbagliata, ma non mi interessa sinceramente. Mi piace un sacco scrivere quello che mi passa per la testa, dal post filosofico, a quello politico, alle recensioni dei videogiochi.

Quello che volevo dire è semplicemente che un po' mi dispiace ricevere 100 visite e 10 commenti in un articolo che reputo stimolante, e che mi piacerebbe discutere con quante più persone possibile, e vedere, per fare un esempio, che quello sul mazzo di Magic ne riceve invece 8000. Però hai ragione in effetti, un argomento più ragionato lascia sicuramente un segno più profondo. ^_^
_ Commento di Ryo _ profilo homepage
_ scritto il 05.12.2010 alle ore 20:32
Un post di dodicimila parole dove dici che stai pensando di smettere di scrivere? Sei poco credibile ;-)
CMQ è vero che i temi che tirano sono i più faceti, io l'ho scoperto da qualche tempo e li ho definitivamente eliminati.
Ecco, non l'ho fatto per avere meno pubblico, certo, ma per dare un "taglio" più chiaro al mio sito.
La darschsfera comprende anche i videogame e, perlamordelcielo, continua anche con questi post, tanto ,per compensare, io quelli li salto a pié pari!!!
PS: Adesso aspetto un post-recensione del mio libro :-P
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 06.12.2010 alle ore 18:25
@Ryo - esattevolmente, dipende dal taglio che si vuole dare al blog. Questo blog ha il tipico taglio "alla cazzo di cane", ed è giusto così. :DDD
Tranquillo, la recensione la scriverò prima o poi! :P
E comunque le parole erano 637! :P
_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 20.12.2010 alle ore 15:35
Urka, non mi ero accorto di questo post! Lusingato della citazione, e per quel che riguarda la chiacchierata... ho provato a venire al mercatino jappo ma mi sono buscato l'influenza :D
Un giorno di questi dobbiamo veramente vederci. Ma veramente.
Vale anche per me quella faccenda delle POCHE, POCHISSIME persone con cui riesco a confrontarmi in modo soddisfacente, e tu sei una ^____^
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 22.12.2010 alle ore 12:56
@Il_Gobb - maledetta influenza! >_<

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 98 ospiti
Utenti più attivi del mese: Althea (4), Ryo (1)
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.496.407
Post totali: 1281
Commenti totali: 6876
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0