doc Arsenico nell'acqua - dall'Europa arriva la sentenza definitiva
_ scritto il 22.04.2011 alle ore 11:19 _ 4198 letture
Probabilmente non tutti sono a conoscenza del fatto che nell'acqua che scorre dai rubinetti di alcuni comuni delle regioni Lombardia, Trentino, Lazio e Toscana c'è (o c'era fino a poco tempo fa, a seconda delle misure che sono state prese a livello locale) una concentrazione di arsenico tale da non consentirne l'utilizzo alimentare. Per valori di questa portata l'Istituto Superiore di Sanità, nel novembre 2010, ha consigliato di limitare l'utilizzo dell'acqua alle operazioni di igiene personale (compreso il lavaggio dei denti), igiene domestica e degli indumenti, e alla preparazione di alimenti in cui l'acqua non sia l'ingrediente significativo e in cui venga a contatto con l'alimento per tempi ridotti e successivamente rimossa nella gran parte. Con concentrazioni tali, invece, non è possibile utilizzare l'acqua per uso potabile, per la cottura e ricostituzione di alimenti e per la preparazione di alimenti in cui l'acqua sia ingrediente significativo (eg. brodi e minestre) e sia a contatto con l'alimento per tempi prolungati (eg. reidratazione, salamoie, cottura della pasta, ecc...). Pensate che perfino le imprese alimentari non dovrebbero utilizzare l'acqua che esce dalle tubature comunali.

A QUESTO INDIRIZZO (Allegato II, pagine 10-14) trovate l'elenco dei 128 comuni nei quali, nel novembre 2010, erano state rilevate concentrazioni di arsenico troppo alte.

Il 22 marzo scorso l'Unione Europea ha deciso che valori compresi tra i 10 e i 20 microgrammi/litro di arsenico sono accettabili per un periodo di tempo limitato senza rischi per la salute, ma che bisogna prestare attenzione ai bambini fino ai 3 anni di età.
Dal testo si evince che i comuni dovrebbero aver già adottato delle misure correttive, ma a quanto pare il recepimento della deroga da parte delle autorità sanitarie italiane procede a rilento, tant'è che, per fare un esempio, il sindaco del comune di Aprilia (in provincia di Latina), Domenico D'Alessio, il 31 marzo 2011 (appena 20 giorni fa, alla data in cui scrivo) ha disposto il divieto assoluto a tutta la popolazione di usare l'acqua del rubinetto a fini potabili e alimentari.

A QUESTO INDIRIZZO trovate il testo della decisione (che riporta i termini della deroga, l'elenco dei comuni interessati, i regimi di monitoraggio e le misure correttive che i comuni dicono di aver adottato), mentre QUESTA è la nota dell'ISS di cui vi accennavo nella parte iniziale dell'articolo.


[Questo post è stato pubblicato su AgoraVox.it, se vi interessa leggere altri commenti ecco il link]
Darsch
_ chiavi di lettura:salute, alimentazione, europa, agoravox

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 22 ospiti
Ultimi utenti registrati: NinjiaKidd, Lucapietro, andinar, Damiano, Susi
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.550.720
Post totali: 1281
Commenti totali: 6883
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0