doc Agenti provocatori
_ scritto il 30.06.2012 alle ore 14:00 _ 1767 letture
Sarò un povero disilluso sognatore, ma sono convinto dell'esistenza di una manciata di iniziative che potrebbero migliorare non poco la disastrosa situazione in cui versa il nostro paese. Una di queste - che pare sia, neanche a dirlo, ampiamente utilizzata in altri paesi più furbi di noi - è l'utilizzo dei cosiddetti "agenti provocatori", che non sono altro che persone incaricate di lanciare l'esca e vedere se il pesce abbocca, cogliendolo in flagranza.

L'idea è molto semplice, ma a mio parere estremamente efficace. Chiunque abbia un incarico pubblico deve essere onesto e dimostrare di saper gestire le sue mansioni in maniera trasparente e pulita. L'agente dovrà fingersi un'altra persona (un imprenditore, un uomo particolarmente potente o facoltoso, e via discorrendo) e "tentare" il pubblico amministratore con offerte allettanti, cercando di corromperlo. Se questo dovesse accettare, finirebbe in galera senza passare dal Via. In caso contrario potremmo ritenerci un pochino più sicuri sull'onestà di questa persona.

So già cosa state pensando: in Italia finirà che dovremmo avere gli agenti provocatori degli agenti provocatori, visto che nessuno ci potrà garantire la loro onestà. Mi verrebbe da rispondere che di qualcuno dobbiamo pur fidarci, altrimenti tanto vale lasciare andare tutto a catafascio, ma credo sia piuttosto plausibile che una persona il cui lavoro è cercare di far cadere un'altra persona in una trappola, sia a sua volta microfonata e controllata, in modo da avere una prova schiacciante.

Io sarei addirittura per misure ancora più drastiche, per quanto riguarda alcune cariche pubbliche particolarmente delicate. Come quella adottata - se non erro - da Rudolph Giuliani nei confronti degli amministratori della raccolta differenziata quando diventò sindaco di New York: gli avrebbe assegnato l'incarico solo previa dichiarazione scritta di consenso ad essere intercettati.

A mali estremi...

Il vero problema, però, è che per attuare misure del genere c'è prima di tutto bisogno di un Parlamento formato da persone oneste, elette da cittadini onesti. E questa è tutt'altra storia.
Darsch
_ chiavi di lettura:corruzione, politica, giustizia, governo

_ potrebbero interessarti


commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 26 ospiti
Ultimi utenti registrati: cri71, Renato1969, NinjiaKidd, Lucapietro, andinar
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.768.539
Post totali: 1297
Commenti totali: 6895
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0