doc Terremoto - meglio un allarme in più?
_ scritto il 01.02.2013 alle ore 11:55 _ 1484 letture
Ricorderete l'assurda sentenza di primo grado che ha condannato degli scienziati per aver rassicurato la popolazione nei giorni precedenti il terremoto dell'Aquila del 6 aprile 2009, nel corso di quella famosa riunione della Commissione Grandi Rischi. Una specie di messa in scena organizzata con il preciso intento (c'è anche una telefonata di Bertolaso a confermarlo) di dare l'impressione che il messaggio provenisse dai massimi esperti in sismologia, persone che invece non avrebbero mai fatto affermazioni del genere, visto che è impossibile prevedere eventi sismici.

Una delle conseguenze di quel processo è sotto gli occhi di tutti noi proprio in questi giorni: la Presidenza del Consiglio ha diramato una sorta di "allarme preventivo" per la Garfagnana sulla base di un avviso dalla Protezione Civile. Il tutto al grido di "prudenza". Ma che prudenza c'è nello scatenare il panico in sedici paesi che, nonostante non ci fosse nessun vero e proprio ordine di evacuazione, di fatto si sono svuotati di migliaia di persone? Gente che ha dormito al freddo senza alcuna assistenza, anziani presi dal panico, terrore sui social network. E' davvero meglio un allarme in più? Avete la più pallida idea dei rischi che un'evacuazione può portare alla popolazione, o di cosa vuol dire gestire un'emergenza del genere?

Per cosa poi? Per una valutazione dell'INGV travisata, come al solito, visto che poi l'Istituto ha dichiarato che "nel comunicato in oggetto non è stata formulata alcuna previsione di forti terremoti, ma semplicemente una valutazione sulla possibile evoluzione della sequenza iniziata lo scorso 25 gennaio con la scossa di magnitudo 4.8". Quindi parliamo di previsioni probabilistiche e periodi di ritorno in base a individuazioni di natura storica.
"Possibile evoluzione" vuol dire che magari domani c'è una scossa forte, oppure che lo sciame terminerà e tra 4 mesi, senza che nessuno possa fare nulla per prevederlo, si verificherà un evento sismico consistente. Può anche voler dire che tutto resterà tranquillo per un mese. Un anno. Un decennio. Il punto è proprio questo: non si può sapere. E allora che facciamo? Teniamo il territorio nazionale soggetto a rischio sismico costantemente allerta e sfolliamo ad ogni minima scossa, con tutti i rischi che ne conseguono per i cittadini?

La verità è che i terremoti si prevengono a monte. A partire dalla cura e dalla responsabilità di chi dovrebbe salvaguardare la popolazione con interventi strutturali di prevenzione.
Darsch
_ chiavi di lettura:terremoto, sicurezza, allarmismo, scienza

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Il_Gobb _ profilo homepage
_ scritto il 01.02.2013 alle ore 15:46
Prevenzione e maggiore educazione scientifica, così magari i giornalisti riportano correttamente i comunicati stampa o, in alternativa, la gente capisce quel che c'è nei comunicati. Ma figuriamoci se accadrà mai.

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 93 ospiti
Utenti più attivi del mese: andinar (1)
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.316.944
Post totali: 1236
Commenti totali: 6861
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0