doc Elezioni 2013 - considerazioni a getto d'inchiostro
_ scritto il 26.02.2013 alle ore 20:17 _ 2291 letture
Vorrei davvero capire cosa passa per la testa di quel terzo di votanti che ha nuovamente disegnato una croce sul simbolo di Berlusconi, come se gli ultimi 20 anni fossero stati un sogno, qualcosa di distaccato, successo ad altri. Magari un film visto di sfuggita alla TV mentre il gatto ti lecca le dita e i bambini litigano. Vorrei chiedere a ogni persona che a novembre del 2011 festeggiava le sue dimissioni se è rimasta della stessa idea, o se questa piccola "pausa tecnica di riflessione" di 16 mesi regalataci da quei geni di Napolitano, Bersani, Casini e Fini è bastata a fargli dimenticare la profondità dell'abisso in cui eravamo precipitati. Allora chiunque ti rispondeva "finalmente ce lo siamo tolto dalle palle", proprio come adesso tutti si chiedono "ma chi cazzo l'ha votato?!?", eppure eccolo di nuovo lì, con la faccia soddisfatta, né vittorioso né sconfitto. Perché è esattamente questo che voleva, altrimenti la promessa del rimborso dell'IMU avrebbe dovuto mantenerla. No, a lui basta mettere bocca sul paio di questioni che gli interessano e, soprattutto, lasciare tutta la responsabilità sulle spalle di Bersani, il "grande sconfitto" di queste elezioni - se mi passate la definizione da mass media. Perché la palla avvelenata adesso ce l'ha lui, l'onere di instaurare un dialogo con Grillo è tutto suo - non penso proprio che Berlusconi sia così stupido da proporre una sorta di alleanza Pd-PdL - e se farà qualche cazzata di chi sarà la colpa? Così andremo avanti zoppicando per qualche mese, con un PD claudicante dalla scarsa autonomia, un Movimento 5 Stelle che al massimo può aspirare al tanto sbandierato ruolo di "controllore del Parlamento" (sì, ok, può anche essere carino che l'infermiera della porta accanto sia riuscita ad accedere al Senato e il tecnico dei computer del negozio sotto casa ha un posto alla Camera, ma guardiamo in faccia la realtà per favore) e il PdL che si crogiola togliendo i segna-posto alle medesime poltrone che aveva lasciato in caldo, mentre bombarderà gli italiani a livello mediatico per sottolineare le difficoltà di questo "governo di comunisti, incapaci e politici improvvisati". E ci riuscirà, come è riuscito ad alzarsi in piedi in soli 2 mesi a forza di presenze costanti in TV, false promesse ben infarcite e denigrazioni a raffica. Ma mi dicono che non tutto è perduto. Lo dicevamo anche l'altro ieri, ed eccoci qui. Tuttavia alcuni punti di contatto tra PD e M5S in effetti ci sono e potrebbero essere usati per disinnescare qualche candelotto di dinamite che siederà insieme a loro al Senato. Certo, la fiducia al governo da parte degli anti-casta per eccellenza non c'è proprio da aspettarsela, però il Movimento potrebbe lasciare qualche porta aperta su alcune questioni che i loro programmi si prefiggono di affrontare allo stesso modo. E tra un po', quando torneremo a votare, forse ci sarà una legge elettorale un po' meno iniqua e qualche angolo smussato qua e là. Oppure i grillini potrebbero andare avanti col cipiglio che li caratterizza da sempre e negare qualsiasi tipo di fiducia o apertura, dimostrando sostanzialmente due cose: di essere portatori sani di irresponsabilità e di preferie deliberatamente lo sfascio del paese allo scopo di racimolare voti che poi, alla fine, non è neanche detto che andrebbero a loro (ricordate di cosa è capace il simpatico Silvietto di cui sopra, no?). Non ci rimane che fare quello che ci riesce meglio: gli spettatori.

PS: io intanto ho appena letto che Scilipoti tornerà in Parlamento e ho bisogno di affogare in un barattolo di Nutella.
Darsch
_ chiavi di lettura:elezioni, politica, governo

_ potrebbero interessarti


_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 27.02.2013 alle ore 15:53
Dicevamo?
_ Commento di Il_cusu _ profilo
_ scritto il 27.02.2013 alle ore 19:49
Guarda, su Berlusconi non ho parole. È indecente quello che è successo.
Cambiando argomento, speravo che Grillo fosse più ragionevole, ma non ci credevo veramente. Speravo potesse dare la fiducia ad un governo che tratti questioni di loro interesse, ma evidentemente non ne è in grado. È evidente che voglia un'alleanza PD-PDL per la fiducia al governo, in modo da poterci lucrare sopra in futuro (sempre che ci sia ancora qualcosa in futuro), come è evidente che Berlusconi voglia l'alleanza PD-M5S per lo stesso motivo. Ora tutto dipende da quanto sarà politicamente abile Bersani (e quindi ormai siamo fregati).
Come dicevi tu, non ci resta che fare gli spettatori.
_ Commento di Darsch _ profilo
_ scritto il 28.02.2013 alle ore 17:57
@Il_cusu - E' vero che dipende da quanto sarà politicamente abile Bersane, ma anche da quanto saranno politicamente responsabili quelli del M5S. E viste le recenti uscite del loro leader, ho dei seri dubbi in proposito.

commenta

_ Puoi inviare un commento libero oppure accedere o registrarti per avere un tuo profilo e sfruttare appieno le funzionalità del sito.

Inserisci le due parole nell'apposito spazio:
(registrandoti al sito non dovrai più inserirle)

Accedi al sito o registrati

TOP
Utenti online: 59 ospiti
Ultimi utenti registrati: andinar, Damiano, Susi, Aftaelle, Alex777
Visite univoche ai post da dic. 2007: 4.357.351
Post totali: 1237
Commenti totali: 6864
© darsch.it [2007-2017] _ Powered by Tribe Studio _ Cookie policy

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e la frequenza degli articoli non è prestabilita, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

I contenuti di questo blog sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia, ad eccezione dei box 'citazione' o dove diversamente specificato. I commenti degli utenti sono di loro esclusiva proprietà e responsabilità.
Creative Commons License RSS 2.0 Valid XHTML 1.0